Quali sono i nostri mali?

Quest’anno la Roma, non è quasi mai scesa in campo.
Diciamocelo chiaramente, perchè se la Roma, dotata di questa rosa, fosse scesa in campo sempre almeno al 70% delle proprie possibilità, ora saremmo minimo terzi o secondi. Sfortuna? Anche certo, ma non solo. Tante scelte tattiche sbagliate, probabilmente…Il Nostro mister ha voluto riprendere il 4-2-3-1 dopo aver fatto una rimonta da film "Goal" raggiunta con un roccioso e cinico 4-4-2 con il rombo, raggiungendo i risultati che tutti vediamo: più gol subiti, poco gioco intellingete, tanti lanci lunghi verso Baptista e tanti tiri senza successo. Un altro nostro problema è che, quest’anno, i nostri giocatori non tirano MAI da fuori area. Scelta tecnica? Non si sa. La scarsa volontà è un altro problema. Ogni volta che siamo andati sotto, tranne che con il Cagliari, non abbiamo mai rimontato. Abbiamo sempre perso un giocatore. Da qui arriviamo al nervosismo. Troppo nervosismo. Probabilmente sono saltati alcuni equilibri nella nostra rosa e non solo. La colpa è di tutti, è inutile trovare un caprio espiatorio. In alcune partite, sembra che ognuno giochi per sè, ma non è un solo giocatore a fare ciò. Inutile prendersela con qualcuno, inutile criticare. Aspettiamo la fine della stagione, fratelli GialloRossi. Poi faremo i conti e le valutazioni, ora possiamo solo dire che è mancato gioco, tranquillità e organizzazione. E tutto questo, non può ricadere su un giocatore o su un membro dello staff medico o su un dirigente qualsiasi.
La stagione non è finita. La Roma ha un vantaggio…ed è quello di poter guardare avanti. Ier a Trigoriai si è lavorato tanto sulla testa. Si è discusso. I mali si conoscono, la cura è una vittoria. Una spinta per rialzarsi e correre più veloce del pallone. L’altra cura? Siamo noi. Quest’anno non ci saranno coppe da alzare, non ci saranno sogni da cullare…ci sono solo preoccupazioni, ma tutto può cambiare da una giornata all’altra. Reagisci Roma, per Noi e per Te, che sei il nostro amore più grande. Vinci e torna a farci sognare. Sbraniamo tutti, come lupi. Lupi che hanno fame. 

Dite cosa ne pensate o qui nei commenti, o nella nuova rubrica " Secondo Me… ".

Condividi l'articolo:

6 commenti su “Quali sono i nostri mali?”

  1. veramente non capisco di cosa ci lamentiamo se stavolta non facciamo nulla contro i sensi,
    del sesto posto?
    ma io credo che il sesto posto per noi ormai sarà un obiettivo ambizioso

    Rispondi
  2. i nostri mali sono:
    rossella sensi non vuole vendere,
    rossella sensi non vuole vendere
    rossella sensi non vuole vendere
    rossella sensi non vuole vendere
    rossella sensi non vuole vendere

    Rispondi
  3. :18: IL PROBLEMA E’ CHE SE NON SI FA QUALCOSA DI DRASTICO, NELLA SOCIETA’ L’ ANNO PROSSIMO SARA’ MOLTO DURA XCHE SI STANNO RAFFORZANDO ALTRE SQUADRE OLTRE INTER, MILAN, JUVE, VEDI FIORENTINA,GENOA, NAPOLI QUINDI BISOGNA COSTRUIRE UNA SQUADRA, SENZA PENSARE ALLA GLORIA DEL PASSATO, (VEDI TOTTI CHE SE E’ A MEZZO SERVIZIO E’ MEGLIO FAR GIOCARE ALTRI)COMPRARE GIOCATORI DA ROMA NON I VARI LORIA, DIAMOUTENE ECC…
    E POI DICIAMO LA VERITA’ LA DIRIGENZA NON HA BUON OCCHIO X QUANTO RIGUARDA LA CAMPAGNA ACQUISTI, ABBIAMO SPESO MALE E COMPRATO A SCATOLA CHIUSA!!!!

    Rispondi
  4. Credo siano tante le cose non andate bene quest’anno: sicuramente un po’ di presunzione iniziale, che ci ha fatto partire con obiettivi ambiziosi (scudetto, finale Champion), forse troppo… Aggiungo gli infami campi di allenamento di Trigoria, che sono da terza categoria (basta vedere quello che è successo con le piogge di novembre scorso). Lo staff medico non è assolutamente stato all’altezza (la Roma ha mandato via il medico sociale). Credo manchi, tra le altre cose, un “direttore generale” alla Roma, uno che ascolta i giocatori e che mantenga i contatti tra giocatori e società: perché non c’è questa figura? :4:
    Spero poi che i Sensi mollino finalmente le redini della società: una società come la Roma non vincerà mai niente se dovrà continuare a coprire i “buchi” di italpetroli. E’ arrivato il momento per i Sensi di lasciare, per far sì che questa Roma torni ad essere una Grande Roma, e non la “rometta” vista per gran parte di questa infausta stagione. Forza Roma Sempre! :26:

    Rispondi
  5. presunzione arroganza e non voler capire la realtà che si vive ……pensare che solo perchè si è squadra della capitale tutto sia dovuto, a dispetto di una storia calcistica che non giustifica le grandi aspettative che chiedete,( per carità non che i risultati attuali debbano essere tranquillamente accettati, però esagerate sempre, come al solito ) . Un saluto cordiale senza voler offendere nessuno!

    Rispondi
  6. io kontinuo a ripetere ke 2° me dobbiamo rifare il 4-3-1-2 e se nn sbajo abbiamo battuto il Chelsea qnd siamo usciti dalla krisi kn qst modulo
    Spalletti nn vorrà aspettare Milan-Roma spero x rifare qst modulo
    kmq Redazione abbiamo rimontato anke al Bordeaux

    Rispondi

Lascia un commento