La Roma spuntata non decolla

Rassegna Stampa – Il Messaggero – Lo 0 a 0 con il Cesena ripropone vecchi temi e alimenta nuove preoccupazioni. La Roma resta a digiuno e di conseguenza non vince, nemmeno giocando in casa contro una matricola, due anni fa in C1 e da 19 senza serie A. Il problema giallorosso non è vago, ma ben individuabile. E’ tutto dentro l’area di rigore, ovviamente avversaria. Manca il centravanti. Perché Totti, calciatore universale e a 34 anni ancora il migliore del gruppo, fa i gol senza però avere le caratteristiche dello sfondatore, del terminale avanzato.

Ranieri, anche venerdì in pubblico, conferma di aver chiesto solo un uomo: Nicolas Burdisso, difensore centrale che sabato tra l’altro era in tribuna. La società lo ha accontentato e come vedete dalla tabella qui sotto è l’unico investimento di un mercato che, tra acquisti e cessioni, ha una saldo negativo di 1 milione e 50 mila euro. Niente per chi punta a vivere un’altra stagione da rivale dell’Inter. La Roma, dunque, ha bisogno di un centravanti, ma spende 8 milioni per un marcatore. Eccellente, certo, ma avendo già in rosa Mexes e Juan, titolari impeccabili contro il Cesena, addirittura un lusso per chi vive da anni in un gegime di assoluto autofinanziamento. E’ tutto qui il controsenso, a meno di 48 ore dalla chiusura del mercato e con nessuna voglia (e possibilità) di rimettere le cose a posto con un colpo mirato.

Nessuno discute il valore di Burdisso senior (precisazione dovuta perché a Trigoria ora c’è pure Burdisso junior, il fratello Guillermo di otto anni di meno), ma è innegabile che la prima punta andava comunque presa. Un attaccante è arrivato, a costo zero: è Adriano. Una scommessa, si sono affrettati a dire tutti al momento del suo nuovo sbarco in Italia, dai dirigenti al tecnico. Anche lui, sabato sera, è finito in tribuna. Da infortunato, a differenza di Burdisso senior. Il brasiliano è Indisponibile e chissà per quanto tempo. Tatticamente e tecnicamente, tanto per esaurire il discorso su Adriano, non si può nemmeno catalogare come uomo d’area di rigore. E quindi, quando sarà (di pazienza Ranieri e i tifosi ne dovranno avere parecchia), non servirà per gare come la prima di campionato. Nella tabella qui accanto i gol degli attaccanti giallorossi delle ultimi dieci stagioni (in serie A e nelle coppe), partendo da quella del terzo scudetto.

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

Guarda caso nella stagione del titolo, il centravanti c’era: Batistuta realizzò 20 gol in campionato. Montella ne fece 21 quattro anni dopo. Poi Totti è riuscito a superarli, ma da quando fa la prima punta, cioè dalle ultime cinque stagioni (idea di Spalletti nel dicembre 2005), arrivando addirittura a 26 reti con 5 rigori, diventando capocannoniere e vincendo la scarpa d’oro. E’ successo solo una volta negli ultimi cinque tornei e questo dato spiega le difficoltà di sabato sera. Perché Vucinic in campionato, in 4 anni, non ha pesato come ci si aspettava da lui: 2,9, 11 e 14 gol. Il rendimento è in crescendo, ma mai sino a 20 reti, nemmeno contando le coppe (l’anno scorso 19). Insistiamo, e molto, sul centravanti che non c’è, perché la Roma, nella partita con il Cesena, non ha mai trovato la torre in mezzo all’area (il giovane Okaka, come a Milano, è entrato solo nel finale). Questo costringe la squadra a giocare sempre e comunque un buon calcio. Nessuno sfrutta le palle inattive (punizioni e corner), nè gli attaccanti nè i difensori.

Ranieri cerca il gioco sulle fasce: di qui, il primo cambio, l’ingresso di Taddei per Menez che era stanco, e la richiesta, alla fine della stagione scorsa, di quattro esterni (sono arrivati solo Rosi e Castellini) perché il suo sistema di gioco preferito resta il 4-4-2. La Roma, dunque, può segnare solo in due modi: con Totti, come dicono i numeri, o alzando i ritmi per favorire gli inserimenti di esterni e centrocampisti, sempre palla a terra. E se il capitano resta una certezza, in questo momento la condizione atletica non dà garanzie per la seconda opzione. E in due partite l’unica rete è di un terzino: Riise. Per ora bisogna accontentarsi. Ma per lottare per il titolo, non basta. E si sa da un pezzo.

53 pensieri su “La Roma spuntata non decolla

  1. l’Inter pareggia contro il Bologna senza allenatore e noi c preokkupiamo d aver pareggiato x sfiga contro il Cesena????

  2. Borriello? A questo punto mi accontenterei anche di Inzaghi in prestito per un anno, pochi minuti 1 gol e un palo.

  3. intanto manco Antunes ha trovato l’accordo ve rendente conto!!! 😯 L’agente de Cicinho dice che se sta a guardà intorno 😯 e stanno offrì Baptista a mezza europa credendo de trovà n’artro allocco come Pradè 🙄 che bei colpi Pradè complimenti 😈

  4. SECONDO ME RANIERI NON S METTERE LA SQUADRA IN CAMPO.PER ME,TOTTI IN QUESTO MOMENTO DEVE ESSERE LA PUNTA CENTRALE.DIETRO DEVE STARE MENEZ.NON PUO AFFIDARE IL COMPITINOA UNO COME MENEZ,TROPPO FANTASIOSO E DRIBBLIN COME POKI!
    TOTTI
    MENEZ
    VUCINIC ROSI
    PIZZARRO DE ROSSI
    RIISE JUAN MEXES CASSETTI
    JULIO SERGIO.
    a ranieriiii,svegliatiiiiiiiii

    1. sinceramente a me piaceva la rosa di sabato, solo che vorrei vedere i 3 di centrocampo allineati in fase difensiva, visto che perrotta non ha mai difeso sabato, e vucinic e menez che aiutano a centrocampo, ma nn menez terzino che copre i buchi di perrotta e vucinic fisso in attacco…

  5. ragazzi scusate se mi intrometto ma qualcuno di voi ieri ha visto la partita del milan???? a me quello sembrava lo schema che doveva applicare la roma…che ne pensate?

    1. ho visto gli highlights, da paura, li hanno ammazzati di brutto. Se avessimo giocato sabato contro il milan ci avrebbero umiliato

      1. hanno fatto quello che dovevamo fare noi, mettere sotto una squadretta di novellini neopromossi. Comunque mi è piaciuta molto la disposizione, i 3 di centrocampo che in fase difensiva si allineavano e difendevano tutti e tre insieme, e gli esterni di attacco che aiutavano a centrocampo, noi invece stravamo kn perrotta attaccante e menez trequartista…

      2. con pizarro e derossi schiacciati davanti alla difesa e toti che spreca energie in mezzo al campo per andarsi a prendere il pallone… e al centro dell’area di rigore avversaria il nulla..

    2. penso che aldilà della partita l’acquisto di ibra ha portato una carica all’ambiente che li porterà a vincere il titolo.Hanno comprato Ibra per fare sognare i tifosi,sogni che noi sono anni che non possiamo fare…….e poi si lamentano se calano gli abbonati…..compra Ibra poi vedi quanti si abbonano cara rosella e soci

    3. secondo me la roma ha trovato difficotà perchè il cesena, comunque, si chiudeva ottimamente. la roma ci ha messo poca grinta ok, ma il lecce in confronto al cesena (visto ieri) è molto piu scarso.

      1. sicuramente il lecce è più scarso, ma secondo me se alla fine del primo tempo toglieva vucinic e perrotta sarebbe andata diversamente, il vero problema secondo me è stato il centrocampo, perrotta non aiutava in fase difensiva, ma cmq era la prima, ora cè la pausa, credo che ranieri abbia fatto una preparazione un pò cosi, per partire forte dopo un pochino, insomma sabato credeva di sfangarla con poco… ps il milan non ha solo ibra, ma anche un pato ritrovato…

      2. però se togli perrotta e vucinic devi cambiare tattica. si passerebbe ad un 4-4-2 con menez e rosi esterni? (giacchè guberti e cerci non ci sono..). La roma purtroppo non ha molte scelte tattiche (soprattutto se adriano e simplicio sono infortunati). Vucinic è versatile sulle fascie e se non è in giornata c’è poco da fare.
        Queste sono le cose che mi vengono in mente, poi magari ci saranno altre combinazioni ce a me sfuggono 🙂

      3. cmq l’importante secondo me era togliere uno tra perrotta e taddei, almeno giocavamo in 10 invece che in 9, rimane il fatto che non può essere sempre totti a salvarci…

      4. il Lecce fa ridere almeno il Cesena ha qlk buon giocatore il Lecce invece nn ha proprio nessuno

  6. io nn capisco : nel 2004-2005 abbiamo vinto lo scudetto primavera ma invece d puntare su quei giovani li vendiamo e d quella squadra ormai sn rimasti sl Okaka,Greco e Rosi
    siete sicuri ke Cerci nn è da Roma???io mi rikordo il rigore guadagnato contro il Panathinaikos e Bologna-Roma 0-2 dv entra a 10 minuti dalla fine e fa l’assist a Baptista e Cska Sofia-Roma 0-3 possibile ke ttt quei giovani siano seghe???ma poi rimpiangete Pepe ke è un’emerita sega e l’ha dimostrato fin troppo bene anke ai mondiali e D’Agostino ke appena è andato via da Roma è scomparso e nn ha mai fatto 1 kazzo
    ma siamo sikuri ke Pepe è meglio d Cerci???e ke D’Agostino sia meglio d Greco???io kredo d no

    1. bah per quello che hanno fatto vedere fino adesso si, Pepe è in nazionale e Greco è ancora molto giovane rispetto a D’agostino quindi poca esperienza. Cmq sia a parte Greco in partenza nessuno di questi ex…. fa purtroppo parte della rosa 2010/2011

      1. il fatto ke Pepe stia in nazionale nn toglie ke sia una sega e Greco piace al Liverpool

    2. Purtroppo è vero. qyest’anno la primavera ha vinto lo scudetto con 10 punti di vantaggio sulla seconda (piu o meno). Però i giocatoric he hanno vinto ora stanno in altre squadre in prestito e noi restiamo con castellini e adriano.

  7. Ranieri deve accorgersi che Menez non è un esterno, ma un trequartista. Poi se gli viene dato il compito di andare a coprire fino in difesa, dopo 1 ora non ce la fa più.

    1. Roberto86 daccordo con te,Menez non è esterno.E non gli si può chiedere di correre x coprire,stesso discorso x Perrotta che non è esterno,e neanche più un ragazzo.Forza Roma… 😎

  8. d’agostino ha 28anni suonati,te l’ho detto che è un mio pupillo.Fino a quando era qui era solo tecnica e zero movimento.Secondo te una squadra deve aspettare 6anni o più per l’esplosione di un giocatore?Ma poi secondo voi un giocatore aspetta tra prestiti e panchina la sua esplosione o se ne va a giocare dove può farlo con continuità?
    Motta per me non è nessuno,ha fatto una buona stagione quando è arrivato in una squadra che remava contro spalletti e lui era anche più in forma degli altri..ma ha fatto parecchie cavolate e alla fine ne spalletti ne ranieri l’hanno più considerato..E cmq prandelli non l’ha gia più convocato,e ha convocato antonelli santon e de silvestri..Praticamente ormai alla nazionale se fossi un terzino potrei ambire anche io

  9. vabbè ma attualmente tu nella roma chi vorresti??io forse solo d’agostino e forse galloppa al posto di brighi o perrotta perchè possono giocare da vice pizarro,per il resto i vari pepe motta cerci corvia ferronetti andreolli e guberti,curci,amelia,lo stesso aquilani..non mi fa impazzire nessuno..stanno bene dove stanno perchè la maggior parte sono mediocri giocatori e soprattutto troppo discontinui..Qui c’è gente che fino a un mese fa piangeva dietro a un’eventuale cessione di antunes eh..Ora sono spariti tutti..

    1. Hai ragione Pepe, me ne ero dimenticato anche lui dato via. Guarda mi vien da piangere. parliamo di tennis che forse è meglio, questa dirigenza ha distrutto la Roma e non parlo di Rossella, tanto di cappello per quello che hanno fatto i Sensi, lei si è affidata ad uno staff tecnico di incompetenti…

      1. perchè lei era competente ? nell’aumentarsi lo stipendio per se e ai suoi amici forse

      2. guarda lei era la proprietaria della Roma e poteva fare quello che voleva, tiricordo che la famiglia Sensi ha delapidato un patrimonio per l’as Roma, chiuqnue nei suoi panni avrebbe fatto lo stesso, anzi ti dirò di più se fossi stato io per recuperare quanto perso, avrei venduto de rossi, vucinic, totti ecc… per dire che cmq la Sensi nonostante mille difficoltaà ha saputo mantenere la squadra ad alti livelli competitivi.

      3. io ringrazio suo padre nn lei perchè lei ha vissuto con la squadra allestita da suo padre nn è stata capace di comprare giocatori per far vincere perchè bastava poco quando la juve o altre squadre nn erano competitive e poi se vendeva prima tanto prima o poi lo doveva fare ora molto probabilmente chi comprava nn si ritrovava una squadra con i big vecchi perciò da parte mia nessun ringraziamento

    2. Allora immagina di avere Pepe che si alterna con Taddei, Guberti con Vucinic, D’agostino con Pizarro, Galloppa meglio di Faty, Aquilani al posto di Perrotta, Motta al posto di Rosi, Curci come secondo, e poi un centroavanti di ruolo e saremmo fortissimi.

  10. … ma xkè sè la ROMA avesse prese David Trezeguet non avrebbe avuto un attacco molto più concreto sotto porta 😯 … io non credo che costasse molto … e secondo me è più forte di Adriano 😕 …

  11. Ieri guardano la partita della fiorentina ho pensato a D’agostino, un giovane dal talento eccezzionale, anche lui mandato via per qualche spicciolo pensando che non fosse uno da Roma. Motta è stato uno dei migliori in campo, Guberti ha fatto un gran gol, a Cerci si poteva dare un’altra chance facendola giocare di + e dandogli 800.0000 euro a stagione…. troppi eheheheh!!!! Un pensierino va anche ai Curci ed ai Galloppa dati via in cambio di un Arthur, un Loria e un Barusso mi sembra… Ma perchè la Roma non riesce a prendere giocatori giovani come ad esempio fanno l’udinese (sanchez,isla,inler) ed il palermo(hernandez, pinilla, pastore)ed anche la stessa lazzie con zarate ed hernanes?
    Secondo me non abbiamo uno staff tecnico adeguato e il ns ds ci capisce poco e niente di calcio, gli fu proposto zarate ma non ne volle sapere…

    1. d’agostino è uno dei miei pupilli dalla primavera,ho ancora la foto con lui in camera,però è scoppiato a 27anni dai..La roma non può aspettarli all’infinito sti giocatori!su guberti non mi è dispiaciuto ma la piazza è quella che è ed è solo una partita quindi aspetterei prima di rimpiangerlo!!Motta assolutamente no però,ieri ghezzal si è mangiato un gol clamoroso su uno dei suoi soliti svarioni,quindi rimpiangere motta proprio si vede che parlate di cose che non conoscete o senza guardarlo giocare!

      1. D’agostino ha adesso 27 anni ma mi sembra che abbia giocato ai suoi livelli già nell’udinese quindi molto tempo rima dei suoi 27 anni. Diciamo che 2-25 anni è l’età giusta in cui si vede la maturazione di un giocatore per cui se li mandi via prima è logico che poi esplodano in altre squadre.
        Motta con Spalletti faceva paura, Ranieri lo ha fatto giocare poco e male ed il giocatore, come è naturale che sia ha perso dinamismo e fiducia. Se Prandelli lo chiama in nazionale un motivo ci sarà.

    2. E ci ha portato in squadra delle sole come Kuffour, Nonda, Barusso, Loria, Faty, Antunes, Arthur, Lobont, Cicinho(10 milioni di euro…il Real sta ancora ridendo) e dall’ultimo Batistuta questa dirigenza scellerata non è stata in grado di assicurare un vero centroavanti sia a Spalletti, ragione per cui il mitico pelato sclerò, sia a Ranieri che da buon romano sta facendo buon viso aa cattivo gioco… Cmq se Zeman avesse visto roma cesena avrebbe parlato di anticalcio…. una squadra orribile da vedere senza organizzazione di gioco e graziata da un cesena che ha avuto più volte le occasioni per vincere la aprtita

      1. con batistuta abbiamo vinto lo scudetto , il problema dell’attaccante è colpa anche di totti perchè nn voleva concorrenza per fare i suoi record di gol ora però ne ha bisogno anche lui di uno lì davanti che prenda i colpi al posto suo ,poi sul fatto che la roma nn può aspettare i giocatori ma se in 80anni abbiamo vinto 3 scudetti nn posiiamo aspettare 3 anni per un giocatore ?

    3. Ma secondo te uno che fa il “duro” rifiutando le richieste di 8 milini per burdisso offrendogliene 5,5 e poi alla fine gliene da 8 co0me voleva è un dirigente competente??? cosa vuoi che capisca lui di giovani, io sono convinto che Guillermo Burdisso sia arrivato grazie a Hidalgo, infatti l’operazione che sembrava semplice ci è voluta un pò prima che fosse definita, abbiamo venduto Cerci lasciando scopeto il ruolo di esterno, abbiamo speso un estate intera per Burdisso senior quando il suo acquisto non era cosi importante dato che il suo ruolo era coperto da Andreolli ed ora ci ritroviamo senza un esterno. Grazie per avermi ricordato i vari D’agostino, Galloppa, Motta….

      1. serve un vero staff osservatori cazzuti, e gente con de cocomeri la sotto che sanno pianificare e far rendere una squadra

  12. speriamo che la nuova proprietà cambi qualcosa non mi aspetto una rivoluzione ma almeno uno scontro alla pari con le altre grandi

  13. metteremo burdisso di punta , se ranieri cerca il gioco sulle fasce perchè ha fatto mandar via guberti e cerci gli unici veri giocatori di fascia che avevamo

    1. io metterei simplicio centravanti tanto li in mezzo tra lui,brighi,perrotta,taddei,pizarro,de rossi,siamo stracoperti 😆

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.