Polizia a Roma setaccia zone di prostituzione e abusivismo

Prosegue il servizio denominato ‘Feste Serenè all’interno del ‘Patto per Roma Sicurà della Polizia di Stato. Gli agenti dell’ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, diretto dal dottor Raffaele Clemente, in collaborazione con la Polizia Municipale, hanno aumentato i controlli nelle zone di Roma, Trevi, Celio, Esquilino, Aurelio, Vicinale e Predestino, da sempre soggette al fenomeno del commercio ambulante abusivo, soprattutto praticato da stranieri irregolari. Al termine dei controlli, sono state identificate 28 persone, di cui 14 accompagnate in via Teofilo Patini, presso l’Ufficio Immigrazione della Questura diretto dal dottor Maurizio Improta per la verifica della loro posizione in relazione alle vigenti normative in tema d’immigrazione. Nello specifico, per quanto riguarda l’attività antiprostituzione sono state controllate 3 prostitute, di cui 2 nigeriane, ed un transessuale brasiliano; nello stesso contesto sono state elevate 3 contravvenzioni, in base all’Ordinanza Sindacale 242/08. Nell’attività di contrasto dell’abusivismo commerciale, sono state controllate 11 persone, accompagnate in via Teofilo Patini, di cui 8 bengalesi, un indiano, un egiziano ed un marocchino senegalese, tutti denunciati in base all’ex art. 6-comma 3°-L. 286/98, sono stati effettuati 20 sequestri amministrativi ed 3 penali, per un totale di 982 pezzi di merce contraffatta (vestiario, borse, foulard, cinte). Per quanto riguarda gli accampamenti abusivi, nell’ambito dell’attività di bonifica delle aree golenali e a quelle adiacenti i nodi di scambio sono stati abbattuti 5 insediamenti nelle adiacenze di via delle Cerquete.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento