Beckham riceve gli applausi e Sheva fa i gol

Il Milan è tornato ufficialmente al lavoro. E nel caldo afoso di Dubai la ripresa degli allenamenti segna un ritorno a pieno regime: doppia seduta e preparazione finalizzata per un prosieguo della stagione che faccia sognare. Tanto più che neanche Ancelotti nasconde l’obiettivo di raggiugere l’Inter. Nel debutto dorato degli Emirati Arabi tutti gli occhi erano puntati sulle stelle del firmamento rossonero, Ronaldinho e Beckham su tutti. E mentre il brasiliano e l’inglese attiravano gli sguardi, Shevchenko cercava di farsi notare a suon di gol. Nella partitella in famiglia che ha concluso la giornata, infatti, l’ucraino ha realizzato una doppietta seguita poi dalle reti di Emerson e Kakà, mentre per gli altri sono andati a segno Pato e Jankulovski. Conclusione perfetta di una giornata iniziata alle 10 locali con il solito riscaldamento muscolare, con esercizi sugli ostacoli alti e stretching, oltre a delle esercitazioni con il pallone. La prima seduta si è poi conclusa con una serie di scatti in gruppo sulle diagonali del campo. Dopo il pranzo e il riposo, i rossoneri hanno ripreso la preparazione nel pomeriggio, sempre presso il centro sportivo Al Nasr. E qui il lavoro si è fatto più intenso. Ancelotti ha diretto un’esercitazione attacco contro difesa della durata di circa mezz’ora. Nella partitella finale nove contro nove su metà campo, sfida fra i giocatori in pettorina gialla contro quelli in maglia da allenamento. La sfida è terminata 4-2 a favore della squadra in giallo: doppietta di Shevchenko, reti di Emerson e Kakà, mentre per gli altri hanno segnato come detto Pato e Jankulovski. Domani si replica, nonostante si scenda in campo a poche ore dal Capodanno: ancora doppia seduta a cui si aggiungerà anche Filippo Inzaghi, partito in tarda mattinata per Dubai. Intercettato a Malpensa da Sky, l’attaccante del Milan ha cercato di tenere alto il morale: «Cerchiamo di fare bene. Il Milan al completo può fare un’ottima seconda parte di stagione. Abbiamo tempo per recuperare tutti». Riferimento alle non certo incoraggianti notizie che arrivano da Nesta e Borriello. Secondo Galliani, bisognerà aspettare almeno un mese per riavere a disposizione l’attaccante, ancora alle prese con lo stiramento ai flessori della coscia destra. Discorso più complesso per il difensore, che non ha nemmeno raggiunto la sede del ritiro invernale del Milan: si tenterà di recuperarlo senza ricorrere all’intervento chirurgico per la protusione discale che lo afflige da mesi.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento