Calciomercato in sede non autorizzata: sanzioni per 42 dirigenti

Queste di seguito riportate le sanzioni e ammende a carico di società e dirigenti ritenuti responsabili per aver svolto operazioni di calcio mercato fuori dalla sede autorizzata.Diecimila euro di ammenda alla Juventus, al Torino, al Siena; 7.500 a Vicenza, Ternana, Cesena, Piacenza, 5.000 alla Pro Patria Gallaratese. Sono alcune delle decisioni della Disciplinare, a proposito del deferimento di un gruppo esteso di dirigenti e società che nell’estate del 2006 disertarono la sede deputata al mercato, e svolsero le trattative all’Hilton di Milano. Diecimila euro di multa sono stati tra l’altro inflitti ad Alessio Secco, ds Juve, che come le società sanzionate con una multa aveva scelto la via del patteggiamento. Sono stati invece inibiti per 45 giorni il presidente della Reggina Pasquale Foti, quello del Verona Giambattista Pastorello, l’ad del Catania, Pietro Lo Monaco, il ds del Chievo Giovanni Sartori e altri nove dirigenti; 30 giorni l’inibizione per Carlo Osti, ex ds Lazio, ed altri 16 tra cui anche il ds Alessandro Altobelli. Con le inibizioni più lievi sono in tutto 42 i dirigenti ‘fermatì dalla disciplinare. Venticinque società, tra serie A, B e C, sono state prosciolte.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento