Alla ricerca della Roma perduta

E pensare che quando un milione e passa di Romani gremirono il Circo Massimo nel 2001 il Cluj non esisteva nel panorama sportivo europeo ma capita che in una triste serata di mezzo settembre questa squadra, come dicono i piu esperti di calcio internazionale, vincitrice del campionato nel proprio paese, con un allenatore italiano tale Trombetta si presenta all’olimpico di Roma non solo disinvolto ma dando una lezione che difficilmente i veri romanisti, come chi scrive, dimenticherà.
Che dire della Roma, lontanissima parente di quella apprezzata da mezz’europa, solita confusionaria e poco reattiva, priva di equilibri, di gioco senza palla e con un handicap di trovarsi sempre in inferiorità numerica ogni qualvolta ne perde il possesso a centrocampo. Il Cluj che sembrava il Man Utd con un certo Culio ottimo imitatore del piu famoso Cristiano vince con merito e rende amarissimo l’esordio in champions agli uomini di Spalletti…La Presidentessa ha voluto in serata un’incontro con la squadra, sacrosanto ed opportuno visto il momento alquanto negativo, con la speranza che si trovi al piu presto la causa dei mali che hanno caratterizzato una delle partenze peggiori della storia; criticare in questo momento storico è come sparare sulla croce rossa e non sarebbe costruttivo, i fischi ci stanno alla fine della gara anche perché per tutti i 96 minuti la Sud ha incitato incessantemente e questo deve far capire ai cari calciatori che Roma è Roma e tutto il resto non conta, l’immancabile disappunto del pubblico deve servire da sprono perché è amore per questi colori differente da tutti gli altri.
Il nostro futuro è legato alla riscossa giallorossa e come faceva una vecchia canzone…lo scopriremo solo vivendo…scusate solo vincendo!

Condividi l'articolo:

7 commenti su “Alla ricerca della Roma perduta”

  1. per trovarla è ancora presto visto che:totti ha il ginocchio infiammato,pizarrosi parla di un mese,juan e perrotta non si parla ancora di un rientro,me lo dite voi come la facciamo la “guerra?”

    Rispondi
  2. VORREI RICORDARE A TUTTI CHE TROMBETTA A GENNAIO ALLENAVA IN ECCELLENZA… mi metterei a piangere ma questa squadra di m***a non merita nemmeno che sprechi lacrime…

    Rispondi
  3. KCHE VERGOGNA RAGAZZI NN SI PUò PERDERE CN UNA SQUADRA RUMENA!!!NOI KE SIAMO ARRVATI TANTO IN ALTO IN QUESTI ANNI E KE STIAMO CALANDO APPICCO COME NN MAI!!!COSA STA SUCCEDENDO ALLA ROMA???MA SPALLETTI SE NE è ACCORTO KE QUANDO I RUMENI RIPARTIVANO NOI NON AVEVAMO NESSUN DIFENSORE??’DOVE VANNO A FINIRE I DIFENSORI??RIISE GIOCA SULLA FASCIA A CENTROCAMPO COME CICI ORMAI SN DIVENTATI TUTTI ATTACCANTI!!!VUCINIC KE FA IL SUO RUOLO ALLA FINE DOPO AVER CORSO 10 KM CN LA PALLA TRA I PIEDI NN LA SA SFRUTARE!!!!

    VORREI SOLO KE QST ROMA SI SVEJASSE N’ATTIMO X FAR VEDERE KI SIAMO VERAMENTE???ADESSO CI STIAMO SOLO A PRENDE IN GIRO!!!

    Rispondi
  4. Ma dai! non possiamo avere un terzino che sia terzino ed un’ala che sia un’ala. Invece giochiamo con Cicero come terzino che non sa difendere (ve lo immaginate quando affonterà Ibra e consimili), e che per rendere ha bisogno di un’ala che che faccia il terzino. Boh, qui non si capisce più un ca…Sarà che me ne intendo poco di calcio, che il calcio è “moderno”, ma…E poi Menez, lo vuoi adoperare o no?

    Rispondi

Lascia un commento