Per Renga la confessione di Fenucci è indice di povertà


Nuovamente sconcertanti sono le dichiarazioni rilasciate dal giornalista Roberto Renga, già tempo fa sparò a zero sulla Roma ed ora attraverso il proprio profilo Twitter, ha commentato l’intervista rilasciata stamani dall’ad romanista Claudio Fenucci alla Gazzetta dello Sport.

Toni duri e pesanti circa a situazione finanziaria del club giallorosso:“Unicredit divisa sulla gestione del caso Roma, tanto che nei giorni scorsi è stato il gran capo Ghizzoni a invitare Angelucci entrare. Angelucci ha detto “no grazie”. A quel punto la banca si è rivolta ai mercati asiatici. Cerca contante. L’intervista di Fenucci alla Gazzetta è una confessione di povertà (competitivi nel 2014, ciao De Rossi) e un clamoroso autogol. Fenucci dice “abbiamo trovato una brutta situazione”. Ok: per questo il club costa quasi zero. E i debiti da luglio sono aumentati“.

“Domanda a Fenucci: se la Roma è povera perché tutti prendono stipendi milionari? Perchè mediazioni di 8,3 milioni? Perché, perché, perché.. Comunicazione ufficiale della Roma: Ricapitalizzazione entro il 31 dicembre. Poi ci hanno detto gennaio. Fenucci allunga a febbraio. Perché? Fenucci: “Mancano i soldi delle coppe”. Ma DiBenedetto non aveva detto, dopo lo Slovan: meglio così? E perchè, allora, il suicidio?“.


LEGGI ANCHE  Migliori e peggiori in Inter-Roma: Zaniolo sempre ago della bilancia

39 commenti su “Per Renga la confessione di Fenucci è indice di povertà”

  1. Renga travisa la realtà e le dichiarazioni di Fenucci in maniera squallida ed estremamnete faziosa..mi fà pena!!
    più rosicano ste me.rde e più godo,
    più abbaiano e più vor dì che c’hanno paura!!
    avere contro gentaccia del genere non fa che convincermi sempre più della bontà della nuova dirigenza!!! 😈

    Rispondi
  2. na cosa utile sarebbe de fà na bella petizione del popolo romanista dove i tifosi chiedono che i giornalari non sputinò cattiverie gratutite sulla roma…

    Rispondi
  3. A questa gente fatela tacere, però con i fatti. Caro Pallotta, che ti sei presentato con “sarete felici dopo la finale di champions”… (sarebbe da chiedere di che anno), non si può fare qualcosina in più per dare a questi scribacchini una risposta concreta? E con qualcosina di più non intendo per forza investire milioni sul mercato, mi basterebbe anche perseguirli per via legale, o anche che tu e i tuoi soci vi facciate vedere all’Olimpico. So che avete preso i dirigenti anche perchè abbiano una funzione rappresentativa, so che avete sicuramente mille affari oltre oceano che vi trattengono, però una capatina qui di tanto in tanto farebbe [email protected] un po’ sotto questi pennivendoli. Inoltre anche a molti tifosi darebbe un bell’impulso di fiducia e non li farebbe sentire solo un “potenziale buon investimento”.

    Rispondi
    • invece loro si dimostrano superiori.
      la noncuranza é la migliore arma. appena inizi a giocare il loro stesso gioco significa dargli importanza.
      L’unica cosa che manca é un presidente che parli qualche volta.

      Rispondi
      • E hai detto niente. La presenza della società si fa sentire così, con i fatti e le parole, sicuramente sono i fatti ad interessarci ma puoi raggiungere risultati solo quando difendi ciò che tenti di costruire anche con le parole. I tifosi hanno bisogno del presidente, che non deve essere solo una figurina.

  4. subito una petizione per garantire a questo orfano della mensa di villa pacelli dei buoni pasto magari da spendersi nei mac donald’s americani!

    Rispondi
  5. Ormai a Renga ie resta facile sputa fango,alla fine de sordi ne ha guadagnati abbastanza con la roma dei sensi,ora sputa dove ha mangiato,e magari gli daranno da scrivere pure su qualche altra testata gioralistica nordista,apprezzando i suoi articoli antiroma…
    L’unica testata che gli darei,pero è una bella dritta sul naso,cosi almeno diventa bello,visto che de cervello( nella parte della morale) sta pari a zero.

    Rispondi
  6. solidarieta’ per renga orfano della cucina marchigiana di villa pacelli! e’ una vergogna che la nuova societa’ non abbia piu garantito un pasto a questo povero e bravo giornalista!

    Rispondi
    • mai sentita quella radio di merdà…lì parlano solo laziali…come se fà a dichiara na radio romanista….c’hanno proprio er culò in faccia…

      Rispondi
  7. regà ma veramente non se pò fà niente pe chiude ste bocche fracichè??…questi non possono dì quello che je pare quando je pare…basta…la società però da sto punto de vista dovrebbe esse un pò più dura….querele salatissime o altro…

    Rispondi
  8. Non sarebbe meglio ignorare robbaccia come Renga?.Neanche per dargli troppa pubblicità e visibilità.Spazio ai giornalisti seri non ai provocatori di professione.

    Rispondi
  9. diciamo xò ke sull’Europa League ha ragione, quelle di Di Benedetto erano frasi di circostanza x cercare di nn far cadere nel pessimismo l’ambiente xò l’eliminazione dell’Europa League ha pesato sia dal punto di vista sportivo ke economico

    Rispondi
  10. httpPUNTO//wwwPUNTOgiornalettismoPUNTOcom/archives/11702/il-romanista-i-romani-e-i-romanisti/

    Articolo vecchio, ma interessante per capire chi sono Marione & co. e che aria tira attorno alla Roma.

    Rispondi
  11. Ma te, caro Renga, non avevi detto che i soldi per Stekelenburg non c’erano? Che gli americani non avevano dato le garanzie a Unicredit, e che la cordata era tutta un bluff? Che Kjaer era uno scarto del Wolfsburg? Che Vucinic sarebbe rimasto? Che Alvarez era meglio di Lamela? E una cifra di altre fregnacce?

    Rispondi
  12. L unico motivo per cui la Roma è “povera” e perchè è circondata da soggetti come questo renga, marione, radio, politici e tutta gente provinciale che ogni giorno parla per dire càzzate.

    infatti per descrivere tutto questo a noi tifosi non resta che dire “povera Roma….. “

    Rispondi

Lascia un commento