Per Boniek una vittoria della Roma farebbe ripartire il progetto


Zibì Boniek è stato intervistato da Il Romanista, egli giocò tre stagioni a Torino e tre, immediatamente di seguito, a Roma. È infatti tra quelli che più di altri si sono conquistati simpatie nella Capitale, inimicandosi di conseguenza quelli bianconeri, i quali giusto un anno fa,  con una petizione ad Andrea Agnelli, lo hanno voluto escludere dall’elenco delle 50 stelle bianconere, soltanto perché la sua onestà lo portò a criticare aspramente la vicenda Calciopoli.

Parliamo di Roma-Juve

“E’ sempre una partita molto bella e molto affascinante per entrambe le tifoserie  ma, in questo caso, con componenti molto diverse. La Juventus, che sta giocando bene e con grande determinazione, dovrà dimostrare di poter lottare per lo scudetto, avendo tutto per farlo. Forse non è la squadra più forte del campionato come parco giocatori, ma è certamente quella più determinata. E questo si vede. D’altra parte, la Roma è alle prese con questo suo progetto, che è partito ma stenta a decollare, anche perché non arrivano i risultati. E sappiamo benissimo che se i risultati non arrivano, il progetto è come se non esistesse“.

Si è parlato molto, soprattutto in questo scorcio di stagione, della gestione delle due rispettive bandiere, Totti e Del Piero, al di là dei due anni di differenza.

“E’ diversa perché, innanzitutto, Francesco ha un contratto fino al 2014, e se al momento non gioca è solo perché è reduce da un infortunio. Per quanto riguarda invece Del Piero, la Juventus ha fatto un annuncio unilaterale, in cui ha detto che il giocatore dal prossimo anno non farà più parte della rosa. E se lo ha fatto, è probabilmente perché voleva liberarsi di questo continuo assillo sul “rimane, non rimane”.

LEGGI ANCHE  Mourinho pensa ancora a Lindelof per il mercato di gennaio

E’ giusto nei confronti di un giocatore che ha significato tanto per quella squadra?

“Giusto o non giusto, la Juventus ha diritto di muoversi così. Anche se penso che a tutti sarebbe piaciuto di più che si fosse fatta una conferenza congiunta tra società e giocatore. Ma siccome Del Piero è un gran signore, non ha dato peso a tutto questo. Io credo che non avrà problemi ad andare a giocare ancora un paio d’anni, magari all’estero, per poi tornare, avendo un futuro da dirigente che lo aspetta”.

Torniamo alla sfida di questo lunedi sera. Daniele De Rossi giocherà quasi certamente nella posizione di difensore centrale.

E’ la conferma che un grande campione può ricoprire più ruoli . Anche se quello di centrale è, a mio parere, uno dei più facili da interpretare. Perché se hai un po’ di velocità e soprattutto un buon piede, hai il vantaggio di avere tutti i giocatori davanti e nessuno alle tue spalle. Ricordo che anche lei, soprattutto qui a Roma, giocò da ala, ma anche da mediano e spesso proprio da libero. Se è per questo, mi è capitato anche con la nazionale polacca. Ripeto: in quella posizione, hai una visione del gioco come nessun altro. E giocarci, quando si hanno qualità tecniche, non è affatto difficile. Anche Del Piero potrebbe fare il centrale di difesa per tutto un campionato. Anzi, per me ce l’ha proprio nel suo dna”.

Torniamo alle due squadre. Cos’è che sta funzionando a Torino e, per ora, un po’ meno qui a Roma?

“La Juventus ha trovato subito il sistema di gioco e soprattutto i giocatori giusti per quello che vuole fare Conte. Aggiungiamoci che Antonio cambia poco, tutt’al più i laterali, e forse vince anche per questo. Luis Enrique, al contrario, vuole poter coinvolgere nel progetto tutti i suoi giocatori, alternandoli, ma mi sembra che fino ad oggi questa sia stata un’arma a doppio taglio. Non so quale sia il motivo, perché non conosco dall’interno ciò che si vive a Trigoria, ma sta di fatto che qualche problema il tecnico sembra averlo. A questo punto, aspettiamo la partita prima di dare altri giudizi. Personalmente, confido in una bella gara”.

LEGGI ANCHE  Mourinho pensa ancora a Lindelof per il mercato di gennaio

Photo Credits | Getty Images


10 commenti su “Per Boniek una vittoria della Roma farebbe ripartire il progetto”

  1. e grazie al cavolo, con ‘sta marmaglia di tifosi occasionali mi pare scontato che dopo una vittoria contro la juve tutti tornerebbero a sostenere il progetto 🙄

    ad ogni modo, boniek grandissimo uomo senza peli sulla lingua, mai sceso in basso a leccare il nord come molti altri.

    Rispondi
    • Ci vuole Coerenza…tanta coerenza…io ho sempre sostenuto il progetto…HO SEMPRE SOSTENUTO E SEMPRE SOSTERRò LA ROMA…
      IO NON SOSTENGO SOLO L’ALLENATORE…PERCHè PER ME NON è UN ALLENATORE…

      Rispondi
      • ora non mi ricordo i commenti di tutti… non sto lì col taccuino a segnarmi i buoni e i cattivi 😛 quindi in buona fede, se dici il vero, sei uno dei pochi 😉

      • Io ho sempre detto questa cosa…a me l’allenatore non piace…il progetto e la Roma sono un’altra cosa…e le mie critiche si fermano su questo sito…con voi…
        FORZA ROMA SEMPREEEEEEEEEEEEEEE

      • Santiago ti straquoto,anch’io sostengo il progetto ma nn L.E., nn ha esperianza, se solo penso che ha provato in allenamento Rosi centrale mi fà venire i brividi, questo pensa ancora di allenare una squadra di serie B e , ma nn la vede la classifica?

Lascia un commento