De Rossi ed il rinnovo: la situazione non è cambiata rispetto a qualche tempo fa. Annuncio in vista?


L’Italia perde giocando male contro un modesto Uruguay. Gli azzurri dopo essere andati subito in svantaggio al terzo minuto con un gol di Fernandez non si sono più resi pericolosi non colpendo mai lo specchio della porta. Daniele De Rossi, intervistato da Rai Sport, ha parlato della partita. Un ultima battuta, sicuramente la più importante, la fa sul rinnovo di contratto con la Roma. Ecco le sue parole:

Daniele che ne pensi della partita?

“E’ un peccato per il risultato, ma abbiamo chiuso l’anno con l’ennesima prestazione convincente. Una squadra che gioca bene, ha un’ identità. Dopo il mondiale è cresciuta molto. Pepe? Penso che sia un giocatore con poche caratteristiche come lui, E’ quello che sta facendo meglio quest’anno. Parte riserva e torna titolare tutti gli anni. Nel gruppo ci deve stare. Distanti dall’Uruguay? Non ho visto tanta differenza tra noi e loro oltre il risultato. Hanno avuto il merito di sbloccare subito la partita. Giocare di rimessa è stato automatico. Due squadre forti ma non c’è distanza.Una amichevole si può anche perdere. Eravamo motivati a fare bene e ci siamo riusciti secondo me”.

Il contratto con la Roma? C’è aria di annunci dicono i colleghi giornalisti.

“Non nego che ci può essere un annuncio. Ci può essere tutto ma rimango basito quando leggo articoli di giornale di firme imminenti che parlano di fumate bianche.. Lui (cioè De Rossi, ndr) che avrebbe detto fuori dal ristorante che rinnova.. Oppure che lo ha detto al cugino del cognato.. Io queste cose diventio matto matto perché fare il giornalista così sono capace anche io e “avrebbe detto” non esiste. Credo che le cose sono rimaste ferme a come erano la scorsa volta. Non c’è niente da dire. Se ci fosse stata qualcosa da dire avrei parlato del mio rinnovo o di una cessione”.

Photo credits | Getty Images


LEGGI ANCHE  Mourinho pensa ancora a Lindelof per il mercato di gennaio

10 commenti su “De Rossi ed il rinnovo: la situazione non è cambiata rispetto a qualche tempo fa. Annuncio in vista?”

  1. Vedi di firmare…sennò firma simbolicamente e vai dove vuoi cosi noi intaschiamo un pò di soldi e prendiamo fernando e Viviani è gia pronto anche lui per subentrarti…

    Rispondi
  2. Comunque una nazionale che propone una linea difensiva composta da Maggio, Chiellini, Ranocchia e Balzaretti è da paura… e nessun Top Player in una Nazione dell’ importanza calcistica come l’ Italia… mamma mia che tristezza… e non venite a dirmi che i Buffon , i Pirlo e i Balotelli di ora sono top player… io per quelli intendo Totti, Xavi, Messi, Cristiano Ronaldo, Rooney e compagnia cantante…

    Rispondi
  3. L’Uruguai non è l’ultima arrivata.
    Ho grande rispetto per l’impegno che ci ha profuso, però era una amichevole.
    Ha avuto un po’ di fortuna è comunque non mi è sembrata superiore alla nazionale italiana altamente sperimentale.

    Rispondi
  4. Bah, non concordo proprio. Per essere una Nazionale, quindi una squadra che si allena assieme ogni morte di papa, ha acquisito alcuni automatismi che mi hanno meravigliato, giocando quasi a memoria come una squadra di club.

    Poi ovviamente l’Italia è ormai quel che è. Non è più l’Italia di Totti, Vieri, Nesta e compagnia bella ma l’Italia di Pepe, Ranocchia e Balzaretti. Una squadra di secondo piano. Però il gioco c’è, non si può dire che ha giocato male.

    Rispondi
    • E’ l’impressione che avevo anche io vedendola in TV le volte scorse. Vederla allo stadio è stata tutta un’altra musica. Si attaccava solo sulla fascia sinistra con Balzaretti (che ha sbagliato moltissimi stop). Si affidava sempre la palla a Balotelli sperando che creasse l’azione. Credo che ha toccato più palloni di tutti gli altri messi assieme.

      I terzini non sono mai andati sul fondo infatti nè Osvaldo, nè Matri e nè Pazzini hanno mai avuto un pallone giocabile. L’unico tiro in porta lo ha fatto Balzaretti strusciando la palla (male).

      Poi la squadra è da tanto che è insieme. Un minimo di automatismi ci devono essere. Non c’è confronto con la Germania o la Spagna giusto per citarne le due migliori.

      Per le aspettative che avevo io mi ha deluso. Per me ha giocato male. Gli automatismi che dici te erano frutto della bravura di Balotelli o di Pirlo. Esclusi loro due mi sembrava che le cose erano abbastanza improvvisate.

      Far salire i terzini e farli sovrapporre è un automatismo abbastanza elementare credo. Oltre quello ho visto veramente poco da parte di tutti. Sarà la delusione per la sconfitta ma sinceramente non ho tante cose positive da dire.

      Una squadra che non manda in porta per tutto il secondo tempo manco un giocatore non è da lodare. Per altro anche in 11 alla fine.

      Rispondi
  5. Giocando male? Ha fatto un secondo tempo da paura. Giocavano solo di prima arrivando in tre secondi in area. C’è stato quasi un assedio per 45 minuti. Ma che partita avete visto?

    Rispondi
    • La ho vista allo stadio e la ho vista molto bene.

      Opinione mia personale: una squadra che ha la palla per 45 minuti (secondo tempo) e non prende mai lo specchio della porta con un tiro, quando gli avversari sono stati anche in 10 per l’ultimo quarto d’ora finale, significa che ha giocato male.

      Aggiungo anche il fatto che Cavani stava segnando persino il 2 a 0 (tiro ribattuto dentro l’area) e che l’Italia ha avuto 87 minuti per recuperare e non si è mai resa pericolosa.

      Fai un pò te. Non me la sto sicuramente inventando la partita visto che è andata cosi.

      Rispondi

Lascia un commento