Nebbia a Milano

Il Romanista – Chi tifa Roma non perde mai, ma è ora che ricominci a vincere. Qualcuno lo dica innanzitutto Mirko Vucinic, perché non è mai colpa di uno soltanto (nemmeno se si gioca nella ex terra dello Special One) ma se ieri sera Vucinic non avesse fatto Bonetti la Roma avrebbe vinto la Supercoppa d’Italia, e dei suoi centocinquant’anni di finta unità nazionale, contro i campioni d’Europa. E’ un dato, non un condizionale. L’ennesimo “se” nella nostra storia non può offuscare un’indicazione altrettanto grande: per un’ora almeno, la Roma di Ranieri, la Roma di Totti che tocca ancora come dio, la Roma di una banca ma che avrà sempre il cuore di un popolo che continua a viaggiare e a preferire la strada alla televisione, la fede alla tessera che fidelizza, ha giocato, quasi giostrato, persino con una certa eleganza e grazia, contro la corazzata del triplete, dei petroldollari di Moratti, della squadra rappresentante tutta di questa Italia in crisi (che scena era l’Inno di Mameli con undici stranieri vestiti di azzurro e nero?). Certo di tutto questo i tifosi della Roma non ci fanno niente, non ci possono fare niente, non ci devono fare niente. Per loro questo deve restare l’ennesimo “se”. E’ giusto che sia così, e sono sacrosante le imprecazioni. Risuonino come preghiere.
E’ alla squadra, ai tecnici, ai dirigenti, alla Roma che rappresenta la Roma in campo che tutto questo, anche questo scempio, questo spreco di Milano deve poter insegnare qualcosa. “To be continued” c’era scritto a Verona, e allora facciamo in modo che quello che ieri abbiamo richiamato “dolore” sia veramente “soltanto un discorso sospeso”. Nessuno s’impressioni dei titoloni che oggi verranno sparati in rosa, dell’Internazionale che vola verso il super titolo mondiale, o all’ennesima vetrina a Montecarlo: ricominciamo. Per forza e per amore. Dall’unghiata rossa e mancina di Riise e non dal pallore del montenegrino. Amaro. Amarissimo Montenegro. Quest’anno può essere l’anno buono, anzi, quest’anno dev’essere l’anno buono e, fosse pure in maniera paradossale, e facendoci ancora eternamente del male, è
proprio ieri che lo si è capito. La vecchia Roma che l’anno scorso ha pianto con ventimila persone a Verona,
ma lì s’è riabbracciata, ieri sera s’era ritrovata a San Siro: i soliti noti, i ventimila e quegli undici in campo. Apposta Adriano e Simplicio erano rimasti in panchina. Ed è andata in vantaggio. E sorrideva. E giocava meglio dell’Inter olandese, argentina, dell’Inter interista. Era la Roma romanista che vinceva e meritava di farlo (dio quanto lo meriteremmo sempre! O no?). Poi qualcosa si è interrotto nuovamente… Calma siamo ancora lì: to be continued… Siamo appena all’inizio. Ce la faremo a batterli.

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

28 pensieri su “Nebbia a Milano

  1. Se fossimo una società “potente” (o pazza, a seconda dei punti di vista) stile Inter, potremo tenere tutti e rafforzarci, ma allo stato attuale come detto da alcuni, Vucinic, Totti, Menez e io momentaneamente ci metterei anche Taddei e Cerci, non possono coesistere per problemi di cassa. Tralasciamo Taddei che è un centrocampista di fascia comunque duttile e Cerci che con molta probabilità ci lascerà, e veniamo al terzetto d’attacco. Tra loro tre dovrebbe rimanere in panchina uno, ed essere sostituito da una punta pura. L’anno scorso, seppure non entrato pienamente nei giochi, mi ricordo un paio di goal di Toni, bruttissimi stilisticamente ma gli unici dell’annata, di un giocatore fuori area, spalle alla porta, che si gira goffamente, scalcia e segna. Una punta è anche questo, goal brutti senza preziosismi. Purtroppo se vogliamo una punta, uno del terzetto va sacrificato. E’ ovvio che se mai Mirko ci lasciasse, se va in una società forte rischia il pallone d’oro, ma per noi è impossibile avere la botte piena e la moglie mbriaca 😉
    Non vi nascondo comunque, che pur ammirandolo, se avessimo i soldi, io sacrificherei il capitano in panchina e farei un pseudo-tridente con un centrale forte e sulle fasce Mirko e Jeremy.

    1. ma Adriano in teoria dovrebbe essere stato preso per far riposare Totti o metterlo in determinate partite perchè insieme nn possono giocare farebbero l’attacco + bradipo della serie A

    2. io nn lo volevo dire…ma la realtà è questa…cioè menez e vucinic con un centravanti che la mette dentro anche di femore sarebbe il top!!
      purtroppo gran parte della differenza tra noi e l’inter è in questo,il capitano nn può essere,per via dell’età e dei tanti infortuni,il centravanti da 25 gol..menez e vucinic nn lo saranno mai x caratteristiche,quindi che fare?

  2. vucinic dovrebbe diventare piu’ cattivo sotto porta ma porco dinci quella occasione al primo tempo e’ una cosa inammissibile,tutto tralasciando la stronzata che ti insegnano a non fare a qualsiasi categoria.io sto parlando di buttare dentro palloni facili. a mirko puoi pure fare grandi gol ad effetto in velocita’ a giro come ti pare ma segna pure de punta de naso sfonna quella caxxo di porta la davanti .vucinic potrebbe essere piu forte di berbatov se ci credesse davvero di diventare un centravanti che parte dall esterno non fare solo l’esterno e i gol a giro ma anche i gol all inzaghi daje piu grinta la in mezzo puoi fare 30 goals.
    per menez tutto bene pero’ anche lui una volta che hai fatto tutto daje buttala dentro fate un
    allenamento tiri per menez davanti alla porta devi buttarla dentro o al massimo guarda indietro aspetta il compagna e fai assist.c’ha giocate alla zidane ma devi concretizzarle o aspetti che la squadra ti segue e fai assist.
    ci manca poco per essere grandi.

    sempre con julio sergio tra i pali e niente gufi in panca o in rosa

    1. aggiungo solo che parlando di adriano io ci credo in lui pero’ e’ vucinic che pur partendo da li che deve fare la differenza e non gli manca tanto io penso sia convinzione di non fare solo gol difficili.a mirko ci sono soddisfazioni anche fare cose facili non credere potresti essere capocannoniere.
      ritornando ad adriano io su di lui punterei come punta centrale senza provarlo a destra a sinistra con uno attaccato non troppo staccato,e su di lui mi basterebbero 10 goals quest anno.ne vorrei 25 di vucinic 13 di totti 7 di menez .daje

    2. Vucinic è questo,non sarà mai un bomber da 20 goal tipo milito.Cmq non è lui il problema ma la condizione fisica di Adriano.Ranieri ha detto che è al 30%………e si allena da 2 mesi.Quindi raggiungerà il 100% tra 4/5 mesi………..

  3. premesso che io adoro questo giocatore,dai tempi di lecce…ma qui ragazzi c’è un problema vucinic,è inutile girarci intorno,ovviamente nn per l’errore,può capitare..qui è stato massacrato mancini,ed io ero uno di quelli,perchè nn era costante,adesso la situazione si ripete,purtroppo io posso accettare un giocatore che in partita nn si vede mai,solo se ho la certezza che poi il guizzo vincente arriva,mirko invece oltre a nn prendere una palla,l’unica che ha la sbaglia in modo clamoroso!!
    vorrei sbagliarmi,ma credo che 3 giocatori come totti-menez-vucinic la roma nn se li possa permettere…in mezzo a questi 3 serve uno che segna,alla prima occasione,punto!

    1. purtroppo è vero..mirko è molto forte e a me l’anno scorso m’ha fatto impazzire molte partite,ma altre l’avrei ammazzato..!metti pure 2 anni fa con l’arsenal,che rigore tirò?e non è che tecnicamente non fosse in grado di tirarlo eh!!A noi serve da anni un giocatore alla Drogba,dico alla non Drogba perchè è irraggiungibile..Però uno che come ha una palla la porta la butta giù..In teoria quello che dovrebbe essere Adriano però,sperando che riprende la forma presto!

  4. è vero che la squadra è calata per l’uscita di pizarro però è anche vero che nessuno ha corso più quando è uscito il pek.esiste un problema pizarro ma rivediamo questa squadra quando è in condizione per tutti i novanta minuti

    1. quando si perde se ne esce sempre con la scusa della squadra buona per un ‘ora………..ma se le regole del calcio dicono che si gioca 90 minuti mi spiegate perchè uno deve essere contento di avere fatto bene un’ora??

      1. SONO D’ACCORDISSIMO CON SORELLAROSE!!!

        LE PARTITE DURANO 90 MINUTI, E IO SONO STUFO DI PERDERE OGNI BENEDETTO TROFEO CONTRO L’INTER GIOCANDO BENE UN’ORA.

        B-A-S-T-A !

  5. Per quello che ho visto io (sò entrato al 25′ del primo tempo),fino all’errore dell’1-1 era una discreta Roma,che conteneva bene e ripartiva.nel secondo tempo purtroppo con l’uscita di Pizarro si è spenta la squadra,che era si ferma ma l’inter lo era altrettanto. Gli errori dei singoli pesano e fanno la differenza,ma non accollerei la disfatta a Lobont: guardate che retropassaggio fa Vucinic e come buca Juan sull’1-1 ; sul 2-1 Cassetti perde Eto’o ma l’azione parte dai piedi di Lucio che sguizza tra Perrotta e Taddei; la forma fisica in questo periodo è quella che è,dunque evito di fare processi ai singoli.
    Forza Roma 😎

  6. La tua e da sogno ma per stare coi piedi per terra prima a giugno o anche prima doveva arrivare adesso con sta formazione :
    J.Sergio
    Rosi
    Mexes
    Juan
    Riise
    Menez
    De rossi
    Pizarro
    Vucinic
    Javier hernandez
    Neymar

    Panchina :

    Khune
    Motta
    Burdisso
    Burdisso
    Adriano ( Siviglia ) ora al barca
    Ben harfa
    Simplicio
    Brighi
    Dos santos
    Totti
    Eder

  7. Il problema per la Roma è non aver ceduto Vucinic. Mi dispiace molto ripetermi, è un giocatore eccezionale, ma troppo discontinuo. Sono stato il primo a festeggiare dopo il suo acquisto, lo seguivo quando era a Lecce. Un altro giocatore da vendere se venisse Burdisso è Mexes. Il francese rimarrebbe in panchina, è un ottimo giocatore, ma troppo, e sottolineo troppo, emotivo. Per quanto riguarda Mirko, è più che sacrificabile per un semplice motivo. Alla Roma mancano i goal. Si è visto nella supercoppa e in tutte le partite dall’era spallettiana ad oggi. L’ultimo scudetto lo abbiamo vinto grazie a tutta la rosa che ha combattutto come sempre (ieri sera incluso) ma grazie ai goal di Batistuta e Montella. Quindi, oltre a non avere i soldi per comprarla una punta vera (si otterrebbero con la cessione di Mirko) non abbiamo il posto in campo. A questa Roma oltre un vice Riise e un terzino destro, mancano un laterale sinistro e una punta con i controfiocchi! Dico laterale sinistro perchè a destra io metterei Menez. Totti e Adriano non sono punte di qualità. Il capitano se in forma deve fare ciò che ha fatto ieri sera, smistare palle per chi è davanti, ma davanti chi c’è? Ci fosse stato il 50/70% dell’Adriano di un tempo il primo tempo lo avremmo finito per lo meno sul 2 a 0. Quello che mi ha più rattristato di Adri non è la condizione fisica, ma quella mentale. Disorientato al massimo, riflessi azzerati, il fisico lo si può anche recuperare, ma la mente è dura. Un ciclista potrà non essere più in forma, ma non dimentica come si va in bici. Non voglio essere troppo severo o critico, ma è il mio punto di vista, maturato negli anni. Dobbiamo imparare ancora molto nella campagna acquisti, e capire ciò che davvero ci serve. Non ripetiamo l’errore di quando in passato ci siamo ritrovati con 6 portieri e 7 punte, dove le 2 punte di spicco erano Fabio Junior e Bartelt…. che è tutto dire.
    Forza Roma, stupiscici con una chiusura di mercato sfavillante

    1. io nn la penso cosi ma và bene lo stesso …. x me 2 maglie sempre assegnate ( vucinic e menez ) poi altre 9 ….. menez mai e poi mai esterno a destra !!! è nato x fare il 3/4ista ke svaria su tutto il fronte dell attacco con quegli strappi in accelerazione ke ha solo lui al mondo secondo me ( imprendibile qnd parte ) ….. con i soldi avrei puntato subito torres fabregas gerrard e soffiare maicon all inter ….. ma è solo un sogno :

      J sergio
      maicon
      burdisso
      juan
      riise
      de rossi
      fabregas
      gerrard
      menez
      torres
      vucinic

      oddio ora svengo ^^

  8. Giusta campagna acquisti della Roma :
    Eder
    Pinilla
    Guberti
    Simplicio
    Ozil ( x 15 milioni ottenuti dalla cessione di taddei , baptista e doni )
    Marquez
    Javier hernandez

    Cessioni :
    Taddei
    Doni
    Cicinho
    Cassetti
    Barusso
    Pit
    Andreolli
    Antunes
    Loria

    Che ne dite ? aspetto vostri commenti .
    + l acquisto di Nico burdisso , burdisso jnr e motta e Rosi

  9. io nn cio parole ma me so stufato de sti bastardi polentoni de merda….nun vedo l ora che quarcuno se compra la roma e che cia sordi da spende.allora quando avremo 30 nazionali come l inter e 150 milioni di euro all anno de stipendi saro piu contento.questa è la verita.taddei cassetti lobont loria faty barusso cerci e andreolli e me dispiace pure un po de perrotta pero ponno pure appenne i scarpini perche nn so da roma.io spero che a gennaio al calciomercato ce saranno nomi come torres o simili e no gente come gobbi o sculli…famola finita cmq tifiamosolo la maglia e speriamo che quella shifosa della sensi se leva dalle palle per sempre.ciao a tutti

  10. Ennesima batosta dall’Inter… ieri sera mi piangeva il cuore a sentirli cantare “Non vincete mai”… ma come dargli torto?

    Ogni volta ci illudiamo, ogni volta pensiamo che possa essere quella buona e poi lo prendiamo in cùlo… Regalare due goal (3 con quello sbagliato davanti al portiere di Vucinic) all’Inter a questi livelli è INCONCEPIBILE e tantomeno accettabile!

    Eh certo, siccome l’Inter è scarsa ci mettiamo noi a regalargi i goal…

    “NON VINCETE MAI”, ci cantano, siamo la barzelletta d’Italia.

    Che poi… uno dice… vabbé, l’Inter è più forte, ma non è detto che vinca sempre il più forte! Anche per la legge della probabilità, se hai 10 palline rosse e 1 nere in un sacchetto, prima o poi quella nera la peschi (anche se è più difficile)… uno pensa: “Prima o poi, anche se non siamo al livello dell’Inter, vinceremo qualcosa!”.

    Mai… nulla… ed anche ieri i nostri tifosi si facevano sentire… in 15.000 sembrava di stare all’Olimpico… questa squadra e questa presidenza non meritano tifosi come noi, non ci danno mai soddisfazioni.

    Sono anni che lottiamo al vertice per puntualmente non vincere nulla!

    “Non vincete mai”… continueranno a cantarci…

    1. commento perfetto..anche io ero allo stadio..settore dell’inter con la maglia del capitano..mi sono sentito gli insulti dietro di me per 90 minuti ma a me non importava..al gol di riise mi son detto..dai che forse ce la facciamo, dai che non p tutto inutile, dai che ne è valsa la pena..!! alla fine… uno stadio intero che canta non vincete mai..!! ecco l’ennesima delusione, l’ennesimo sforzo che non ripaga!! ma na piccola soddisfazione na volta no è??!!

      1. si vabbp ma parlare di batosta è veramente fuori luogo..le bastoste dall’inter le abbiamo prese con spalletti,4 gol a partita all’olimpico una stagione dopo l’altra

      1. Non per far polemiche, io odio la Lazzie e sono romanista fino al midollo, ma ti sei tradito da solo… persino la Lazzie l’anno scorso ha vinto la Supercoppa… e non conto il Catanzaro, contro l’Inter!

        Persino loro vincono… noi mai!

      2. io se devo vince una supercoppa e poi rischiare ogni anno di andare in serie b preferisco nn vincerla…cerchiamo di essere seri,perchè se è questa la logica allora davvero mettiti a tifare catanzaro,tanto per te è tutta una polemica,nn c’è niente da fare

    2. il nn vincete mai è il mondo che gira perchè una volta veniva cantata dai milanisti a lo ro spero solo che tocchi anche a noi cantarla prima o poi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.