Rino Gattuso realizza un sogno: regala campo a Corigliano


«Dai sassi di un campetto abbandonato all’erba sintetica di un moderno complesso sportivo è un gran passo». Rino Gattuso, campione del mondo con la nazionale e con la sua squadra di club, atleta che ringhia in campo così come contro l’emarginazione e la miseria della sua Calabria, ha realizzato il suo ‘sogno di bambinò e ha fatto partire i lavori per regalare al suo paese di origine una struttura per lo sport. Il campione rossonero ha presentato oggi a Saronno l’iniziativa che sarà realizzata dalla sua Onlus con il decisivo contributo della Fondazione Vodafone Italia e l’apporto del comune di Corigliano Calabro (Cosenza) che si è impegnato a gestire e mantenere efficiente l’impianto in futuro. Il progetto, per la quale sono stati stanziati complessivamente 520mila euro, prevede la ristrutturazione del campo di Schiavonea-Corigliano e successivamente la creazione di uno spazio di socializzazione per i giovani della Calabria attraverso iniziative specifiche che anche mirano all’integrazione dei bambini immigrati, dei disabili, della propaganda dello sport a scuola con la ‘Scuola dello sport’. «Ci provavo da sei anni, ma ora i lavori sono finalmente partiti. Io Sogno un Sud che non sperperi i contributi e che non abbandoni le cose che si sono faticosamente fatte, e una Calabria che non sia citata solo per la N’drangheta», ha spiegato il centrocampista rossonero. «La ristrutturazione del centro sportivo – ha detto da parte sua il vice prefetto Paola Galeone, che da due anni è il Commissario straordinario del Comune di Corigliano Calabro, è un mezzo per realizzare un progetto complessivo che segnali un salto di qualità anche nel rispetto della legalità». E di contributo per propagandare la «legalità come valore» ha parlato pure Ida Linzalone, segretario generale della Fondazione Vodafone Italia impegnata nella crescita di una società «più equilibrata e solidale».


Lascia un commento