Destro sempre più convinto di passare al Milan


Secondo quanto riporta Sportitalia la fiducia del Milan nei confronti di Mattia Destro sta crescendo sempre di più. Il diritto di riscatto non dà certezze all’attaccante ma l’arrivo al Milan darebbe al calciatore quella visibilità che la Roma non può dargli data l’alta concorrenza. In caso di partenza di Pazzini il Milan potrebbe anche virare su Okaka.

Photo Credits | Getty Images


LEGGI ANCHE  Come potrebbe giocare Dybala con la maglia della Roma

82 commenti su “Destro sempre più convinto di passare al Milan”

  1. Garcia fa giocare sempre gli stessi con lo stesso modulo con i stessi criteri,destro non e’ un centravanti aderente agli schemi del francese….in piu’ oltre a saper fare tap in quando e’ stato proposto non ci ha fatto mai spellare le mani quindi ….amen

    Rispondi
  2. lupetto giallorosso ha detto:

    @thiago94: io dico solo che lo abbiamo pagato 16 per scaldare una panca lo diamo al milan che non lo riscattera mai a quella cifra,purtroppo il volere del giocatere e’ fondamentale nelle trattative…..comunque ripeto ci puo’ stare iun investimento sbagliato,il fumante ci ha fatto fare grandi plusvalenze ripeto amen speroamo di comprare luiz o un centravanti all’altezza…..per il resto nessun dramma….

    l’investimento è stato sbagliato in quanto non gioca mai. come ucan paredes e compagnia bella

    Rispondi
  3. cmq regà io non so parente di destro… quando andrà via dalla roma me ne farò una ragione come me la sono fatta per giocatori più forti di lui.
    non credo che la roma e garcia abbiano fatto la scelta giusta stavolta. molte scelte giuste sono state fatte in passato questo secondo me no. il centravanti giovane italiano più forte non lo si da via per 700 mila euro di prestito. non esiste al mondo .
    citatemi un solo caso dove l’acquisto più costoso della campagna acquisti in Italia è arrivato nella squadra a fare panchina

    Rispondi
  4. lupetto giallorosso ma poi,qualcuno ci vieta di provare a venderlo a quella cifra? Ci multano per caso? Pure x me non vale quella cifra,ma il mercato è strano,pensa te che Carroll venne pagato 40 mln…pensa che Balotelli 20 x tre volte…ragioniamo un pochino dai su

    Rispondi
    • @thiago94: Tu che avresti fatto???Avresti messo il diritto di riscatto a 5 mln??? Così che Galliani questa estate chiede lo sconto x compraselo a 2 mln? Cioè seriamente

      Rispondi
    • @thiago94: io dico solo che lo abbiamo pagato 16 per scaldare una panca lo diamo al milan che non lo riscattera mai a quella cifra,purtroppo il volere del giocatere e’ fondamentale nelle trattative…..comunque ripeto ci puo’ stare iun investimento sbagliato,il fumante ci ha fatto fare grandi plusvalenze ripeto amen speroamo di comprare luiz o un centravanti all’altezza…..per il resto nessun dramma….

      Rispondi
      • @lupetto giallorosso: Siamo d’accordo che è stato un investimento sbagliato,il punto è che bisogna cercare comunque di tenere alto il prezzo x non farlo svalutare troppo.

      • @lupetto giallorosso: Ma ne possiamo riparlare quando vuoi,dato che non potrai mai aver ragione. Sono d’accordo anche io che non vale quella cifra,ma comunque si mette un diritto di riscatto alto per non farlo svalutare e tenere alto il prezzo,anche se non è facile

  5. lupetto giallorosso ha detto:

    @thiago94: [email protected]: certo destro lo vendiamo a 16 ……ahahah

    Facciamo che se lo vendiamo a 16 o più, ti levi dai cojoni?
    Scommessa facile.
    Se no mi levo dai cojoni io, mi immolo.

    Ma tanto la vinco facile, visto che stai sparando una cacata dopo l’altra.

    Rispondi
  6. lupetto giallorosso ha detto:

    @aleste85: destro e’ stato un investimento sbagliato ci puo’ stare…..amen

    Ma lo hai mai scritto un post positivo qua sopra?
    Ma lo fai apposta?

    Mamma mia che pesantezza.

    Rispondi
  7. aleste85 ha detto:

    @Pessoa: c’è il porblema della volontà del giocatore che non considerate mai…. vedi jedvaj ad esempio.
    se il giocatore vuole rimanere glielo dai a meno soldi piuttosto che tenerlo in rosa controvoglia

    Sì, alla metà.
    Peccato che Jedvaj tra un bonus e l’altro sia partito al prezzo della Roma.
    Peccato.

    Che noia, veramente.
    Scenari improponibili.

    Rispondi
  8. aleste85 ha detto:

    Francesco10 ha detto:
    Posto questo articolo… Ha scritto esattamente quello che penso anche io!
    La cessione di Destro è la dimostrazione più evidente che la Roma considera Garcia un punto fermo del proprio progetto. Sabatini e, dunque, Pallotta hanno fatto la loro scelta: Garcia intoccabile, la squadra verrà costruita attorno a lui, in base al suo stile, al suo modo di fare calcio. Via Destro, che ok sarà pure un gran talento, ma non entra nei meccanismi di gioco del tecnico, e dunque via l’ex Siena, e dentro uno tra Salah, Luiz Adriano e Konoplyanka, tutti giocatori molto diversi da Destro, tutti giocatori molto più vicini al gioco Garciano, passatemi il termine.
    Ho sentito lamentele riguardo all’addio dell’ex Siena; giustamente, c’è chi non comprende come la Roma possa lasciar partire uno dei principali talenti del campionato. Destro è potenzialmente un campione, e posso dirlo senza poi dovermene pentire: se sarà bravo, lui, a non esagerare con ambizioni e voglia di essere protagonista, potrà diventare un punto fermo del calcio italiano, nazionale compresa. La Roma, però, vuole cederlo, perché il calciatore pretende di giocare di più (e questo se da un lato è voglia di affermarsi, dall’altro può essere vista come una mancanza di umiltà, una mancata voglia di voler aspettare il proprio turno) e perché in fondo le sue caratteristiche non sono – come appurato – neanche ideali per gli schemi di Garcia.
    Gervinho e Iturbe: rapidi, veloci, il primo determinante, il secondo non ancora ma con tutte le potenzialità per diventarlo. Totti: monumentale, inamovibile. Destro: prima punta vecchio stampo, troppo lontana dalla concezione di attaccante di movimento concepita dal generale Garcia. Dunque, giù dalla torre Destro, e fiducia totale all’allenatore di una Roma che, allora, a meno di cataclismi e di disastri combinati dal francese (difficile) sembra aver dichiarato tra le righe, con questa operazione di mercato, che Garcia, nella Capitale, lo si avrà ancora per molto molto tempo. Una sorta di manager alla Ferguson? Sì, l’idea è quella, ed è anche piuttosto ambiziosa. Vincere nella Capitale non è mai facile, lo sappiamo, ma aver trovato un punto-base, lavorarci insieme e attorno, soprattutto dargli fiducia a lungo termine, è qualcosa che può assolutamente portare quei benefici utili a rendere la squadra giallorossa finalmente competitiva in Italia e in Europa.
    per me questo articolo è follia allo stato puro.
    arrivo a capire chi considera destro una piappa. inquel caso ha senso cederlo…
    ma cederlo considerandolo forte per dare spazio al “monumentale” ed “inamovibile” prossimo 39enne non ha senso.

    Bah.
    Le cose pù sensate che si possano leggere qua sopra.

    “Destro, che ok sarà pure un gran talento, ma non entra nei meccanismi di gioco del tecnico
    Destro è potenzialmente un campione
    La Roma, però, vuole cederlo, perché il calciatore pretende di giocare di più (e questo se da un lato è voglia di affermarsi, dall’altro può essere vista come una mancanza di umiltà, una mancata voglia di voler aspettare il proprio turno) e perché in fondo le sue caratteristiche non sono – come appurato – neanche ideali per gli schemi di Garcia.
    Destro: prima punta vecchio stampo, troppo lontana dalla concezione di attaccante di movimento concepita dal generale Garcia”

    Mi devi di’ doì sta la follia in queste righe.
    Hai letto Totti e t’è andato il sangue alla testa.
    Ma mi sembrano tutte cose ovvie.

    Rispondi
    • @Pessoa: la follia sta nel considerare destro forte e cederlo per fare spazio a totti.
      lacazzata del destro inadatto al gioco di garcia ce la siamo inventata da poco. perché ricordo che garcia lo reputava perfetto per il suo gioco per le sue stesse parole.

      Rispondi
  9. lupetto giallorosso ha detto:

    @down under: che destro se lo comprano con 7-8 a giugno

    E basta co’ le stronzate.
    Stai diventando monotono a fuori di spargere lacrime qua sopra.

    Ma chi compra chi? C’è un contratto, la Roma non svende nessuno.
    Al massimo torna a va altrove.

    Rispondi
    • @Pessoa: c’è il porblema della volontà del giocatore che non considerate mai…. vedi jedvaj ad esempio.
      se il giocatore vuole rimanere glielo dai a meno soldi piuttosto che tenerlo in rosa controvoglia

      Rispondi
      • @aleste85: Si però se facciamo decidere sempre i giocatori,come con Jedvaj,rimaniamo sempre con un pugno di mosche in mano. Arriverà il momento che daremo in prestito un giocatore da 30 mln, e gli altri lo riscattano a 5.

  10. Francesco10 ha detto:

    Posto questo articolo… Ha scritto esattamente quello che penso anche io!
    La cessione di Destro è la dimostrazione più evidente che la Roma considera Garcia un punto fermo del proprio progetto. Sabatini e, dunque, Pallotta hanno fatto la loro scelta: Garcia intoccabile, la squadra verrà costruita attorno a lui, in base al suo stile, al suo modo di fare calcio. Via Destro, che ok sarà pure un gran talento, ma non entra nei meccanismi di gioco del tecnico, e dunque via l’ex Siena, e dentro uno tra Salah, Luiz Adriano e Konoplyanka, tutti giocatori molto diversi da Destro, tutti giocatori molto più vicini al gioco Garciano, passatemi il termine.
    Ho sentito lamentele riguardo all’addio dell’ex Siena; giustamente, c’è chi non comprende come la Roma possa lasciar partire uno dei principali talenti del campionato. Destro è potenzialmente un campione, e posso dirlo senza poi dovermene pentire: se sarà bravo, lui, a non esagerare con ambizioni e voglia di essere protagonista, potrà diventare un punto fermo del calcio italiano, nazionale compresa. La Roma, però, vuole cederlo, perché il calciatore pretende di giocare di più (e questo se da un lato è voglia di affermarsi, dall’altro può essere vista come una mancanza di umiltà, una mancata voglia di voler aspettare il proprio turno) e perché in fondo le sue caratteristiche non sono – come appurato – neanche ideali per gli schemi di Garcia.
    Gervinho e Iturbe: rapidi, veloci, il primo determinante, il secondo non ancora ma con tutte le potenzialità per diventarlo. Totti: monumentale, inamovibile. Destro: prima punta vecchio stampo, troppo lontana dalla concezione di attaccante di movimento concepita dal generale Garcia. Dunque, giù dalla torre Destro, e fiducia totale all’allenatore di una Roma che, allora, a meno di cataclismi e di disastri combinati dal francese (difficile) sembra aver dichiarato tra le righe, con questa operazione di mercato, che Garcia, nella Capitale, lo si avrà ancora per molto molto tempo. Una sorta di manager alla Ferguson? Sì, l’idea è quella, ed è anche piuttosto ambiziosa. Vincere nella Capitale non è mai facile, lo sappiamo, ma aver trovato un punto-base, lavorarci insieme e attorno, soprattutto dargli fiducia a lungo termine, è qualcosa che può assolutamente portare quei benefici utili a rendere la squadra giallorossa finalmente competitiva in Italia e in Europa.

    per me questo articolo è follia allo stato puro.
    arrivo a capire chi considera destro una piappa. inquel caso ha senso cederlo…
    ma cederlo considerandolo forte per dare spazio al “monumentale” ed “inamovibile” prossimo 39enne non ha senso.

    Rispondi
  11. Sento commenti risibili si mette sull’altare uno pseudo fenomeno come destro……panchinaro nella roma ….con luiz adriano che non sata’ ibraimovic …ma gioca e segna nello shaktar che a noi in europa ci farebbe li bozzi……bho..

    Rispondi
  12. lupetto giallorosso ha detto:

    @centurione destro ERA un giovane di belle speranze ….ha subito un involuzione spaventosa …non partecipa al gioco ,per stoppare na palla ci mette 2 ore e segna solo se gliela metti sulla linea di porta 16 milioni bittati

    Ancora con questa baggianata dello stop?
    Destro non sara’ Messi ma nemmeno la pippa che molti di voi continuano a dipingere.
    Venderlo adesso a 700.000 euro + 16.5 ml diritto di riscatto, significa che il Milan ci dara’ noccioline a giugno. Tanto valeva tenerlo noi sino a giugno. Poi mi sta bene prendere un rinforzo in avanti ma non pensiamo che Luiz Adriano si trasformi da noi in Higuain. Potra’ anche essere piu’ bravo di Mattia (tutto da dimostrare) ma rimane pur sempre un rischio.
    Se vediamo quello che faceva Luiz Adriano in Ucraina all’età’ attuale di Destro, 23 anni, (10 goal a stagione) abbiamo l’idea di chi stiamo acquistando. Prima del panchinamento definitivo la Roma con Destro in campo aveva una media punti superiore a quella senza Destro, significa che il ragazzo il suo l’aveva fatto.

    Rispondi
    • @down under: che destro se lo comprano con 7-8 a giugno e’ pacifico …….che destro non sia un campione e’ pacifico che luiz adriano sia molto meglio e’ assodato

      Rispondi
  13. non sto capendo più nulla.
    Destro al Milan in prestito oneroso con diritto di riscatto.
    poi uno dice che c’è l’obbligo
    Un altro dice che c’è un’offerta di 30 milioni ( 😆 ) e 4 di ingaggio, ma Destro, convinto dalla moglie, rifiuta la Germania.
    Luiz Adriano viene, anzi no, lo prendiamo a giugno.
    Konoplyanka, dice che rimarrà al Dnipro fino a fine contratto, ma che i due club sono d’accordo tra loro. E pure suo padre dice la sua

    😯 😯 😯 😯
    🙄 🙄 🙄 🙄
    mal di testa

    nel frattempo, in Guinea Equatoriale le cose non vanno meglio. C’erano una volta i Leoni Indomabili 🙄 adesso al massimo sono gatti domestici
    Speriamo almeno in un aiuto dal sorteggio 😯 🙁

    Rispondi
  14. Posto questo articolo… Ha scritto esattamente quello che penso anche io!

    La cessione di Destro è la dimostrazione più evidente che la Roma considera Garcia un punto fermo del proprio progetto. Sabatini e, dunque, Pallotta hanno fatto la loro scelta: Garcia intoccabile, la squadra verrà costruita attorno a lui, in base al suo stile, al suo modo di fare calcio. Via Destro, che ok sarà pure un gran talento, ma non entra nei meccanismi di gioco del tecnico, e dunque via l’ex Siena, e dentro uno tra Salah, Luiz Adriano e Konoplyanka, tutti giocatori molto diversi da Destro, tutti giocatori molto più vicini al gioco Garciano, passatemi il termine.

    Ho sentito lamentele riguardo all’addio dell’ex Siena; giustamente, c’è chi non comprende come la Roma possa lasciar partire uno dei principali talenti del campionato. Destro è potenzialmente un campione, e posso dirlo senza poi dovermene pentire: se sarà bravo, lui, a non esagerare con ambizioni e voglia di essere protagonista, potrà diventare un punto fermo del calcio italiano, nazionale compresa. La Roma, però, vuole cederlo, perché il calciatore pretende di giocare di più (e questo se da un lato è voglia di affermarsi, dall’altro può essere vista come una mancanza di umiltà, una mancata voglia di voler aspettare il proprio turno) e perché in fondo le sue caratteristiche non sono – come appurato – neanche ideali per gli schemi di Garcia.

    Gervinho e Iturbe: rapidi, veloci, il primo determinante, il secondo non ancora ma con tutte le potenzialità per diventarlo. Totti: monumentale, inamovibile. Destro: prima punta vecchio stampo, troppo lontana dalla concezione di attaccante di movimento concepita dal generale Garcia. Dunque, giù dalla torre Destro, e fiducia totale all’allenatore di una Roma che, allora, a meno di cataclismi e di disastri combinati dal francese (difficile) sembra aver dichiarato tra le righe, con questa operazione di mercato, che Garcia, nella Capitale, lo si avrà ancora per molto molto tempo. Una sorta di manager alla Ferguson? Sì, l’idea è quella, ed è anche piuttosto ambiziosa. Vincere nella Capitale non è mai facile, lo sappiamo, ma aver trovato un punto-base, lavorarci insieme e attorno, soprattutto dargli fiducia a lungo termine, è qualcosa che può assolutamente portare quei benefici utili a rendere la squadra giallorossa finalmente competitiva in Italia e in Europa.

    Rispondi
  15. Le parole di Konoplyanka mi fanno capire una cosa, che se la Roma gli offre di più a livello di stipendio a Giugno è nostro…

    Luiz Adriano subito e Konoplyanka a Giugno sarebbe davvero il massimo!

    L’attacco sarebbe rinforzato in maniera notevole e potremmo concentrarci FINALMENTE sul portiere e sui terzini!

    Rispondi
    • Se nemmeno uno degli allenatori + vincenti della storia come Ferguson ci ha creduto vuol dire che era difficile prevedere questo exploit 😉

      Rispondi
      • @pevek80: Pogba secondo me è sicuramente un ottimo giocatore, ma non è la stella mondiale che si vuol far passare..io ho visto le ultime 2 partite di campionato della juve, osservando in particolare Pogba, bhe prima dei gol ha sbagliato una marea di passaggi e non stava giocando per niente bene..

        A me Pogba sembra il caso fotocopia di Balotelli, non so se vi ricordate 4-5 anni fa quando Raiola faceva le stesse identiche sparate su Balotelli “meglio di lui solo Messi e CR7” “prossimo pallone d’oro”, “minimo 50mln per comprarlo” ecc..Poi fateci caso a ogni pallone che tocca Pogba, anche il piu semplice dei passaggi, il commentatore esordisce sempre con “numero di Pogba”, “super Pogba” ecc..Io sono curioso di vedere fra 4-5 anni se sarà tanto piu bravo di quanto è ora..ma dubito.. La Juve il colpaccio lo deve fare quest anno, vendendolo finche è al massimo, perche poi andra svalutandosi quando realizzeranno che non è sto fenomeno che la stampa vuol far passare..

  16. Io al posto di Adriano preferirei Benteke, più giovane, con esperienza in premier e poi è una montagna di muscoli che non da punti di riferimento, il problema è trattare con i club inglesi!! Però se davvero per adriano si arriva alla cifra di 15 m, con 17 mi piglio Benteke!

    Rispondi
    • @fede87:
      Magari! Il problema e’ che i prezzi in premier sono impazziti e con 17 ml ci compri un difensore . Benteke purtroppo non costera’ meno di 30

      Rispondi
  17. Il gioco di rudi garcia per chi non lo avesse capito non contempla un centravanti come destro ….sto signore non dovevamo manco comprarlo……luiz adriano in quel ruolo e’ perfetto

    Rispondi
  18. Io non capisco abbiamo a Roma il Dott Mariani che coi crociati e’ una garanzia invece vanno ad operarsi in Olanda da chissa chi e poi questi sono i risultati 🙄 🙄 🙄 🙄

    Rispondi
  19. Queste le parole riportate da La Gazzetta dello Sport di Konoplyanka, l’esterno del Dnipro in trattative con la Roma: “Ho saputo che si è parlato anche di visite mediche imminenti, ma non è vero. Ho promesso al presidente del Dnipro che sarei rimasto fino al termine del contratto. Da quanto mi risulta i due club hanno già trovato un accordo, ma non ancora con me. Ecco perché la trattativa non si è conclusa. Ma la Roma mi piace, è un grande club europeo. E sono convinto che in questi giorni si deciderà il mio futuro”.

    Rispondi
      • @lupetto giallorosso: questo è un altro, ennesimo esterno…
        Ma chi mette la palla dentro??? qui tutti crossano, corrono sulle fasce ma nessuno segna…!!!

  20. Stiamo dando via il miglior attaccante ITALIANO in circolazione per i capricci del Mister Garcia.
    Ma come.. !! Non riusciamo a segnare, abbiamo carenza di gol, e ci vendiamo Mattia Destro??
    Ammesso e non concesso, ma in cambio di chi? Chi è tanto bravo, capace di entrare e iniziare da subito a fare gol come faceva Mattia? Perchè potete di tutto quello ke volete ma la media gol tra minuti giocati e gol fatti è a favore del ragazzo…!!
    Leggo poi che Adriano non è sicuro forse questo, forse quello.. Cosi non si va da nessuna parte.. O entra un degno sostituto alla Cavani ad esempio, una bestia in area, ma in questo caso Garcia se deve da na regolata, oppure manco ce vojo pensà a chi comporrà il tridente d’attacco della ROMA…
    TOTTI GERVINHO LJIALIC nessuno dei tre è una punta di ruolo alla Tevez alla Higuain, come Ibrahimovic o Cavani…
    Il resto so kiakkere al vento.. e con le parole non si vince nulla..
    SEMPRE E COMUNQUE FORZA ROMA!!

    Rispondi
    • @centurione destro ERA un giovane di belle speranze ….ha subito un involuzione spaventosa …non partecipa al gioco ,per stoppare na palla ci mette 2 ore e segna solo se gliela metti sulla linea di porta 16 milioni bittati

      Rispondi
      • @lupetto giallorosso: non sono affatto d’accordo.. è una punta classica, al quale, per il gioco di Garcia, non viene mai passata una palla decente.. non viene lanciato, e malgrado questo ha fatto anche quest’anno i suoi gol.. pochi per i minuti che ha giocato effettivamente…
        del resto, in Italia di meglio non c’è… ed è un fatto che la ROMA davanti sta in crisi e non segna più..
        e noi ke facciamo? vendiamo l’unica punta di ruolo che abbiamo…

      • @centurione: se lo vendiamo ne arrivera’ un altro …magari piu’ tecnico piu’ grintoso con esperienza internazionale….fidati

  21. Non state a sentì le caxxate dei giornalisti, se la Roma e il Milan hanno già firmato l’accordo per Destro ( e anche questa potrebbe essere n’artra caxxata), cmq se è vero, Sabatini ha già il sostituto che potrebbe essere Luiz o un nome che non è stato ancora fatto.
    Calma e sangue freddo e sempre forza Roma

    Rispondi
  22. Moviola Gazzetta :Questione di centimetri, forse millimetri. Sul gol qualificazione della Juve c’è un’ombra: la posizione di Llorente è al limite, sembrerebbe di pochissimo in fuorigioco. Perfino le immagini tv non danno certezze. Insomma, impossibile da valutare in diretta per l’assistente Posado: nel dubbio (se lo ha avuto) ha lasciato giù la bandierina come da disposizioni. Per il resto, Peruzzo troppe volte ha fermato il gioco su normali contrasti, in controtendenza rispetto al campionato.

    Rispondi
    • @pevek80:

      questa volta infatti il probema non è l’arbitro, il fuorigioco non era facile da individuare, il problema sono i media, poi qualcuno dice di non credere alle teorie del complotto.

      All’indomani del rigore con l’empoli, anche quello di difficile lettura, il corriere titolava
      ” roma avanti ma non c’è rigore”, il titolo sulla juve non mette minimamente in risalto il possibile con in fuorigioco.

      se questa è un sistema mediatico equo…si è capito l’andazzo, noi in questo periodo siamo in difficoltà… ma si è capito come deve andare a finire.

      Rispondi
  23. Oggi finalmente sapremo il destino di Destro, e in base a ciò capiremo chi arriverà! Se Destro rimane arriva Molto probabilmente Konoplyanka altrimenti Luiz Adriano… I media inglesi danno molto vicino anche l’arrivo di Chiriches… In tribuna anche ieri sera!

    Chiriches & Luiz Adriano

    Oppure

    Chiriches & Konoplyanka

    ?????????

    Applausi x Saba

    Rispondi
    • A qst punto l arrivo dell’ ucraino mi pare improbabile…speriamo in Luiz o in una sorpresa del Saba…so’ due notti che nn dormo e sto qui ad aspetta’…damose na mossa!

      Rispondi
      • @Uomo di m…ondo: Guarda… Per Konoplyanka nutro ancora qualche speranza! Secondo me se Destro rimane il Saba cercherà di alzare l’ingaggio del giocatore in modo da pareggiare almeno l’offerta del Liverpool e degli Spurs! Secondo me il nodo è tutto lì… Sempre e solo i soldi! 🙂

  24. Mah, anche se tra Milan e Roma ci sono stati contatti sin dall’estate per il giocatore, questa operazione sembra imbastita all’ultimo momento trovando impreparati i vari attori.
    Tutti ci stanno facendo una gran figura di merda e chi guarda da fuori la cosa non capisce il perche’ ci stiamo liberando di Mattia, ancora adesso considerato uno degli attaccanti italiani piu’ bravi, nemmeno fosse un’appestato.

    – Galliani che si umilia al citofono, in puro stile Tare, supplicando Destro
    – Sabatini che contatta giocatori di mezza Europa ricevendo pernacchie
    – Destro che si impunta non per rimanere ma su bonus e premi in perfetto stile Borriello

    E in tutto questo casino gli unici che hanno fa perdere siamo noi…. 👿

    Rispondi
    • @down under: nn credo che la Roma stia facendo figuracce sul mercato… Sabatini ha praticamente raggiunto l’accordo sia x Salah che per Luiz Adriano e non dimentichiamo Konoplyanka! Il Milan invece sta elemosinando Destro… Galliani che suona il campanello di casa del l’attaccante giallorosso è una cosa comica!!! Le pernacchie che dici te sono arrivate solo da Konoplyanka che vuole un ingaggio più alto ed è affascinato dall’inghilterra… Ci può stare! Ormai il campionato italiano rispetto alla Premier, alla Liga e alla Bundesliga è visto cone una sorta di “serie b”!

      Rispondi
  25. Ao! Ma che pecionata… Robba che se Destro rimane, ammappa che figura de mmerda. Ma io dico, un grande cleb come il Milan si espone ne sta maniera ridicolmente triste… La Roma che je da pure corda… Il giocatore che dà forti segni di squilibrio mentale manco fosse un habitué del crack ucraino… Certo è che sto ragasso nun mi sembra così gonvinto di andare. La Roma si, chissà mai perché..

    Rispondi

Lascia un commento