Mercato Roma: missione difesa, Savic in pole


Dopo l’infortunio di Nicolas Burdisso che lo terra’ fuori dal rettangolo di gioco per 8 mesi, la priorita’ della Roma e’ quella di rinforzare il reparto difensivo.

Sabatini ha l’obbligo di consegnare all’allenatore un altro difensore centrale. Un uomo  da inserire che possa sostituire nel miglior modo possibile una delle colonne della squadra. . Ecco perché da ieri il ds è già al lavoro. I nomi che si fanno sono tanti: c’è chi parla di giovani sudamericani, chi di calciatori già affermati che giocano in Europa, chi di italiani pronti senza problemi a cambiare squadra. Il primo nome che è stato fatto è quello di Savic del Manchester City. Il giocatore piaceva alla Roma già in estate e adesso, visto che con Mancini gioca poco o nulla, potrebbe anche arrivare in prestito. In Inghilterra molti affermano che il difensore vuole giocare ed e’ stanco di fare panchine su panchine.Il giocatore e’ del Montenegro ed e’ considerato un talento sia dal punto di vista tecnico che temperamentale.

A portata di mano sembra il mercato italiano ed il nome nuovo e’ quello di Ogbonna del Torino, il centrale aspetta soltanto l’occasione giusta per salire di categoria. Per acquisire il suo cartellino i granata vogliono almeno dieci milioni ma a gennaio potrebbe arrivare in prestito con diritto di riscatto. Ad essere decisiva potrebbe  essere la volontà del giocatore.

Photo credits | Getty Images


6 commenti su “Mercato Roma: missione difesa, Savic in pole”

  1. Savic va benissimo.Ogbonna lasciamolo perdere,mi preoccupa pensare che possiamo buttare 10 mln.per lui,quando in giro vi sono tanti altri centrali più forti e con un prezzo più basso.

    Rispondi
  2. Certo che a leggere i giornali dovrebbero arrivare 20 giocatori: Isla, Van der Wiel, Savic, Silvestre, Ferrari, Ogbona…..
    E ogni giorno spuntano nomi nuovi, partenze illustri…..
    Mah….

    Rispondi
  3. Niente Ogbonna, prendiamoci questo Savic in prestito secco e basta, dopodiché dalla prossima stagione tornerà Burdisso e non avremo più bisogno di un suo sostituto.

    Rispondi

Lascia un commento