Lobont favorito su Doni, Totti c’è, De Rossi e Riise forse

Rassegna Stampa – Gazsport – Ecco, anche sforzandosi di vedere quelle due dita nel bicchiere — il secondo tempo della squadra, la voglia di non arrendersi, finalmente una tenuta atletica accettabile —, i numeri stanno qui a tormentare la Roma, perfino più impietosi del signor Russo.

CRISI QUASI SENZA PRECEDENTI — E, dunque: la peggiore difesa del campionato (9 reti incassate in 4 gare, come l’Udinese); quattro sconfitte in sei partite ufficiali; una partenza in campionato perfino peggiore della scorsa (già 6 punti in meno del 2009); e, infine, per trovare un avvio tanto difettoso bisogna tornare indietro fino al 1974, quando la Roma di Liedholm cominciò il campionato con un pareggio e tre sconfitte. E qui, se non altro, ci si può appellare ai corsi e ricorsi storici, perché quella squadra infine fu terza, dopo una rimonta esaltante, con sorpasso finale sulla Lazio scudettata.

A CONDIZIONE CHE… — Storia. Ma la cronaca è più impellente. E pericolosa. Domani i giallorossi ricevono l’Inter, ancora lei, che può salvare la Roma o farla precipitare. La rabbia accumulata a Brescia potrà perfino aiutare la squadra (a patto di non eccedere), ma — sulla carta — rincuora di più poter fare affidamento sulla qualità e l’autorevolezza (anche qui, entro certi limiti) di alcuni giocatori assenti a Brescia. Al centro della difesa tornerà Nicolas Burdisso, reduce dalla squalifica. Rientro fondamentale, dal punto di vista tecnico: per arginare l’inarrestabile Eto’o e il resuscitato Milito serviranno il miglior argentino e il miglior Juan; anche sotto l’aspetto psicologico: là dietro serve ordine, qualcuno che coordini il reparto, che dia un paio di urlacci ogni tanto. Evitando, magari, che la grinta sfoci nella violenza. A centrocampo, Daniele De Rossi farà di tutto per esserci, anche se pure ieri sul campo non si è visto. Ma servirà nella sua versione migliore, quel mix di qualità, quantità e autorevolezza. Totti, infine. Scontato ricordare quanta differenza faccia la sua presenza, pure a percentuali ridotte. Basterebbe il Totti del primo tempo di Roma-Bologna.

IN PORTA — La questione portiere ora potrebbe provocare imbarazzo: scegliere Lobont, per coerenza, o Doni, per scommessa? Lo staff tecnico è sicuro: parerà Lobont, che gode della stima di Pellizzaro. Mentre Doni ha più amici nello spogliatoio.

CAPITOLO RIISE — A destra, dato per bocciato Rosi, resuscitare definitivamente Cicinho o lasciarci Cassetti con Castellini a sinistra? Qui, la previsione è più complicata. Il ritorno di Riise metterebbe tutti d’accordo. “Io sono prontissimo”, dice lui. Ma bisogna passare dei medici. Speriamo almeno loro siano pietosi. Per una volta.

Condividi l'articolo:

31 commenti su “Lobont favorito su Doni, Totti c’è, De Rossi e Riise forse”

  1. ___________Lobont__________
    Cicinho__Burdisso__Juan__Riise
    ____De Rossi__Pizarro__Brighi
    _______Menez________Vucinic____
    ____________Borriello________

    Rispondi
  2. io farei
    doni

    cassetti-burdisso-juan-riise

    de rossi-pizarro

    cicinho-menez-vucinic

    totti

    giusto perchè l’inter soffre la tecnica li dietro, mentre borriello quando stiamo già sul 2-0 per far salire la squadra e prendere punizioni

    Rispondi
  3. Menez in attacco nessuno ce lo vede??
    secondo me è una punta veloce abile a concludere l’azione magari con un dribling prima..
    se no ogni volta se scarta tutti pure a se stesso e s’incarta col pallone..
    ❓ ❓ ❓ che ne pensate ❓ ❓ ❓

    Rispondi
  4. E’ da irresponsabili mettere Lobont titolare,
    secondo me potrebbe entrare sul 3-0 a 2 minuti dalla fine per essere sicuri…più o meno insomma :mrgreen:

    Rispondi
  5. Diciamolo una volte per tutte: De Rossi e Totti devono giocare soltanto se hanno recuperato, perche se non e cosi, e meglio mettere Menez o Vucinic per Totti, Brighi per De Rossi. Facciamo sul serio adesso. Smettiamola di far credere che Totti e De Rossi non si toccano!

    Rispondi
  6. …e se mettessimo a destra sia cassetti che cicinho? Con cicinho a fare il taddei? magari c’avevamo l’esterno in casa e non lo sapevamo. se lobont è quello della supercoppa proviamo doni. per ora meglio brighi di de rossi
    doni
    cassetti
    juan
    burdisso
    riise (castellini)
    cicinho
    brighi
    pizarro
    vucinic
    totti (menez)
    borriello

    Rispondi
  7. Per favore Lobont NOOOO
    Vi ricordate la finale di supercoppa quest’anno?
    Ha preso dei gol Lobont da portiere dei giardini… 😯
    Io giocherei così 4-3-3
    Doni
    Cicinho Burdisso Juan Riise
    (Cicinho)
    De Rossi Pizarro Menez
    (Brighi) (Simplicio)
    Vucinic Totti Borriello
    (Adriano) (Julio Baptista)

    Rispondi
  8. Io giocherei così, chiamatemi pure pazzo per alcune scelte:

    Doni
    Cicinho Juan Burdisso Castellini
    De Rossi Pizarro Brighi
    Menez
    Adriano Borriello

    A disposizione: Lobont, Burdisso G., Cassetti, Perrotta, Simplicio, Vucinic, Totti

    Rispondi
  9. per me rob è troppo sbilanciata. giocano due tra totti, mirko e menez. e totti non ha giocato a bressia, quindi gioca. l’altro è perrotta con cassetti a dx e lobont (ahimè) in porta.

    Rispondi
  10. Metterei Menez sulla fascia destra, visto che in quella parte l’Inter ha Chivu, e lui soffre i giocatori veloci e tecnici (ha sofferto pure il “nostro” D’ALessandro contro il Bari).
    Spero che Ranieri schieri questa squadra:

    ______________Doni________________
    Cicinho____Juan__Burdisso____Riise
    _________Brighi__Pizarro__________
    Menez_________Totti________Vucinic
    ____________Borriello_____________

    Menez e Vucinic però si devono sacrificare molto.

    Rispondi
  11. io preferirei doni a lobont! son curioso di vedere se è in forma. Tanto lobont non è che abbia dato tutta questa sicurezza in porta ultimamente.

    Rispondi
  12. a loro mancano samuel e zanetti. a sinistra hanno quel gran bast**do di chivu (ancora ricordo le dita medie alzate all’olimpico senza nessuna punizione) che come terzino la sua cappe**a la fa sempre. per me è lì che si deve provare, a saltarlo, a fargli perndere subito un cartellino, ecc.. per il resto doni, mirko e marco davanti. ddr e/o totti solo se stanno bene. i terzini non saprei. se recupera john, cassetti a dx. cicero non m’è dispiaciuto, ma giocavamo col bressia di russo.

    Rispondi
  13. dai diamo una possibilità a cicinho, Cassetti con tutto il rispetto non è il terzino di cui abbiamo bisogno che crei scompigli sulla fascia, è un giocatore di tutto rispetto ma non da fare sempre affidamento, anche perchè ha 33 anni non gli si può chiedere chissà che cosa, un conto è farsi trovare pronto come lui sa fare un altro è giocare sempre titolare.

    Rispondi

Lascia un commento