Il presidente Pallotta non vuole più errori

Rassegna Stampa Forza-Roma.com- Il presidente della Roma James Pallotta in questi giorni è stato a strettissimo contatto con Walter Sabatini ed è stato molto chiaro con il ds soprattutto dopo le dimissioni di Baldini ieri: lo statunitense vuole unaRoma competitiva e nessun errore in futuro a partire dalla scelta dell’allenatore che deve essere ben studiata ed in tempi non eccessivamente lunghi.

Secondo il quotidiano Sabatini ha recepito il messaggio del suo presidente e si è messo al lavoro: Rudi Garcia, Blanc, Mancini e Bielsa questo è il suo ordine di preferenza.

Photo Credits | Getty Images

Condividi l'articolo:

56 commenti su “Il presidente Pallotta non vuole più errori”

  1. io vi dico un altra deta ..ieri in un rete televisivo in Romania si parlato di Baldini e sua demissine dalla Roma.in quella reta era anche ds dal Steaua Bucarest.che ha deto che tra Baldini e Sabatini era un guerra fredo,squadra era spacata in due tra calciatori pro or contra,lui diceva che si e informato su questa situatione dal qualque calciatore che conosce bene area romanista : ❗ wink: 😉 😉

    Rispondi
    • @cosmin_asr: si grazie , non ce lo doveva dire il ds dello steaua che tra baldini e sabatini e tra baldini e baldissoni c’era la guerra…
      qui si sapeva da inizio anno!

      Rispondi
  2. mmmhhhh….attenti che se s’encazza pallotta……..

    ‘Secondo il quotidiano Sabatini ha recepito il messaggio del suo presidente’—-(QUALE PRESIDENTE?..QUELLO CHE OGGI HA SFONDATO LA ROMA SUL CDS?)…

    Rispondi
  3. vediamo se pure il presidente si è svegliato!!! certo ce ne ha messo di tempo per capire che ci sono stati errori, fino a poco fa ancora dava fiducia incondizionata… vediamo se le cose stanno cambiando! 🙂

    Rispondi
    • @Peter Pan:
      no peter, non sto parlando di risultati!! è questo che molti di voi non capiscono. dei risultati dopo una rifondazione mi importa poco, a me interessa una crescita, crescita che non può esserci con 4 allenatori e 3 rivoluzioni sul mercato, si riparte sempre da zero o quasi.
      sto parlando di evidente confusione dirigenziale che praticamente ci ha quasi fatto buttare due anni.
      è logico avere stagioni di transizione dopo un cambiamento così grande, ma se ogni anno si riparte da zero, allora ci vuole un cambiamento dei dirigenti che hanno potere esecutivo e che evidentemente hanno sbagliato, sennò non partiremo mai e resteremo in prima senza mai passare in seconda.
      ora il concetto è più chiaro? ed è sbagliato ciò che dico?? 😉

      Rispondi
  4. il_Duca ha detto:

    @il_Duca: cioè quello che vojo di è che ormai me pare quasi de tifa la lazio invece che la Roma
    1

    e basta……..ma pensa a tifà ROMA e quelle seghe de formello lasciale ndò stanno…….stamo a parlà de professionisti poi se hanno sbagliato è un altro discorso……..ma che davero davero il fumante prima de mòvese chiama lotito ??? ma vatte a fa vede da uno che ce capisce.

    Rispondi
    • @lupogio: la misura dello sfascio romanista la da L’OSSESSIONE PER L’AVICOLA PENNUTI…..e basta con questa LAZ….BASTA….OSSESSIONATI.

      QUESTO PER LORO E’ IL MASSIMO DEL MINIMO DELLE LORO ESISTENZE…

      RESTA IL FATTO CHE….LOTITO CERCA PUBBLICITA’ E GONFIA IL PETTO…E’ IL SUO MOMENTO E’ GIUSTO….cosi’ e’ PER ORA….

      MA ATTENZIONE AL LORO SPUDORATO TENTATIVO PREMEDITATO DI APPROPRIARSI DELLA ROMANITA’ CHE CONTA…….QUELLA CLASSICA!!! FORBO LOTITO…E’ UN DRITTO.

      CAVE CANEM…

      Rispondi
  5. ok ha pagato baldini, ma a sabatini è difficile da criticare come ds..ti ha fatto plusvalenza con borini, quasi tutti quelli che ha comprato ora valgono di più e i giocatori quando c’ha speso i soldi veri li ha indovinati, ti ha fatto capolavori come marcos, borini, castan, lamela..i giocatori che ha preso in prestito , in comproprietà o che hai pagato poco c’è sempre un rischio maggiore di sbagliarli..gli attuali ds delle squadre più forti del campionato hanno floppato affari mooolto più grossi e sono ancora lì, è stato impeccabile sotto questo punto di vista(dai 10 ml in su).

    Rispondi
    • @TheMirror: Sabatini e piu grande talent-scount ma NO e un DIRETORE SPORTIVO,se lui era un DS bravo oggi Roma aveva UNA SQUADRA.ma dopo 2 anni no lo ha…capisci!!!!!!!!!!

      Roma e piena di talenti prometenti in futuro che no servono a niente..solo per fare mercato per altri

      Rispondi
  6. IL MESSAGGERO (U. TRANI) – «Franco, tu sei la Roma». Fine luglio, a cena in un ristorante del porto di Boston, l’incoronazione della proprietà Usa, nonostante la prima annata fallimentare: settimo posto, niente Europa, Luis Enrique in fuga e 16 sconfitte. James Pallotta, l’estate scorsa, tranquillizzò il dg Baldini che, dopo dieci mesi, si chiama invece fuori dal progetto statunitense. Con due anni d’anticipo. Il presidente giallorosso accetta la scelta anche perché il dirigente, chiamato nell’ottobre 2011 da Londra dove ancora lavorava con Capello per la nazionale inglese, sente di non essere coinvolto come vorrebbe. A Trigoria il consorzio americano ha come primo interlocutore il ds Walter Sabatini che da mesi ha pieni poteri. Tolti proprio al direttore generale e anche all’ad Claudio Fenucci. Il rappresentante dei soci bostoniani è invece il CEO Italo Zanzi.

    ADDIO ANNUNCIATO
    Baldini, insomma, va via. Si sente di troppo. Ma si arrende anche a se stesso. Non è più quello del terzo titolo romanista, l’uomo che convinse Sensi a prendere Batistuta, con 70 miliardi, per scucire lo scudetto dalle maglie della Lazio di Cragnotti. E nemmeno l’uomo che dichiarò guerra alla Juve di Giraudo e Moggi, spingendoli nel baratro di Calciopoli. Nessuno lo ferma perché, tra i tanti errori commessi (li fanno tutti, però), il dg si comporta da estraneo: è fuori, nei comportamenti, dal pianeta Roma. Pallotta ha ricevuto le lamentele di chi vive quotidianamente Trigoria: il dg è distante e a volte assente. Più con la testa che fisicamente. I giocatori non lo hanno mai riconosciuto come capo. Negli spogliatoi lo chiamano Shakespeare, per il modo poetico di affrontare le interviste, o Pupo, per la voce che ricorda il cantautore toscano. Se Burdisso, uno dei leader dello spogliatoio, ha bisogno di confrontarsi con la dirigenza, sale in ufficio da Sabatini. Baldini si ritrova solo quando salta la trattativa con lo sceicco: a parte l’amico Fenucci, gli altri gli voltano le spalle. È il dg ad aver indicato Al Qaddumi, su suggerimento di Padovano, agli americani e al consigliere Baldissoni. Felici del potenziale partner, dopo l’intervento di UniCredit che ha bloccato l’operazione, hanno scaricato ogni responsabilità su Baldini che, dal giorno del suo insediamento, ha subìto la figura di Mark Pannes, uomo di fiducia di Pallotta che ha allontanato alla fine del primo anno due uomini di fiducia del dg, il preparatore dei portieri Tancredi e il responsabile della comunicazione Lo Monaco. Tra le gaffe del dg quel Totti «pigro» prima ancora di entrare a Trigoria e la frase «ancora mi chiedo chi me l’ha fatto fare» sul suo ritorno nella capitale. E, ultima, la battuta «tanti allenatori vogliono venire da noi e tra questi anche Allegri».

    LA DECISIONE 10 GIORNI FA
    Baldini ha avvertito Pallotta dopo la finale della Coppa Italia, ma la società giallorossa ha aspettato che diventasse ufficiale il trasferimento di Stekelenburg al Fulham, visto che sui contratti la firma era quella del dg. Nel comunicato non si fa riferimento alle dimissioni: «L’AS Roma rende noto di aver risolto consensualmente il rapporto professionale con Baldini. Le operazioni calcistiche restano affidate al ds Sabatini che riporterà direttamente al CEO Zanzi». Quest’ultimo controlla per Pallotta, anche se la Banca spinge per assumere un manager italiano, super partes, per gestire la situazione delicata di queste settimane. Un professionista. Come Montali. «Voglio ringraziare la proprietà per l’opportunità che mi è stata data. Sono stato benissimo a Roma e auguro il meglio per il club, i giocatori e tutti i tifosi» il saluto del dg. «Apprezziamo moltissimo il contributo fornito da Baldini al nostro club» la replica di Zanzi. «La nostra priorità rimane il successo sul campo. Abbiamo fiducia nel nostro futuro e vogliamo continuare a costruirlo sulla base del talento che abbiamo assemblato in questi due anni. Sabatini ed io lavoreremo a stretto contatto con il presidente per formare il nostro staff tecnico e la rosa».

    L’ULTIMO SGARBO
    A Baldini è stato fatto vedere il nuovo logo solo il giorno prima della presentazione. Il dg contestò il disegno: «Va modificato». Zanzi e Baldissoni si sono opposti: «Non possiamo cedere alle pressioni della piazza». E adesso la prossima tappa dell’ex dg giallorosso sarà Londra, sponda Tottenham.

    06-06-2013

    Rispondi
  7. il_Duca ha detto:

    @Monkey.D Luffy: nn ha speso cosi’ tanto, considerando che la roma ha 87 milioni di debito, al netto delle cessioni poi………..
    0

    bhe in corispendenza delle altra italiane ha speso conta che i soldini dell europa mancano da 3 anni

    Rispondi
  8. non dimentichero’ mai quel che Franco Baldini ha rappresentato per la Roma di Franco Sensi…
    EMERSON SAMUEL….
    LE LOTTE…
    ma sono obiettivo nel valutare che in questi due anni…sono stati commessi troppi errori…e lui da DG HA SCELTO DI PAGARE…..cosa rara in un paese RIDICOLO COME IL NOSTRO….gli americani sono cosi’…ti danno tempo ma poi sanno come farsi rispettare…
    questo e’ un SEGNALE ANCHE PER GLI ALTRI GALLI…SABATINI COMPRESO…ORA VEDREMO COME AGIRA’….SI DOVRA’ ASSUMERE LE SUE RESPONSABILITA’ nella scelta del tecnico..e COMPLETARE FINALMENTE LA SQUADRA CON 4 PEDINE DI PESO ED AFFIDABILITA’….e smetterla di ESSERE TROPPO AMICO DEI GIOCATORI…..
    E’ IL MOMENTO CHE CHI DEVE SEDERSI IN PANCHINA …O ANDARE IN ALTRI LIDI….VADA….!!!! RIPULIRE LO SPOGLIATOIO….ALTRIMENTI CHI VIE’ VIE’ SARA’ SEMPRE SCHIAVO DEI VIZI ROMANI…
    PAGA BALDINI PERCHE’ E’ GIUSTO….ONORE A FRANCO.
    ZANZI ERA PRONTO E VIGILE PER QUESTO…MICA E’ SCEMO PALLOTTA…
    BALDINI HA DIMOSTRATO CHE CON SABATINI IL FEELING ERA FINITO….
    I GALLI ERANO TROPPI….E ORA TOCCHERA’ AD ALTRI DIMOSTRARE IN PIENO COMPETENZE ED INTELLIGENZA….VEDREMO…
    A COMINCIARE DALLA SCELTA DEL TECNICO…
    era logico che per dare continuita’ al progetto tecnico a pagare fosse FRANCO….e non sabatini che comunque ha azzaccato alcuni tasselli PESANTI IN ORGANICO….
    toglierli entrambi ed insieme sarebbe STATO UN SUICIDIO ED UNA PERDITA DI TEMPO E COMPETITIVITA’ A BREVE…..
    LA NUOVA ROMA HA BISOGNO DI CONTINUITA’ SCELTE FORTI..E CORAGGIO….MA CONTINUITA’ TEMPORALE….SOPRATTUTTO…
    ora vedremo….che i rapporti tra Franco e gli altri fosse ai minimi termini era risaputo…
    Franco ha dimostrato di aver bisogno di una figura forte al suo fianco….tipo fabio capello….
    SEMPRE ONORE A FRANCO BALDINI…..RICONOSCENDO LA STRONZATA ALLEGRI….
    ora tocca a te…SABATINI……
    forza Roma….oltre la magia…

    Rispondi
  9. er presidente a boston non centra niente ❗ i dirigenti ci sono x prendere decisioni visto che pallotta non capisce na mazza de calcio ❗ la colpa è de pallotta se mancando 2 terzini buoni si spendono 20 mln per destro avendo in rosa gia osvaldo? 🙄 è colpa de pallotta se si fa un contratto da 6 mln e questo giocatore non rende?è colpa di pallotta se si gioca piu x record personali che qll della squadra? è colpa de pallotta se incaso di errori arbitrali i nostri dirigenti fanno cm gesu cristo e porgono l altra guancia?è colpa de pallota se a inizio anno si fanno proclami e a fine ce stanno le prese per culo?andate a vede qnt a speso sto presidente e poi parlate ❗

    Rispondi
    • @Monkey.D Luffy: quoto. Basterebbe conoscere i fondamenti più semplici di diritto societario per capire in che modo sono spalmate le responsabilità di questi due anni. L’unica colpa di Pallotta potrebbe essere quella di non aver provveduto prima a una riorganizzazione, ma tant’è. Forza James, il nostro Presidente. Forza Roma!

      Rispondi
      • @Area 51: l’unico incapace era seduto in panchina, insieme a chi dice che abbiamo una rosa di incapaci..

      • @Area 51:

        si 87 sono tanti se fossi partito da 0, ma visto che il bilancio del 2011 recitava Patrimonio netto negativo per 44 milioni, direi che un -78 in due anni non è proprio un disastro.

      • @ecovian: ma non era stata fatta un’altra ricapitalizzazione per coprire il buco iniziale? io ne ricordo una da 50 ml

      • @TheMirror:

        No non è stata fatta una ricapitalizzazione, ma sono stati garantiti i debiti grazie ad un finanziamento in quota parte degli Americani e di Unicredit

    • @Monkey.D Luffy: Bisogna dare la colpa comunque a qualcuno (non certo ai tifosi), ma a chi fa il mercato, ovvero Sabatini, a chi ha preso gli allenatori (Baldini e Sabatini) a chi ha fatto scegliere agli allenatori i giocatori da prendere…(Angel, Goicoechea…)

      Rispondi
  10. @il_Duca: Lotito rimpiangerà presto tutta questa sua spacconeria e questi colpi bassi alla dirigenza della Roma. Qualcuno sarà anche simpatizzante della Lazio, io sinceramente questo non lo so, ma se anche fosse un dipendente che ci tiene al suo lavoro, alla sua professionalità e innanzi tutto alla sua dignità non può, se sta bene con la testa, mettere in secondo piano tutto ciò rispetto alla squadra che tifa. Facesse il contrario sarebbe da manicomio. Ripeto, Lotito si pentirà di aver fatto il gradasso, spesso con argomenti da bar. Tutto gli si ritorcerà contro, sportivamente parlando. Se le cose vanno bene in queste ore e si lavorerà bene in fase di mercato, la prossima potrà essere la stagione della nostra rinascita. E allora saremo noi a ridere. Forza Roma!

    Rispondi
    • @fulmicotone988: e’ come quando hai un fratello complessato che vive il suo momento di gloria…..
      ma la ruota gira…..

      Rispondi
  11. Se non vuole più errori dovrebbe lasciare lui per primo.
    Come può la squadra della Capitale italiana avere un presidente che vive a Boston e che “partecipa” alle decisioni più importanti in videoconferenza?
    Facciamo ridere l’Italia.
    Siamo l’unica squadra della serie A ancora senza allenatore.

    Rispondi
    • @vicenza: Fosse uno sceicco che ci da i vari CR7, Neymar, Falcao, allora sarebbe tutto compensato dall’assenza, tramite le vittorie, ma fare beggio degli ultimi 20 anni, record negativi di 40 anni e oltre, non è che sia piacevole, tra l’altro noi ci dobbiamo vedere i vari Kajer, Angel, Gago…

      …e molti che abbiamo ora che dovrebbero fare le valige.

      Rispondi
    • @il_Duca: L’unico modo è dare risultati per tornare ad alti livelli, una terza stagione deludente non è permissibile.

      Con i Sensi per avere una squadra da scudetto hanno mandato via Zeman, sennò col cavolo che lo vincevamo. Poi hanno preso giocatori di un certo spessore, solo così si vincerà.

      Io credo che i vari Lamela e Destro sono bravi giocatori, ma fino ad ora non hanno dati cenni da poter essere capaci di dare continuità (come accade a chi vince uno scudetto)

      Rispondi
  12. LA VERA STORIA DEL NUOVO ALLENATORE.

    La Roma contatta Mazzarri e Allegri, sparge a destra e a manca la notizia, tratta con gli allenatori, lascia intendere all’esterno che dopo due anni di melma è ora della svolta, ci vuole un allenatore serio, quindi puntiamo sui due migliori oggi in Italia…ma la Roma non ha intenzione ne di prendere Mazzarri e ne di prendere Allegri, è solo marketing verso i tifosi…passa il tempo nell’isteria generale e poi sfumano Mazzarri e Allegri…a questo punto bisogna dare in pasto alla piazza qualche altra illusione, quindi si inizia a costruire l’interesse per Blanc, Rjikaard, Bielsa…ovvero diamoci un profilo internazionale, con nomi noti alla massa ma di fatto emerite scommesse anche loro…e via di trattative più o meno fantasiose…nel frattempo mettiamo nel calderone pure Mancini e costruiamo piano piano la figura dell’outsider…Rudi Garcia…

    Ad oggi siamo tutti convinti che la Roma nonostante l’incapacità palese, stia trattando un allenatore finalmente di spessore e magari mi sbaglio, ma alla fine ci ritroveremo una ennesima scommessa, tipo Garcia che magari si rivelerà un fenomeno ma che ado oggi non è molto diverso da un Colantuono o un Pioli, ma il fatto che sia straniero e che sia stato messo a confronto con Allegri, Mazzarri, Blanc, Mancini etc, ha costruito nel nostro immaginario la figura di un grande allenatore di cui nessuno di noi sa veramente nulla.

    Tutto questo per un altro motivo che poi vedremo alla fine dei giochi…ovvero quanti soldi abbiamo da spendere…Gli allenatori che hanno un nome vogliono dei giocatori che abbiano un certo spessore. Allegri, Mazzarri, Mancini, Blanc etc se li fai venire a Roma devi pagarli parecchio e devi pure fare una campagna acquisti che abbia un senso…allora in parallelo fai uscire nomi che non siano sconosciuti…la Roma tratta Nainggolan, Astori, Basta, Benatia, Wallace, Paulinho…e chi sa quanti altri ne usciranno…ma alla fine del calciomercato arrivano i Piris i Dodò e una nuova infornata di giovani speranze.

    Mi sembra che questa Roma sia brava nel marketing…verso noi tifosi…sono bravi a costruire illusioni, dipingere una immagine di società che nonostante abbia sbagliato adesso si sta impegnando per la svolta…e alla fine saremo tutti convinti che Garcia è il migliore degli allenatori su piazza e che quel manipolo di nuovi scappati di casa che arriveranno alla fine della campagna acquisti siano tutti fenomeni che ci faranno fare il tanto desiderato salto di qualità…per poi accorgerci di nuovo, verso dicembre che stiamo attraversando una nuova stagione di una mediocrità senza precedenti…

    A me la Roma sembra questa, sembra una società di venditori di fumo, alla fine manca sempre l’arrosto. Spero di sbagliare, ma alle volte a pensar male ci si indovina…

    Rispondi
    • @CORE_GIALLOROSSO:
      Hai fotografato la triste realtà, purtroppo.
      Avrei scritto le stesse parole.
      Per questo ribadisco che dovrebbero andarsene tutti, non solo Baldini.
      Zanzi… ma chi è?

      Rispondi
  13. LA MEDIA DEI PUNTI, FATE LE VOSTRE SCELTE

    RUDI GARCIA

    45,00 % Vittorie
    28,81 % Pari
    26,19 % Sconfitte

    LAURENT BLANC

    58,89 % Vittorie
    20,00 % Pari
    21,11 % Sconfitte

    ROBERTO MANCINI

    55,06 % Vittorie
    24,90 % Pari
    20,04 % Sconfitte

    MARCELO BIELSA

    42,94 % Vittorie
    24,71 % Pari
    32,35 % Sconfitte

    LUCIANO SPALLETTI

    50,47 % Vittorie
    24,20 % Pari
    25,33 % Sconfitte

    —a confronto con—

    ANTONIO CONTE

    50,22 % Vittorie
    31,28 % Pari
    18,50 % Sconfitte

    JOSE’ MOURINHO

    66,93 % Vittorie
    19,92 % Pari
    13,15 % Sconfitte

    LUIS ENRIQUE

    44,05 % Vittorie
    23,81 % Pari
    32,14 % Sconfitte

    ZDENEK ZEMAN

    39,32 % Vittorie
    26,04 % Pari
    34,64 % Sconfitte

    ANDREAZZOLI

    52,94 % Vittorie
    23,53 % Pari
    23,53 % Sconfitte

    “Stando a questa classifica che ho riportato, chi prendereste?”
    La squadra conta, è vero, ma questo è l’insieme della media punti delle squadre allenate

    Rispondi
    • @Area 51: però devi pure tenere presente su quali dati fai le statistiche. Altrimenti Andreazzoli ha le stesse medie di Spalletti, ma uno ce l’ha su 500 partite e uno su 18…

      Numeri alla mano direi che nell’ordine dovremmo prendere:

      Mourinho
      Conte
      Blanc
      Mancini
      Andreazzoli
      Spalletti
      ….etc

      Ma noi prenderemo Garcia!!! A prescindere…

      Rispondi
      • @CORE_GIALLOROSSO: Si lo so, comunque la classifica è stilata su tutte le partite, dunque Spalletti ha una media sicuramente migliore di Andreazzoli, in quanto sono anni che allena, Andrazzoli solamente 6 mesi. Così come gli altri allenatori 😉

      • @CORE_GIALLOROSSO: La prima lista fa parte di quelli che dovremmo prendere in teoria, gli altri sono da confronto e come detto Andreazzoli ha allenato solo 6 mesi (sicuramente meglio di Zeman ha fatto), Blanc per esempio mi da l’idea di uno che vince.
        Rudi Garcia è buono, ma non conoscendo il nostro campionato potrebbe fare una media come Luis Enrique, poi tocca vedere…

        Mancini è laziale e non mi piace per come si è comportato, poi lui ha allenato quasi sempre grandi squadre, qui non è detto che trovando giocatori mediocri possa fare un altrettanto campionato mediocre…

        Devo cercare la media punti solamente del 2012-2013 almeno posso dare una classifica migliore…

  14. Io non capisco come facciano a scrivere certi articoli… la roma non ha rilasciato dichiarazioni e non credo che abbiano invitato i giornalisti ad entrare a trigoria e far seguire le riunioni. Tutto ciò che è stato detto sono solo IPOTESI. Ognuno dice una cosa diversa; chi blanc, chi garcia chi mancini…. il fatto è che i giornalai non ci stanno capendo nulla e cercano di inventarsi notizie. Vorrei sapere come fanno a sapero cosa ha detto pallotta a sabatini (sempre s ehanno parlato).

    Rispondi
      • @cantera:
        l’ipotesi delle “fonti” all’interno di trigoria è fondata. sono anni che gli allenatori come dicono una cosa alla squadra questa viene subito fuori. percui un fondo di verità ci sarà sicuramente. il resto è speculazione giornalistica

      • @aleste85:
        si ma sono fonti che per me sono più spie che altro, danno fastidio, dovrebbero essere cacciate .

    • @Capt: Sono ipotesi si, ma alcune sono sensate, altre illogiche.

      Pallotta da quando è arrivato che ha detto di volere andare almeno in Champions…

      Rispondi
  15. Un buongiorno a tutti i tifosi Romanisti… tutti l’altri si astengano. 8)
    SempreForzaMagicaRoma

    4-2-3-1
    ——————-Rafael——————–
    —Jung-Marcos–Benatia–Castan —
    ———Bradley——-Fernando———–
    Lamela————Pjanic————Dodò
    —————–Destro———–————

    allenatore Rudi Garcia
    … poi se ci comprano anche Silva abbiamo anche il sostituto per far rifiatare a turno o Jung o Lamela
    Gabriel Silva del Tottenham… sulla linea di centrocampo ha fatto il fenomeno, lo so che è un terzino…come lo era zambrotta…

    Rispondi

Lascia un commento