Mancini ceduto, si parte all’assalto dell’attaccante

Il calcio oggi è commercio, business, speculazione, e chi piu ne ha piu ne metta!e come tanti addetti ai lavori, calciatori, procuratori, agenti F.I.F.A.(oggi si chiamano cosi)c’è chi lavora per strappare alle società accordi e contratti per migliorare il proprio emolumento. Amantino Mancini è uno di questi, non sarà il primo ne sarà l’ultimo, a fronte di un ingaggio raddoppiato ha dichiarato amore ai nerazzurri, potrà dire quello che vuole anche l’esatto contrario ma l’ex giallorosso è andato via per soldi rifiutando la proposta fatta a febbraio di 2,5 mln. La società adesso riceve il giusto ossigeno e partirà con la controffensiva per acquisire le prestazioni di un attaccante, con il contante in mano sarà piu facile convincere ad esempio i Pozzo a cedere Di Natale oppure fare una mega offerta a Pantaleo Corvino per Mutu, magari di 20 mln, è questa la cifra che rimane a disposizione di Pradè e Conti, considerando cessioni minori, riscatto di Vucinic ed acquisti di Riise e Loria. L’obiettivo sarà prendere un calciatore perché un altro lauto stipendio mensile dalle parti di Trigoria non è ammesso, graverebbe troppo sulle spalle del bilancio societario a meno che Ludo Giuly non decida di tornare vicino casa ed allora spazio ad un altro acquisto. La strategia di mercato a grandi linee è questa: potrà differire in qualche dettaglio ma la sostanza non cambia!La società vuole arrivare al primo appuntamento stagionale al completo, la convalescenza di Totti procede secondo programma e non allarma piu di tanto, l’attaccante potrebbe arrivare anche alla vigilia di quell’avvenimento come avvenne per Pizarro due anni orsono e per Cicinho lo scorso anno. Restiamo fiduciosi per chi vestirà la maglia giallorossa incoraggiati dal fatto che l’unica voce stonata del coro ce la siamo tolta di torno.

4 pensieri su “Mancini ceduto, si parte all’assalto dell’attaccante

  1. Perché dobbiamo far credere ai tifosi che i giocatori che vanno via sono dei mercenari?
    E’ normale che ognuno va dove viene pagato di più. Anche a De Rossi (che è il mio idolo) se non gli avessere offerto cifre molto importanti se ne sarebbe andato. E’ normale sono tutti professionisti. Dobbiamo accettare questo tetto ingaggi e le limitate capacità finanziarie.

    Ci vuole anche un po’ di coerenza: se Mancini e Chivu sono mercenari perché vanno a guadagnare un po’ di più, anche MUTU se dovessere venire alla Roma (che gli ha offerto un ingaggio più alto di quello percepisce) è un mercenario?

    La Roma sarebbe scorretta con la Fiorentina (come si dice dell’Inter con Mancini?)

    Il calcio è questo. Sono tutti profesionisti e per vincere servono SOLDI DA INVESTIRE.

  2. Quasi 15 milioni ci hanno dato, mica male!
    Però il traditore firmerà all’inizio della prossima settimana al ritorno delle vacanze…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.