Serie A. Il prossimo anno la rivoluzione?

Serie A. Il prossimo anno la rivoluzione?

Il prossimo anno il campionato italiano rischia di essere rivoluzionato, e non mi riferisco di certo allo scandalo Scommesse, che darà comunque una bella scossa alle gerarchie del nostro calcio (sempre più nera la situazione di Stefano Mauri, a sentire le parole dei protagonisti).
I club di A stanno valutando l’opportunità di “creare” delle squadre B come in Spagna, più che altro simili a quella riserva in Inghilterra. L’idea di alcuni club di A è quella di fondare un campionato con squadre under 21 con la possibilità di qualche fuori rosa, per dare ai più giovani la possibilità di cominciare a vivere il calcio in maniera diversa dalla Primavera, dalla quale il salto alla Serie A è ancora fin troppo marcato. Altra possibilità è quella d’inserire le seconde squadre in Lega Pro.
La rivoluzione però non si ferma più: si ragiona anche sull’opportunità d’inserire un terzo posto per gli extracomunitari, al momento due.
I prossimi mesi saranno decisamente interessanti…

Photo Credits | Getty Images

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

11 pensieri su “Serie A. Il prossimo anno la rivoluzione?

  1. ma in l’Italia secondo me non c’è veramente la volontà di cambiare le cose, manca la cultura del lavoro e della pianificazione a lungo raggio, il senso dell’investimento e della logica di prospettiva. Io me li immagino in lega o in politica incontrarsi a una data ora per decidere su una regola o una legge e uno dire ” ragazzi dai facciamo presto che tra mezzora c’ho una partita di tennis”, alla fine cazzeggiano per mezzora e promettono di rincontrarsi per parlare meglio. :mrgreen:

    1. @stirperomanista:

      comunque se sta cosa la fanno finalmente sapremo se i vari caprari, crescenzi, piscitella, pigliacelli ecc ecc chhe vi sento sempre in bocca valgono veramente qualcosa. Intanto credo che l’anno scorso ci è servito a capire che viviani è una pippa

      1. @stirperomanista: infatti io l’avrei mandato al malaga insieme ad antunes.mi raccomando bocciamoli prima di subito visto i traguardi che stiamo ottenendo mi sembra giusto

      2. @mario73:

        bo mario a me non ha fatto una grande impressione lo scorso anno ma magari dai forse sono un pò troppo severo. Dov’è adesso viviani?

      3. @stirperomanista: ma basta vedere florenzi più che positivo primo anno in a tre marcature se nn ricordo male duttilità tattica un motorino continuo convocazione in nazionale e a stento gli si riconosce il merito

      4. @mario73:

        no dai come no, florenzi sta facendo bene, buon corridore e recuperatore, attacca bene gli spazi. Certo non ha una gran tecnica

      5. @stirperomanista: ma infatti la critica nn era nei tuoi confronti era solo dire che attualmente e aldilà delle preferenze personali c’è stata troppa confusione nella guida tecnica.secondo me i giovani con un allenatore con idee ben chiare e un gioco un pò più equilibrato se messo poco alla volta può esprimersi al meglio senza dover andare allo sbaraglio.x dirne una marcos incerottato domnica procura il rigore e già in tanti a storcere il naso.i giovani vanno tutelati altrimenti si possono bruciare.un esempio su tutti lamela da quando è a roma ancora nn ha capito come giocare ogni settimana gli cambiano ruolo eppure la crescita è innegabile.ciò che deve crescere è la squadra tutta e come ripeto da tempo soprattutto la pesonalità

      6. @stirperomanista: sulla tecnica avrei da ridire visto quello che stava per fare in finale con la spagna…

  2. be in quando rimarranno sempre le solite facce al potere sarà difficile vedere dei cambiamenti mi sembra ovvio,tanto x iniziare vediamo cosa ci combinano mercoledi con l’inter

  3. Pochi giorni fa mi riferivo a questo tipo di rivoluzione necessaria anche se in grave ritardo nel mondo del calcio italiano.
    La mia paura é che queste cose rimangano solo delle proposte….
    Qualcosa deve cambiare, ma anche ad altri livelli: la corruzione, le scommesse, politica e calcio, la violenza, gli stadi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.