Milan: stop per Beckham


Allarme Beckham. Come se non bastassero i vari Kakà e Ronaldinho, adesso il Milan si trova anche con il dubbio Beckham per la partita di domenica a Siena. L’inglese, infatti, si è fermato durante l’allenamento. Distorsione alla caviglia destra: questa la diagnosi dopo i primi accertamenti, ma nei prossimi giorni ci saranno ulteriori esami. La cosa, comunque, non sembra essere di grave entità, tanto che lo staff medico ritiene che possa farcela per la sfida con i toscani. Comunque, l’ennesima preoccupazione per un Ancelotti che proprio non può stare tranquillo. Per il resto, il racconto di giornata dice che dopo il lunedì di riposo, che ha visto comunque a Milanello i giocatori reduci da infortuni, la squadra rossonera ha ripreso a tutti gli effetti la sua preparazione. La comitiva ha svolto nel pomeriggio il primo allenamento di questa prima settimana senza altri impegni, che in generale dovrebbe comunque dare modo ai milanisti di allenarsi al meglio per più giorni consecutivi. L’appuntamento per il lavoro di giornata è stato per tutti alle 14.30 all’interno dello spogliatoio: mezz’ora dopo, alle 15, il via sul campo ribassato alle spalle della palestra, come racconta il sito del club. I giocatori hanno svolto i primi 15 minuti di riscaldamento tecnico: gli esercizi di conduzione e possesso palla hanno preceduto una serie di appoggi e passaggi tra compagni, in movimento. È stata poi la volta di una prima partitella, giocata otto contro otto con quattro porticine. Poi, in chiusura, fino alle 16.30, si è svolta una partitella nove contro nove a due porte su metà campo. Sul piano individuale, Inzaghi ha fatti stretching e corsa continua, Gattuso e Ronaldinho si sono divisi fra terapie e piscina. Dal canto loro, invece, Bonera, Emerson, Nesta, Kakà, Senderos, Borriello e Kaladze hanno fatto il loro lavoro programmato: rieducazione per alcuni, esercizi personalizzati per altri. Domani il Milan sosterrà doppio allenamento: alle 11 e alle 15. Ancelotti aspetta e spera.


Lascia un commento