Genoa-Roma 4 a 3: quella sconfitta da vendicare


Genoa-Roma 4 a 3: chi può scordarsela?
Roma in vantaggio esterno di 3 reti, con Totti che al 51′ sembrava aver definitivamente ucciso la partita. Palacio, un minuto dopo, fece quello che sembrava il gol della bandiera, ma non fu così. Una Roma in perfetto controllo riuscì a farsi sfuggire la situazione di mano fino a farsi mettere sotto e a farsi umiliare. C’erano in campo 6 giocatori che quest’anno non ci sono più, con titolari che quest’anno sono riserve: le cose sono cambiate. A partire dal portiere: dopo tanti anni di luci e ombre, la Roma ha trovato un portiere decisivo. Difesa rivoluzionata: da Castellini, Mexès, Burdisso e Riise a Cassetti, Burdisso, Heinze/Burdisso, Josè Angel. Quella partita segnò la fine di Ranieri e l’inizio di Montella, mentre quest’anno dovrà rappresentare la continuità. Luis Enrique vuole vincere, vuole farlo sempre. Con Lamela, Bojan e Osvaldo il tecnico asturiano cercherà di bucare la coppia difensiva Moretti-Dainelli, che sabato scorso ha bloccato la Juventus.
Chi era in campo l’anno scorso ha tutte le intenzioni di vendicare quella sconfitta, per mettere le cose in chiaro.


LEGGI ANCHE  La Roma è ancora fortemente interessata a Chalobah per gennaio

14 commenti su “Genoa-Roma 4 a 3: quella sconfitta da vendicare”

  1. bè un risultato 4 a 3(in generale parlo ,contro il genova so che totti nn gioca) ci starebbe tutto se la roma scende in campo con lamela interno di centrocampo insieme a pjanic e ddr al centro ,con tridente totti bojan osvaldo.
    Un esperimento da fare ,sicuramente un po sbilanciati,ma i gol arriveranno sicuro,penso qualcuno anche nella nostra porta pero.. :mrgreen:
    Per cui consiglierei di partire cosi per 45 minuti poi se siamo in vantaggio,solita mossetta all’italiana togli punta metti centrocampista..e via con 3 punti in saccoccia!

    Rispondi

Lascia un commento