Jeremy Menez fa correre i suoi compagni


Le intemperanze di Jeremy Menez non finiscono neanche nella sua Parini in Francia. Secondo quanto riporta l’edizione odierna de ‘L’Equipe il calciatore avrebbe avuto un dialogo  con l’avversario André Ayew, giocatore del Marsiglia (e non compagno di squadra come scritto dal Corriere dello Sport, ndr). Al contrario di quanto accaduto tra Lamela ed Osvaldo non si è passati alle mani ma il contenuto della discussione, nel suo piccolo, è ancora più sconcertante.

Proprio Andrè, prendendolo in giro, chiedeva al francese : Perché te non corri per niente?”. L’ex giocatore della Roma avrebbe risposto con un laconico: “Tocca agli altri correre. Io sono qui per giocare in attacco“. A quanto pare proprio l’ex giallorosso non deve aver giocato per niente bene in attacco visto che contro il Marsiglia la squadra parigina ha perso per 3 a 0. Le squadre cambiano ma i vizi (sbagliati) di Menez restano. C’est la vie.


LEGGI ANCHE  La Roma è ancora fortemente interessata a Chalobah per gennaio

19 commenti su “Jeremy Menez fa correre i suoi compagni”

    • ahahhahahahah menèz vero o no io ci credo perkè tanto nn ha mai corso e poi cmq secondo me nn è sto fenomeno che dicono senno ssarebbe titolare con la francia….è un giocatore di seconda categoria e il psg è adatto a lui

      Rispondi
  1. a volte la teconologia è un male,addirittura sentono tutte queste cose,vabbè fenomeno o no qualche volta mi hai fatto letteralmente gasare quindi in bocca al lupo sempre Geremia 😉

    Rispondi
  2. Si vabbé,
    i giocatori giocano con il microfono.
    Ma che kakkiate di notizie.
    E se fosse vera questa notizia, bé chiametelo fesso?

    Rispondi
  3. Eccolo il fenomeno!!! Ahahahaha 😆 😆 😆
    Chissà cosa diranno adesso tutti quelli che vedono in lui il nuovo Pelè… 😆

    Do un consiglio ai dirigenti del PSG: questo deve crescere con una sana dosa giornaliera di calci in cuIo e ore e ore a provare i tiri nello specchio della porta, visto che non la prende mai!!

    Rispondi
  4. mah, a parte ke nn dovrebbe essere lui a tornare xké è un attaccante, ma io qua sottolineerei l’autocontrollo di Menez xké a uno ke mi dice cosi io l’avrei insultato di brutto

    Rispondi
    • Nel calcio di oggi gli attaccanti devono saper fare anche questo! Menez poi non è un vero e proprio attaccante (è un trequartista/seconda punta) ma la cosa del ritornare la conosce gia. Poi può darsi che non ha giocato bene ma questo presunto dialogo è tutto da verificare!!

      Rispondi
    • nel calcio di sacchi tornavano sia gullit sia van basten…e il calcio modenro in gran parte (tranne che qui deriva dal calcio di sacchi che a sua volta deriva dal calcio totale olandese) ovvero in 11 si attacca e in 11 si torna a difendere…

      Rispondi
  5. E a bellaroma (che non aspettava altra notizia del genere per rafforzare i suoi mille e chilometrici post) dico solo che io non ho MAI detto che Menez è un campione!!

    E visto che lui mi mette tra quelli che l hanno detto, bhe fammi vedere dove ho detto tale presunta cosa! son curioso di vedere..

    Rispondi
  6. Se è vero, ha sbagliato. e non di poco! Con un atteggiamento cosi non andrà mai lontano ( e lo dico pure io che l ho sempre difeso visto che è uno dei miei giocatori preferiti)

    Ma sinceramente ci credo poco a queste dichiarazioni, stranamente uscite dopo una sconfitta sonora, quasi a cercare un colpevole..

    Rispondi

Lascia un commento