Angelini: “Mi sto informando sui valori. Quando potrò fare un’offerta? Metà-fine Giugno”

Alla trasmissione "La Signora in Giallorosso", è intervenuto Francesco Angelini ed ha parlato delle sue intenzioni, del fatto che VUOLE entrare per aiutare la Roma, per aiutarci. Si è detto molto perplesso su tanti punti, tra cui il discorso-stadio. Parole che daranno ancora più sicurezza ai tifosi, quasi tutti, che sono dalla sua parte. Che vogliono che lui entri nella Roma.

Prima un appello a tutti i Romanisti: "Ai tantissimi colleghi tifosi romanisti, ma anche a chi ha piacere di conoscere la mia opinione, voglio dire che mi sento molto coinvolto dalle vicende della Roma. Stamattina il signor Piero Torri ha correttamente precisato che non c’era bisogno di smentire che io avessi preso contatti con la famiglia Sensi, poiché io non l’ho mai detto. Questa cosa è successa anche nelle altre circostanze in cui si è accostato il mio nome alla Roma. Riguardo ciò che penso sull’attuale situazione, ho reagito in modo diverso rispetto al passato. In realtà ci sono due ragioni di ciò: quella che mi sta più a cuore è che io, da tifoso, mi dispero quando la Roma va male e c’è qualcuno che ci attacca: io ne soffro. E vivere questo momento mi addolora in maniera importante, mi toglie una delle gioie della vita. Mi state togliendo questo, e non lo state togliendo solo a me: penso ai ragazzi della curva, che tornano dallo stadio con gli occhi gonfi e con le sciarpe arrotolate in segno di sconfitta. Io mi sento parte di questo dolore e non mi sta bene quello che sta succedendo, perché non doveva succedere". Sull’involuzione della Roma: "Una squadra che stava vincendo lo scudetto a mezz’ora dalla fine della partita di Parma, che era salita al settimo posto della classifica mondiale, che migliorava nel tempo il suo brand e il suo marchio facendoli diventare significativi, una squadra in questa condizione, con tutte le vittorie in Coppa Italia e della Supercoppa, è passata in modo assurdo in una situazione che fa soffrire me e tutti i tifosi della Roma. Ad un certo punto, osservi impietrito tutte queste cose, guardi questa campagna acquisti fatta all’ultimo momento e non condivisa dai riferimenti tecnici interni alla società; una campagna acquisti raccogliticcia ed eseguita in tempi sbagliati. Poi lo scandalo Spalletti che ha sconvolto l’ambiente (anche se io credo poco a questa cosa come conseguenza di tutti i problemi successivi) al quale è cominciato a seguire il dramma, con sconfitte di continuo subite giocando un calcio terribile, dopo aver giocato la stagione precedente con grande sicurezza: questa cosa ti massacra. E pensando che tutto questo doveva nascondere anche delle situazione economiche della società, si genera l’impressione che i rapporti creati tra società e finanziamenti si siano alterati in questa maniera". E’ cambiato qualcosa nella Roma: "Rispetto a prima, è cambiato qualcosa, perché prima non volevo mettere a rischio le mie imprese con un investimento importante su una cosa, che implica anche un programma futuro di importanti investimenti. Ora mi sono mosso in questa direzione, prendendo genericamente delle informazioni. Cosa che non si può fare in pochissimi giorni: è impossibile. Per programmare tutto, non bastano cinque minuti. Mi sento tranquillo nel dire che se si vogliono fare cose per bene, non si deve operare in pochi giorni, ma occorrono delle settimane. Dovrebbero essere cambiate alcune cose rispetto a valutazioni che si potevano fare un anno fa. Oggi, la mia impressione è che queste valutazioni e questi rapporti di valori siano cambiati. Non bisogna comunque dimenticare la gestione di questi anni, e quello che ha fatto il grande Franco Sensi: ha sacrificato tantissimo del suo patrimonio immobiliare, una passione straordinaria, ma purtroppo questo personaggio è venuto a mancare. Ora mi voglio informare, voglio capire. Mi sono detto: invece di un americano, un russo, un arabo, perché non un imprenditore romano?" Sul perchè voglia entrare e sul come poter entrare: "Io comunque non vado cercando pubblicità, perché abbiamo un marketing molto orientato sui marchi, anche se il ritorno d’immagine aiuta sempre, ma non è la ragione per cui ho reagito in modo diverso rispetto al passato. Semplicemente, mi informo, vorrei capire come sono i valori, come stanno le cose e quali sono i meccanismi economico finanziari che regolano certi tipi di situazioni. Ritengo indispensabile che, se ci venisse di fare in mente qualcosa di più dopo aver effettuato le analisi necessarie, bisognerebbe investire sugli specialisti del settore, specialisti di altissimo livello. Non bisogna comprare soltanto Messi, Ronaldo e Torres, ma bisogna anche circondarsi da manager e tecnici all’altezza nel calcio. Perché non ho chiesto direttamente informazioni alla famiglia Sensi? Mi riesce difficile fare un gesto come entrare in contatto con i Sensi, senza una conoscenza che mi possa permettere di avanzare qualche proposta. Io ho sentito la necessità, prima di fare questo passo, di cercare di capire le regole del gioco, e le situazioni finanziarie ed economiche solitamente sono alla base di qualunque valutazione. Sto cercando di capire". Alla domanda su quale potrebbe essere un ruolo dei Sensi, dopo un suo eventuale acquisto, e quale accordo potrebbe essere siglato: "Amici comuni con la famiglia Sensi hanno cercato di avere un colloquio; può essere una cosa insignificante, ma può essere anche un segnale. Io ho parlato anche di una joint venture, tipo di operazione che ho fatto con un’azienda che è la più importante del mondo, e la cosa ha funzionato. Basta scrivere bene le regole del gioco. Bisogna poi vedere come si possono stabilire nel calcio queste regole. Io ho parlato del 50%, avendo letto che la Sensi ci tiene moltissimo a mantenere il controllo della società. Non mi sono posto come quello che dice ‘Compro tutto io’, proprio per manifestare una disponibilità verso la famiglia Sensi. La Roma è quotata in Borsa e, per un’eventuale acquisizione, ci sono diverse possibilità. Dipende anche da quello che succede sul mercato azionistico. Se alla fine di tutte le analisi, fossero evidenti le possibilità di prendere il controllo della Roma, spingerei per questo. Non c’è la necessità di prendere il 100%, cosa opportuna se un’azienda fa profitti. Ma l’aspettativa, nel caso della Roma, non sarebbe quella di fare profitti straordinari. Il punto essenziale è il controllo, mentre prendere il 100% serve in un’azienda che fa ampi profitti. Poi certamente il profitto interessa, anche per investirlo. Io credo molto nella pianificazione, avere un’azienda che funziona, e che poi certamente faccia profitto. Non è comunque fondamentale che questa faccia altissimi profitti. Comunque si dovrebbe uscire dall’autofinanziamento. Io ritengo sbagliatissimo il discorso del mecenate che tira fuori una cifra impressionante per tenere in piedi una società. E a proposito del 50 e 50, eventualmente l’altra parte non deve necessariamente essere la famiglia Sensi. La formula è valida dal punto di vista aziendale. Nel calcio spesso queste formule sono andate male, ma questo può dipendere dalle mancanza di regole del gioco, che possono funzionare anche nelle società sportive". Sulla vicenda Soros: "Avevo informazioni positive sulla persona Soros. E’ una persona con disponibilità straordinarie e circondata da persone capaci e aveva fatto una proposta importante e allettante. Io facevo il tifoso e non mi dispiaceva l’idea che una persona con le sue risorse potesse prendere la Roma. Non ero entusiasta per il fatto che fosse ungherese. Ma siccome le informazioni davano scenari importante, ero favorevole ad un suo ingresso nell’As Roma. Facendo un discorso da bar, posso dire che quella situazione doveva essere presa in considerazione, e mi pare strano che così non sia stato". Sullo Stadio: "Non riesco a interpretare questa storia del nuovo stadio. Non mi convincono molte cose che ho letto. Non si capisce chi mette i soldi, dove come, quali sono le attività collaterali. I 50.000 spettatori non mi convincono; Roma non è una piazza da 50.000 spettatori, ma stiamo scherzando? L’esempio deve essere quello di alcuni paesi stranieri, dove lo stadio porta introiti importanti. Tra le informazioni che sto prendendo, comunque, c’è anche questa questione dello stadio. Per questo, servirebbe un investimento di 200-260 milioni di euro, e lo stadio di Roma secondo me dovrebbe avere almeno 75.000 spettatori. Non dimentichiamoci che Roma è una città da quasi 6 milioni di persone". Gli sono stati chiesti i tempi: "I tempi che mi sono dato per fare queste analisi? Prima di metà-fine giugno, penso non si possa avere un’idea chiara per decidere eventuali operazioni". 
Infine, chiama la Sensi e chiedi collaborazione.
"Spero che prenda il telefono per parlare con me e che lo faccia con piacere. Ascolterei volentieri una sua eventuale proposta. Gli direi: “Prenda questo essermi esposto come motivato dalla grossa preoccupazione, di un appassionato romanista che vorrebbe fare qualcosa”.

Condividi l'articolo:

23 commenti su “Angelini: “Mi sto informando sui valori. Quando potrò fare un’offerta? Metà-fine Giugno””

  1. Speriamo che con Angelini finisca questa farsa della possibile vendita che tutti gli anni vede protagonista la Roma davanti al mondo . Credo la Roma non meriti un trattamento così ridicolo anche fuori dal campo ; siamo partiti dai russi e abbiamo fatto il giro del mondo con i possibili compratori

    Rispondi
  2. intanto si è pubblicamente esposto, cioè sappiamo che una persona in carne e ossa (e non uno pseudonimo scritto sul giornale) è interessato a rilevare quote della società e non penso che voglia fare una figura di merda tirandosi indietro.
    Non è questione che di ingenuità o scaltrezza dei tifosi, piuttosto è che ci siamo proprio rotti **********: Rosella se ne deve andare altrimenti faremo la fine del Parma

    Rispondi
  3. queste parole servono ad uscire allo scoperto per non permettere piu alla sensi di difendersi con la storia che non c’è nessuno,
    uno non è che può arrivare da un giorno all’altro e fare un’offerta ma serve una trattativa,delle informazioni prima,
    angelini ha voluto rendere pubblica questa trattativa , per evitare che la sensi per l’ennesima volta faccia finta di niente

    Rispondi
  4. se angelini non fa offerte è inutile che parla……con la stampa…….per sgamere la sensi avrebbe dovuto fare quello che io dico da tempo e cioè un’offerta e renderla pubblica,così nel caso la sensi avesse detto non è vero lui avrebbe potuto mostrare tutti i documenti…..invece così sono solo parole atte a destabilizzare un ambiente già stufo e a confondere tifosi poco scaltri come voi……qualcosa mi dice che a metà-fine giugno non accadrà proprio nulla…….

    Rispondi
  5. parlare così apertamente serve sia a “sgamare” Rosella, che così non può più dire che non ci sono soggetti che vogliono davvero investire, sia a evitare che la stampa crei notizie tendenziose.
    Spero tanto che Angelini entri presto nel CdA della Roma con la quota di maggioranza. E’ uno che ha le idee chiare e non è un dilettante ….abbiamo bisogno di persone come lui

    Rispondi
  6. angelì se vuoi la roma fai un’offerta congrua,rendi pubblica quella così se la sensi la rifiuta andiamo in 10000 a villa pacelli ma basta con le cazzate a mezzo stampa…la roma l’avete fatta diventare una puttana

    Rispondi
  7. ho paura che tu possa avere ragione su angelini,per quanto riguarda l’azionariato popolare in italia è vietato……….

    Rispondi
  8. Non vi rendete conto che questo ci sta pigliando per il c..o….?
    Chi fa vermente queste operazione non ne parla così chiaramente alla stampa.
    E’ una mossa di marketing. Una speculazione ai danni di una dirigenza dilettantistica come la nostra.
    Penso che la Sensi non sia il miglior presidente che possiamo avere, ma che la sua inesperianza sia una calamita per avvoltoi speculatori. Sono a contatto giornalmente con grandi imprenditori e quello che vi posso dire che gli unici sentimenti che hanno sono quelli per il potere e per il profitto.
    Non fatevi ingannare da Angelini, se ciò che ha dichiarato fosse vero vorrebbe poter dire due cose:
    – o è un altro dilettante che non si rende conto che certe operazioni vanno fatte top secret (non credo proprio!!!!!)
    – o è un avvoltoio che vuole speculare sulle disgrazie della nostra amatissima.

    IO QUOTO PER UNA SOCIETA’ DI AZIONARIATO POPOLARE STILE REAL……

    Rispondi
  9. Ragazzi non ci illudiamo sarebbe troppo bello un presidente di Roma e Romanista e oltretutto con i soldi.
    Ma la sentite quella come parla ? si sta esaltando è come Hitler convinto della vittoria finale mentre le bombe russe gli cascano attorno io non lo so se si può essere più orbi di così.
    N.B. Spero che nominando Hitler non abbia offeso nessuno e se è così mi scuso preventivamente

    Rispondi
  10. Sempre meglio un mercato orrido con Angelini il prossimo anno che un mercato orrido con Rosellaccia ancora il prossimo anno.
    Almeno il prossimo sarebbe solo di transizione e dovremmo solo aspettare.
    Ma se resta quell’altra resterà così per sempre

    Rispondi
  11. ma se questo vuole la Roma non poteva muoversi prima è in silenzio tanto da provare a comprare la società in tempo utile per fare un mercato degno , perchè era inutile vedere come andava a finire la stagione dopo l’arsenal era finita

    Rispondi
  12. I tifosi della Roma­ non sono più quelli di una volta..Oggi sono boriosi,­ accidiosi e di debole memoria!! Rimpiango tanto i tempi­ dei CUCS e di Geppo..Ma chi sono questi tifosi con­ questi nomi Tradizione e Diatinzione e robaccia varia??­ Abbiamo passato stagioni in cui si lottava per il­ centro classifica, ma non si sentì MAI un fischio dalla­ curva..Questi tifosi di oggi sono la rovina della Roma­ insieme a quel cretino di Marione della radio che non­ capisce un c**** e dovrebbe parlare di fave e pecorino­ invece di calcio
    E POI NON VEDETE CHE FACCIA DA SOLA HE C’HA ‘STO ANGELINI? MA CHE AVETE IL PROSCIUTTO SUGLI OCCHI?? QUESTO CE FA FALLI’ UNA VOLTA PER TUTTE, CE FA’ FA LA FINE DELA NAPOLI!!!

    Rispondi
  13. [quote comment=”53480″]daje angelini….
    se nn fai qualcosa non compro piu un aspirina[/quote]
    ahahahahahahahahahahahahaah

    Rispondi
  14. Secondo me fa queste dichiarazioni prima alla stampa ke alla Roma per avere l’appoggio dei tifosi mettere un po alle strette la Sensi e cercare di spuntare un prezzo migliore… detto questo speriamo ke veramente la compri o entri al 50 e 50 anke se ormai dopo sta sfilza de bufale nn c credo finke nn vedo le firme…

    Rispondi
  15. Ragazzi cio vuol dire che buttamo un altro anno….il mercato lo fara la famiglia sensi tutti parametri 0….vedi guberti, e sperando che la trattiva angelini andra a buon fine, dopo sara troppo tardi per mettere dentro gente con le palle…chi ti vende piu i giocatori forti ad agosto??

    Rispondi

Lascia un commento