Tra David e Vic irrompe Ilaria

MILANO – Dicono, i tabloid inglesi, che Victoria sia impazzita di gelosia. Tutta colpa di Ilaria D’Amico. Sì, proprio lei, la mora più amata dai calciofili italiani, volto femminile numero uno di Sky Sport. Un “amore” (?) che sarebbe sbocciato durante l’intervista esclusiva di sabato sera a San Siro: un faccia faccia tra la giornalista e il neo milanista David Beckham, già tornato con la compagna nella sua Londra per trascorrere il Natale. Apriti cielo, la stampa inglese si è letteralmente scatenata. Il The Sun ha analizzato praticamente sequenza per sequenza i 15 minuti di incontro (doveva essere un’ora, ma proprio Vic si sarebbe opposta) criticando «l’eccessiva ed eccitata gestualità dell’italian babe tv» e il continuo toccarsi i lunghi capelli neri. Nemmeno il Daily Star si è risparmiato, criticando la mora con un titolo senza mezzi termini («Oh Becks, show me Goldenballs»), ironizzando sul particolare che Beckham durante tutta l’intervista tv abbia tenuto le mani sui suoi celebri attributi che a Milano hanno già fatto impazzire migliaia di donne, grazie a un maxi-cartellone pubblicitario di una linea di intimo griffato rimasto appeso per mesi in pieno centro. Il Daily Sport ha bocciato il look «finto castigato» di Ilaria: jeans aderenti e scollo all’americana e senza maniche indossati dalla giornalista, non sarebbero andati bene (perché?). E poi quello «sorridere in continuazione…». Pronta e secca la replica della D’Amico che ha definito «spazzatura» le illazioni arrivate da Oltremanica, aggiungendo di Beckham solo che è «un uomo molto gentile e simpatico, con nessuna velleità da divo».
E a raccontare il David sconosciuto ai più, ci ha pensato ieri anche Adriano Galliani che ha trascorso buona parte del weekend con lo Spice Boy, pronto a rientrare a Milano il 29 per partire con i rossoneri per il ritiro in Dubai. «Beckham è un ragazzo quasi timido – spiega l’ad rossonero -, emozionato di sbarcare nell’universo Milan. E’ un giocatore di calcio che si impegna al massimo».

Condividi l'articolo:

Lascia un commento