Natale amaro per la Roma e per Totti

Il crollo a un passo dal traguardo. Sotto l’albero la Roma trova una bella dose di amarezza mista a sfortuna. La rincorsa Champions fatta di cinque vittorie consecutive e di sei risultati utili si è fermata a Catania, proprio nell’ultima giornata del 2008, prima delle feste di Natale. Un tonfo inatteso, quasi un’ora e un quarto di niente, poi il risveglio con i gol di Vucinic e Menez che hanno solo dato l’illusione della rimonta. Ancora una volta la squadra di Spalletti è ricaduta in quegli errori di concentrazione e approccio alla partita già visti in passato. Il Catania per un’ora, il tempo sufficiente per segnare tre gol, ha viaggiato a una velocità doppia rispetto ai giallorossi che sembravano già in vacanza. L’intervento troppo facile con cui Mascara ha tolto a Perrotta la palla che poi Baiocco avrebbe trasformato nell’1-0, i ripetuti errori difensivi di un irriconoscibile Juan e quello del neo entrato Cicinho in occasione del 3-0 di Morimoto (tenuto in gioco proprio dal brasiliano), sono stati i più eclatanti sintomi di una squadra afflosciata da una classifica migliore rispetto a un mese fa, anche se resta ancora deficitaria (la Champions è lontana nove punti, sei in caso di vittoria con la Samp nel recupero del 14 gennaio), e allo stesso tempo da una situazione infortuni sempre più preoccupante. Va ricordato, infatti, che Juan e Doni hanno recuperato all’ultimo dopo essersi allenati poco o niente per tutta la settimana. Stesso discorso per Totti, che ha scontato l’inattività dopo una mezzora di gioco quando, nel tentativo di servire Julio Baptista col tacco, si è procurato una lesione al flessore della coscia destra. Nelle prossime ore si conoscerà meglio l’entità della ferita e quindi la durata dello stop ma l’impressione, visto che il capitano dovrà stare fermo dieci giorni prima di cominciare il recupero, è che il numero dieci rischi di stare fuori quasi due mesi, saltando come minimo otto partite tra campionato (Milan, Torino, Napoli, Palermo, Reggina e Genoa) e Coppa Italia (andata e ritorno dei quarti) prima di provare a tornare per l’andata degli ottavi di Champions con l’Arsenal. Per avere più chiara l’enormità della batosta che si è abbattuta sulla Roma è sufficiente guardare questi numeri: in questo campionato i giallorossi senza Totti hanno giocato sei volte raccogliendo sette punti, nelle dieci occasioni in cui invece hanno potuto disporre del loro capitano hanno messo insieme 19 punti, quasi il doppio. In più Totti, da quando si era messo completamente alle spalle il problema al legamento anteriore del ginocchio destro operato ad aprile, aveva ripreso a segnare con una certa continuità tanto da tagliare il traguardo delle 170 reti in serie A. Adesso approfitterà della sosta forzata per annegare nell’acqua delle Maldive i brutti ricordi di questo 2008, che gli ha riservato più infortuni (tre) che gioie. Destino che lo accomuna a molti compagni di squadra, tra cui Taddei e Pizarro. Entrambi si sono allenati a parte a Trigoria lanciando un segnale di speranza per il 2009.

Condividi l'articolo:

8 commenti su “Natale amaro per la Roma e per Totti”

  1. [quote comment=”40482″]Devo ammettere che la Roma è veramente urticante in alcune partite perchè non combina assolutamente nulla!!! Mentre vedevo alla TV Cacania-Roma di ieri avrei voluto andare io negli spogliatoi al posto del mister per riempilli de schiaffi!!! MA CHE CA**O, E’ MODO DI GIOCARE???? Perdere così contro il misero Cacania, inammissibile!

    E’ la mentalità che ci manca ed è un problema storico, un problema che ci ha visto arrivare secondi un sacco di volte in campionato e perdere partite su partite senza carattere, come quel Roma-Lecce di tanto tempo fa, l’Ancona-Roma di 4 anni fa o il Livorno-Roma dell’ultimo campionato… tutto lì… per noi vincere il derby è vincere lo scudetto, ecco perchè abbiamo un palmares così ridotto pur avendo avuto molto spesso ottime formazioni per poter competere, 3 scudetti soli… nessuna champions… che secondo me non vinceremo mai… ci accontenteremo della solita coppetta italia, le solite illusioni e magari uno scudetto ogni 20-25 anni…[/quote]

    purtroppo ci sono una marea di tifosi che si accontentano di battere la lazzie e vincere la coppa italia e che pensano che stare dietro a milan,juve,inter sia una realtà immodificabile, quando cambieremo la mentalità di questi tifosi allora la roma vincerà di piu

    Rispondi
  2. [quote comment=”40488″]BRAVO BINGO..CONCORDO…VEDI CHE SE CI RAGIONI A MENTE FREDDA DICI LE STESSE COSE CHE HO ETTO IO IERI?[/quote]
    grazie eheh

    Rispondi
  3. appunto il problema è la mentalità…tutti..anke noi tifosi dobbiamo credere ke qst squadra si forte anke senza il nostro capitano…! ci sn tanti altri bravi giocatori in qst squadra..un po’ d fiducia… :26:

    Rispondi
  4. redazione una domanda….ma a gennaio perchè la società non torna sul mercato visto ke senza totti abbiamo come riserve okaka e montella? Perchè non prendiamo Floccari lascindo cerci tutto all’atalanta,e in prestito semiolidalla fiorentina?…abiamo davanti i giocatori contati..xkè se arriviamo finoa febbraio quando cè la champions giocando sempre con menz-baptista-vucinic qst 3 saranno distrutti..e siccome nn possiamo faqr giocare okaka e montella alllora 2 giocatori in + nn fare male..ke ne pensate?

    Rispondi
  5. devo dire che contro quella m***a di catania non mi aspettavo un risultato del genere..e poi l’ennesimo infortunio di totti non ci voleva…che natale di merda in casa roma…

    Rispondi
  6. Devo ammettere che la Roma è veramente urticante in alcune partite perchè non combina assolutamente nulla!!! Mentre vedevo alla TV Cacania-Roma di ieri avrei voluto andare io negli spogliatoi al posto del mister per riempilli de schiaffi!!! MA CHE CA**O, E’ MODO DI GIOCARE???? Perdere così contro il misero Cacania, inammissibile!

    E’ la mentalità che ci manca ed è un problema storico, un problema che ci ha visto arrivare secondi un sacco di volte in campionato e perdere partite su partite senza carattere, come quel Roma-Lecce di tanto tempo fa, l’Ancona-Roma di 4 anni fa o il Livorno-Roma dell’ultimo campionato… tutto lì… per noi vincere il derby è vincere lo scudetto, ecco perchè abbiamo un palmares così ridotto pur avendo avuto molto spesso ottime formazioni per poter competere, 3 scudetti soli… nessuna champions… che secondo me non vinceremo mai… ci accontenteremo della solita coppetta italia, le solite illusioni e magari uno scudetto ogni 20-25 anni…

    Rispondi

Lascia un commento