Roma-Chelsea: i petardi portano un arresto e quattro denunce

Un tifoso giallorosso è stato arrestato per possesso e lancio di petardi e quattro tifosi, sempre romanisti, sono stati identificati e multati per turbativa dell’ordine pubblico durante la partita di Champions League tra Roma-Chelsea, che si è svolta ieri all’Olimpico. Uno steward della Roma ed un assistente capo della polizia, inoltre, sono stati feriti. Nel corso della partita sono stati lanciati, dalla curva sud, sul terreno di gioco, alcuni grossi petardi. I poliziotti della Digos, hanno immediatamente individuato l’autore dei lanci, anche grazie all’ausilio delle immagini riprese dalle telecamere interne allo stadio, e una volta terminato l’incontro e atteso il deflusso di tutti gli spettatori, hanno seguito e bloccato il tifoso, un romano di 25 anni. Nel corso del secondo tempo della partita, al terzo gol della Roma, in curva nord, un gruppo di tifosi giallorossi ha tentato di avvicinarsi al settore ospite per entrare in contatto con i supporters inglesi. L’intervento degli steward e degli agenti di polizia del commissariato Prati, in borghese, ha impedito che vi fossero incidenti. Tutti i tifosi segnalati all’autorità giudiziaria saranno, a breve, sottoposti al daspo.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento