Chi non muore si rivede


Era prevedibile, dopo la maggior parte dei “tifosi delle grandi occasioni” si è scordata che ieri sera giocava la Roma. Partita importante ieri sera, purtroppo solo il poco pubblico presente lo ha capito. Importante non solo perché ci ha permesso di strappare 3 punti fondamentali per ritornare (solo momentaneamente) al secondo posto in classifica, ma soprattutto perché ha consentito di far riconciliare la tifoseria con alcuni giocatori che in questo campionato finora hanno stentato. Uno su tutti, il capitano. Ovviamente non parlo del rigore messo a segno, ma delle voci che serpeggiavano in Curva dopo aver ammirato soprattutto il primo tempo di Totti.Il capitano ha sfoderato una prestazione degna dei vecchi (non troppo vecchi, suvvia) tempi, facendo strabuzzare gli occhi ai suoi tifosi e illuminando, letteralmente, il gioco. Anche la squadra e quel simpatico figuro del nostro allenatore lo hanno capito, tanto che regalargli una standing ovation al 90esimo sembrava quasi un dovere al quale nessuno si è potuto sottrarre. “Quanno gioca così, nun ce n’è per nessuno!”, “La miglior prestazione stagionale, senza dubbio!”, “A Francè, attento che se continui così, a sti poracci je sviti la capoccia!”… questi sono solo alcuni dei commenti ascoltati ieri nel settore più caldo dello stadio, forse l’unico caldo grazie al fatto che era pieno.

In Curva Nord e nelle tribune, per la gioia dei giornalisti di National Geographic, si è assistito a un gradito ritorno sulla superfice terrestre di esemplari creduti in via d’estinzione come orsi polari, foche monache, pinguini e trichechi. Erano nitidamente distinguibili visto che ci saranno stati un 500 tifosi al massimo a popolare gli spalti. Per la gioia dei naturisti si è quindi potuto affiancare la visione della partita a quella delle fasi più rappresentative della vita in libertà di questa splendida fauna: l’accoppiamento (protagonista un enorme trichecho dagli enormi denti in tartarati che sembrava interessatissimo a un malcapitato tifoso grassottello che aveva avuto la brillante idea di sedersi un pò in disparte per gustarsi le sue Cipster), il corteggiamento (con alcuni pinguini reali che parevano indaffaratissimi a schiamazzare e gonfiare il loro buffo petto davanti a una simpatica e imbarazzatissima ragazzetta che purtroppo non mostrava il suo petto in segno di risposta) e la caccia (con un orso polare che ha sbranato Mike Bibitaro che aveva commesso l’imperdonabile errore di infilarsi la pettorina fosforescente, attirando l’attenzione dei predatori più affamati). Insomma, un vero e proprio safari nei ghiacci, gentilmente offerto dalle rigide temperature che caratterizzavano la capitale e dalla poca dimestichezza a fronteggiare simili esseri che invece contraddistingueva i malcapitati tifosi da bar.

LEGGI ANCHE  La Roma pensa a Timber ed al contratto da rinnovare a Smalling

Tornando alle altre note liete della partita, i “fedelissimi” hanno potuto ammirare anche una più che buona prestazione di Daniele DeRossi e di Perrotta, un gol di pregevolissima fattura di Fenomenez, oltre a una prestazione monstre di Philippe Mexes. Per tutti questi motivi, c’era una discreta quantità di palpabile soddisfazione in Curva; anche perché tutti avevano negli occhi  la fastidiosissima parentesi isolana di inizio campionato (io per primo, vi confesso di non avergliela mai perdonata, anche perché è stata causa di un litigio con la mia ragazza a causa di un mio eccesso di nervosismo… nel corso del litigio mi sono prima reso protagonista di una entrata alla Burdisso e poi le ho dato anche dell’incompetente pupazzo allenatore da strapazzo! Questo l’ha indispettita non poco, devo dire… ma ho saputo farmi perdonare. Come? sono fatti miei!).

Ieri Rugantino ha praticamente chiuso ogni spazio a disposizione degli attaccanti cagliaritani, tanto da far appendere un cartello “chiuso per ferie” a Julio Sergio (se si esclude una buona risposta su sparuto tiro da fuori da parte di uno che non merita nemmeno di essere ricordato). Se non firma vado sotto casa di Pradè e gli taglio le gomme, anzi ci vado comunque! Daniele e Simone invece ieri sera hanno mostrato voglia e gamba e ad essere onesti non stupiscono queste prestazioni dei singoli visto che a livello corale la Roma, ma dov’è la novità, non sembra avere un gioco degno di tal nome.

Oggi, domenica di preghiera, il buon tifoso rimane in religiosa attesa della capitolazione e quindi del sorpasso o dell’aggancio ai danni degli inguardabili spennacchiotti, magari di un passo falso dell’Inter o del Napoli per condire il tutto mentre nessuno si aspetta niente dal pur pavido Cesena.

LEGGI ANCHE  Ola Solbakken è ormai ad un passo dalla Roma in vista di gennaio

Arrivedoir e alla prossima partita,

Con affetto,

il vostro “Gonzo”.


46 commenti su “Chi non muore si rivede”

  1. E grazie a Totti se la magica a cominciato a conquistare prestigio in modo k i giocatori forti comincino a venire a roma ed e grazie a lui sen questi anni abbiamo lottato x il scudetto anche se adesso nn e ai suoi livelli. tornera..Dajeee Capitano sempre nei nostri cuori

    Rispondi
  2. milan – cesena la partita + brutta degli ultimi anni , il milan è troppo ibra dipendente se gli prende un raffreddore la vedo male per loro , quelo che mi spaventa di + è il napoli sono troppo gasati spero che faccia come fanno di solito le squadre di mazzarri un bel calo nel finale

    Rispondi
  3. bell’articolo veramente.ma sul fatto degli spettatori(POCHI)purtroppo o no,è una cosa ormai risaputa sulla quale molto si potrebbe dire.le societa’ tutte si sono organizzate in modo da nn fare poi cosi tanto x riportare i tifosi allo stadio.una su tutte.:i contratti con le tv.giustamente è e sara’sempre piu’il maggore introito ma di conseguensa nn si puo’pretendere dal tifoso sempre l’abbonamento alla tv,e quello allo stadio.vista la situazione economica generale chi puo’fare una cernita sulle partite da poter andare a vedere dal vivo,passando x zone militari mostrando le varie tessere del tifoso e documenti vari,si puo’ ritenere appunto gia’fortunato o almeno al di sopra della media.questa nn vuole essere una critica.anzi spero di avere reso un po’l’idea di quello che intendo nn avendo proprieta limpide nello scrivere.forza lupi!!!

    Rispondi
  4. oggi Maurita Zaratella ciaveva er ciclo!!! Porella!!! certo che se laveva fatto er capitano disturbavano pure li morti Mauro e Sconcerti nun ce so paroleee :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    Rispondi
    • a romolè..zaratina stava pure a pijà i schiaffi.. cmq è ovvio che se l’ha fatto LEI nessuno dice niente perchè è IL NIENTE…er capitano è n’antro pianeta..

      Rispondi
      • a lei je piace fallo strano e violento soo che Di Vaio nun ce stava sai comè…. 😆 😆 stanno a dì che l’entrata de Diaz da codice penale e Zaratella a fine partita acchippa a palla e jela tira in testa a quello der Bologna…..nà checca isterica oh

    • Il bello e che quando ha visto che i bolognesi belli grossi e tanti si stavano avventando su di lui, ha provato a dare uno schiaffo al guardalinee. 😀 😀 😀

      Rispondi
  5. INTER E LAZZZZZIE HANNO PERSO!!!!!!!!!!!

    SIAMO SOPRA!
    SIAMO SOPRA!
    SIAMO SOPRA!
    SIAMO SOPRA!
    SIAMO SOPRA!
    SIAMO SOPRA!
    SIAMO SOPRA!
    SIAMO SOPRA!
    SIAMO SOPRA!
    SIAMO SOPRA!

    BURINI DE MMERDAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    Rispondi
  6. SORPASSO EFFETTUATOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO la lazzie è finitaaaaaaaaaaaaaaaaaa ahahaha poracci…
    non vincono maiiiiiiii non vincono maiiiiiiiiiiii non vincono maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    Rispondi
  7. In effetti ottima prestazione dei nostri francesi 😛

    P.S. stamani Pradè era dal concessionario di fiducia: pare abbia montato quattro nuove ruote in pregiato legno TEK al posto delle canoniche winter scorpion della pirelli

    Rispondi
  8. E’ stupendo vedere il capitano correre per 93 minuti a 34 anni, con tanti anni ad alti livelli e tanti infortuni alle spalle. Se una partita così l’avesse fatta Del Piero ora tutti i giornali e tutte le radio ne starebbero parlando.
    Comunque che ce ne fotte!! Più fanno così e più godiamo. Se il capitano si sbloccasse anche su azione sarebbe troppo bello vedere rosicare tutti quello che lo danno per finito!!
    DAJE CAPITANO!!! SEMRPE CON TE!!!

    Rispondi
  9. viva Skeletro!!! hai sentito che freddo ieri sera e poi quella gnegnerella che te entrava ne le ossa??? ma checcefrega amo vinto er capitano ha segnato amo zittito un bel po de persone a ragazza tua è contenta a mia pure l’udinese sta a vince co linter…….che artro dì forza maggica per sempre

    Rispondi
  10. Ieri si e’ rivisto l’immenso Capitano , alla faccia di chi diceva che e’ un giocatore finito , al 93 correva ancora per fare pressing. Daje Capita’ che come te non c’e’ nessuno al mondo.

    Rispondi
  11. ma la cosa interessante di questo articolo è quel “come?cazzi miei!” è da approfondire la notiziaaaaa!ve ske? ahaahahahahahhaah
    complimenti per l’articolo!

    Rispondi

Lascia un commento