Luciano Spalletti: “Abbiamo un problema di testa e di gambe”

Perché non riuscite a gestire il vantaggio?
“E’ successo che alcune cose sono state fatte meglio, altre male e abbiamo perso. Non abbiamo fatto ordine. Loro sono stati fortunati nel secondo gol, la squadra si è un po’ persa. Problema di testa e gambe, se i risultati non vengono si perde la tranquillità. Anche nel primo tempo non abbiamo avuto la forza di concretizzare".
I nuovi arrivati sono indietro?
"No, Riise ha giocato bene, Baptista è tornato dalla nazionale e non si è potuto allenare, però non mi sembra siano andati peggio degli altri. Ho cercato di dare ordine alla squadra dando corsa nell’undici iniziale. Secondo me nel primo tempo si è fatto bene al di là di 10 minuti in cui hanno gestito meglio il pallone. Nel secondo tempo mi aspettavo meglio, bisognava scegliere meglio, noi possiamo fare meglio sotto l’aspetto della freddezza”.
Cosa le è piaciuto in questa partita?
“Mi fa piacere vedere i giocatori dispiaciuti a fine partita, ci siamo smarriti perché la squadra anche perdendo aveva sempre determinato situazioni, facendo bene in fase offensiva, ora che gli riesce meno bene tutto non riescono a capire”.
Perché ha preferito Montella a Menez?
“Montella è entrato perché Menez non avrebbe potuto sfruttare le fasce, serviva qualcuno che creasse situazioni importanti in area. Nel primo tempo non siamo riusciti a sfruttare i cross e ho provato a sfruttare queste situazioni con la mossa di Montella”
Vorrebbe commentare il risultato del Chelsea?
“Il Chelsea è la squadra più forte. Noi dobbiamo fare meglio, si riparte sempre dal lavoro e dal valore del sacrificio”.

Condividi l'articolo:

3 commenti su “Luciano Spalletti: “Abbiamo un problema di testa e di gambe””

  1. Forse non vi è chiaro un discorso… tutti a dire a vendere ma a chi? Soros l’hanno fatto scappare credete veramente che Rossella avrebbe rinunciato a quei soldi? ce qualcosa di piu grande e cmq non so quanto era interessato veramente, vi credete davver che calciopoli abbia risolto il marcio? dovevano tagliare dei rami secchi e hanno fatto fuori chi non gli andava piu. nulla è cambiato. ci stiamo ridimensionando perchè p cosi che vogliono e cosi che Rossella ha garantito a chi comanda per queto vivere, cosi la Roma sarà sempre di media classifica inter juve e milan si spartiranno i scudetti Rossella continuerà a mangiare con chiusura di occhi su impicci ecc e tutti sono felici e contenti il Giocattolo calcio Italiano continuerà ad andare avanti come è andato avanti da sempre, non è cambiato nulla, Illusi che con calciopoli tutto era risolto. Vogliamo vincere? speriamo che ci compri Berlusconi o Moratti. i grandi imprenditori a Roma verrano sempre fatti scappare.

    Rispondi
  2. concordo con lupacchiotto… ha anticipato in tutto e per tutto la mia analisi… chi ancora non ha capito che con la gestione sensi… non si puo piu competere con le grandi… è solo uno che si fodera gli occhi di prosciutto… siamo in inevitabile ridimensionamento e solo un cambio societario può sovvertire le cose

    Rispondi
  3. Non prendetevela con Spalletti lui non c’entra nulla. Ho lanciato ahimè diversi segnali sul forum in estate, ma non sono stati raccolti, anzi. Ora leggo: Loria ? è meglio Ferrari…. Baptista?… ma perchè abbiamo venduto Mancini? Riise? litiga col pallone ecc. Io dico da tempo ormai che se la Roma è nei primi posti degli incassi , non può essere negli ultimi posti negli acquisti. Era evidente anche in estate che la società attuale non poteva competere con le big in Italia e che quindi l’attuale proprietà rappresentava un limite per le ambizioni dei tifosi della Roma. Se oggi ci ritroviamo in questa situazione non è un caso ma il lento e inesorabile declino di una squadra che ogni anno non è rinforzata a dovere. Se poi a tutto ciò ci aggiungiamo un pò di sfortuna ed una condizione precaria completiamo il quadro a dovere. Oggi vorrei rispondere a malincuore a chi mi ha scritto in passato che non ero un vero tifoso perchè “osavo” criticare la proprietà che questa è la Roma che si merita.

    Rispondi

Lascia un commento