Il Toro ferma la fuga dell’Inter, Mourinho: “Era meglio la Juve a -9”

Un punto, ma potevano essere tre. Anzi, dovevano essere tre per mandare l’Inter in fuga. Invece Mourinho si fa piacere il pari con il Torino. Almeno ci prova: «Vediamo alla fine se è buono un punto, siamo a sette punti sulla Juve. Pareggiare in casa non è un risultato che mi piace, ma lo accetto. Abbiamo creato tanto, ma il Toro si è difeso con uno spirito fantastico e un pò di fortuna. Ha fatto la partita della vita. Siamo un pò frustrati per non aver vinto. Ma un punto è un punto. Con il Cagliari abbiamo fatto un punto in extremis e vediamo ora che risultati fa il Cagliari… Certo era meglio tenere la Juve a 9 punti». L’analisi della partita è puntuale e comincia con una domanda: «Se abbiamo giocato così bene negli ultimi 30 minuti perchè non l’abbiamo fatto nei primi 30? »Se noi invece di finire così partiamo così, la partita è diversa. Abbiamo aumentato il ritmo solo dopo il loro vantaggio. Una reazione fantastica che normalmente porta ai tre punti. Noi meritavamo di più. Ma è un punto che premia lo spirito del Torino«. Si è rivisto Quaresma. E non è stato un bel vedere. »È difficile per me parlare della sua partita. Ho pensato che la squadra avesse bisogno di più spazio, per cui ho messo Figo e lui. Non ha fatto una bella partita. Deve avere la forza di sopportare le critiche. Deve reagire in modo positivo. Il pubblico di San Siro non è facile e dobbiamo avere la forza per reagire. Non è l’unico che è fischiato. Al Porto era praticamente un principe. Non aveva paura di sbagliare. Qui è diverso. Il suo gioco è un gioco rischioso, se lui ha paura di giocare per i tifosi, fa fatica e va in difficoltà. In allenamento è il Quaresma che tutti conoscevamo. Ma in partita non riesce ad esprimersi. L’ho lasciato fuori un pò per recuperare fiducia. Comunque credo di non aver visto male la partita«. Crespo e Cruz non riescono a sostituire Adriano… »Pensavamo di aver trovato l’equilibrio quando Adriano è tornato a giocare in maniera fantastica per tre gare consecutive. Ibra e Adriano sono la coppia più logica. Con Adriano squalificato abbiamo cambiato e tutti hanno fatto il loro lavoro. Sono soddisfatto«. Ci si deve aspettare un acquisto in chiusura di mercato? »No. La mia lista Champions è praticamente fatta. Balotelli va in lista B. Mi dispiace che non ci sia spazio per Crespo«. Ha visto il Manchester United? »Non penso a quella partita come la partita della vita, tantomeno come quella della stagione. Li conosco molto bene. Credo che abbiamo le stesse possibilità di passare«.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.