Sanremo 2009: il Festival aprirà con la voce di Mina

Sarà Mina a dare il via al Festival di Sanremo nell’edizione del 2009, la più grande cantante di tutti i tempi della canzone italiana, chi meglio di Mina per l’edizione di Sanremo, quella dela rilancio dopo festival un pò sottotono. Paolo Bonolis si affida a Mina per aprire in bellezza e rilanciare alla grande il Festival di Sanremo. L’indiscussa signora della musica italiana «ha deciso di aiutare questo Festival, aprendolo con la sua voce. La sentiremo e la vedremo», annuncia a sorpresa il conduttore e direttore artistico dell’edizione 2009 nel corso della tradizionale conferenza stampa al Casinò. Mina apparirà in un video ed è evidente la soddisfazione e l’orgoglio per essere riuscito a coinvolgere la signora Mazzini in un «progetto che celebrerà la nascita della canzone italiana». All’Ariston Bonolis sarà affiancato, oltre che dall’inseparabile Luca Laurenti, da una partner fissa e da cinque uomini che invece si alterneranno di sera in sera: la donna del festival sarà una top model, Chiara Baschetti. «Ha 21 anni, viaggia molto, si occupa di moda, è molto raffinata», si limita a dire Bonolis. Mentre, tra i personaggi maschili ci sarà, nella serata finale, David Gandi, il bel modello scozzese di Dolce & Gabbana apparso nell’ammiccante pubblicità di un profumo. Ma, il sabato, lo show si animerà anche grazie a Maria De Filippi: «Ci siamo visti mercoledì ed è andata molto bene. Abbiamo un ottimo rapporto – dice Bonolis della star di Canale 5 che per la prima volta apparirà su una rete Rai – Mi auguro di sposare qualcosa che vada al di là delle barriere prettamente commerciali. C’è un mondo che sulle barriere ci guadagna». Poi svela: «Quel palco le mette un pò paura, perchè fin da ragazzina seguiva il Festival». Ci sarà tanta carne al fuoco, quest’anno. Oltre a tre gare (Big, Proposte e Giovani), eliminazioni e tre giurie (demoscopia, televoto e giuria di Qualità), sul palco dell’Ariston salirà anche Annie Lennox (sabato), Eleonora Abbagnato, etoile dell’Opera di Parigi (mercoledì), Hugh Hefner e le conigliette di Playboy (venerdì), Easy Star All Stars (band giamaicana che ripropone i Pink Floyd in chiave dub), Giorgio Panariello e Checco Zalone. In forse Roberto Benigni e per Jim Carrey è ancora in corso la trattativa. «Spero che Benigni possa venire – dice Bonolis – ma è impegnato nella preparazione di un tour internazionale». Evidente il rammarico per la trattativa sfumata con i Queen: «Erano entusiasti di venire, sanno del mio amore sfrenato per loro. Non so come sono andate le trattative, non le posso gestire io».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.