Le pagelle di Verona-Roma: Pellegrini trascinatore, male Santon

Le pagelle di Verona-Roma: Pellegrini trascinatore, male Santon

Una vittoria cruciale quella ottenuta dalla Roma sul campo del Verona. Un posticipo di Serie A che sentenza come Verona-Roma consegni altri 3 punti guadagnati sul Napoli, che a lungo andare potrebbero fare la differenza in questo campionato nella corsa per un posto in Champions League. Anche questa sera, al Bentegodi, quasi tutti sulla sufficienza, nonostante un primo tempo in cui la squadra di Juric probabilmente avrebbe meritato qualcosa in più.

Tutto sulle pagelle di Verona-Roma

Proprio questo dettaglio, però, va evidenziato con grande attenzione. Nonostante l’impegno in Europa League di giovedì sera, infatti, questo Verona-Roma ci dice in primis che la squadra stia benissimo dal punto di vista della condizione fisica. I ragazzi di Fonseca hanno gestito bene la ripresa, dimostrando di avere gamba e con alcune individualità che dovranno fare la differenza fino a Natale.

Pau Lopez 6,5: Roma in difficoltà come non la si vedeva da tempo, soprattutto nel primo tempo, ma le sue uscite e gli interventi sono puntuali. Del tutto incolpevole sul gol subito;

Santon 5: migliora e salva in parte nella ripresa un primo tempo catastrofico. Troppo in difficoltà sia in termini di posizionamento, sia nell’uno contro uno;

Smalling 6,5: altra prova d’autorità. Tiene in mano la difesa anche nel momento di massima difficoltà;

Mancini 6: stasera un po’ troppo in difficoltà, pur senza commettere sbavature. Nel finale rischia il cartellino rosso;

Kolarov 5,5; qualche responsabilità sul gol subito con la mancata chiusura sull’inserimento di Faraoni. Per il resto, partita onesta;

Veretout 6: appare un filo meno in palla rispetto al mese scorso, ma ci sta dopo due mesi a tutti;

LEGGI ANCHE  Migliori e peggiori in Roma-Udinese: tornano Mancini e Abraham, non brilla Cristante

Diawara 7: la miglior partita da quando è alla Roma. Pressa tutti e tutto sommato è preciso in impostazione. Giocatore ritrovato;

Kluivert 7: un gran gol prima dell’infortunio e poi tanto sacrifico. In netta crescita, sperando che il problema muscolare non sia grave;

Pellegrini 7,5: in forma stratosferica. Gran parte delle azioni passano tra i suoi piedi e di questi tempi non è una cattiva idea;

Under 5: non convince e appare in netto ritardo di condizione. Le cose miglioreranno nelle prossime settimane, ma quest’anno faticherà a trovare spazio;

Dzeko 6,5: solito lavoro prezioso e rigore procurato. Manca il gol, ma va bene così.

Mykitarhian 7: gol in pieno recupero che fa morale. Tornerà molto utile nelle prossime settimane.

23 pensieri su “Le pagelle di Verona-Roma: Pellegrini trascinatore, male Santon

  1. La cosa più bella di questa partita è la coppia centrale difensiva della Roma ! Grande diawara ! Ps : a volte penso di non capire un cazzo su calcio quando vedo una squadra come Inter essere prima con un catenaccio del genere !

  2. Ma davvero c’era gente che voleva Gonde alla Roma?mortacci sua,solo dai nostri errori creano occasioni sti coglioni.Fonseca é davvero un signor allenatore.San culino pensace tu.

  3. Monchi se ne è andato e spero pure che nn torni mai più perché ha agito malissimo, inutile anche riesumarne il ricordo che già di per se mi infastidisce. Pensiamo al presente che è Inter Roma partita complicatissima ma nn decisiva, dovremo dare il 150 per cento e si può perdere lo stesso ma l’importante sarà la prestazione e la personalità.

    Lazio juve doveva essere in contemporanea, perché loro potranno basare la partita sul ns risultato, ma siccome ci sono i diritti tv tanto x cambiare c’è la prendiamo in quel posto noi.

    Forza Roma !

  4. il problema principale è stata la campagna acquisti dopo la semifinale di champions.
    li avremmo dovuto tenere duro a costo di prenderci qualche sanzione legata al FPF e non vendere nessuno. piuttosto sarei arrivato a non comprare nessuno ma salah e alisson andavano tenuti ad ogni costo.
    invece l’avere una proprietà più attenta ai soldi incassati che ai risultati ci ha portato a fare l’ennesima rivoluzione (tra l’altro completamente sbagliata) gestita da monchi.
    monchi è l’uomo che ha distrutto la squadra nel momento in cui operando con senno avremmo veramente potuto puntare allo scudetto l’anno seguente.
    la fallimentare gestione dell’era americana si è concretizzata tutta in quei mesi.
    spero in un cambio di proprietà con la consapevolezza che chiunque arriva adesso lo fa per l’investimento dello stadio, non certo per amore della squadra o del gioco.

    1. sarebbe bastato vendere un giocatore e comprarne un altro di buon livello invece quel c…..e ha venduto i migliori e ha strapagato delle pippe inutili, nn solo in due anni nn è riuscito a portare un esterno destro di buon livello. Sorvoliamo su karadorp moreno marcano zonzi pastore e sullo stile da vero viscido tenuto con Radha e Kevin. Una cosa scandalosa, manco giginho dell’allenatore nel pallone 😆

  5. Vittoria a San Siro, la Juve che pareggia con i complessati, e forse forse si potrebbe iniziare a sognare, illuderci per un istante…. non costa niente, dopo 10 anni di noia.

    Monchi é stato una pippa senza senso, c’é poco da dire.. ottimo il discorso di Ermo87

  6. MOnchi è venuto a roma pensando di essere a siviglia, di trovare un ambiente come quello di siviglia, ma non è cosi.

    La roma del primo anno di monchi, doveva ovviare a far bilanciare i conti e ha dovuto vendere pezzi importanti del mercato: salah ( 50mln ) , emerson palmieri (25 e piu milioni ) , rudiger ( a quasi 40mln ) e paredes ( 25mln ).

    Gli unici acquisti di monchi che oggi ricordiamo sono KOLAROV che per due anni è stato uno dei migliori terzini al mondo, praticamente a zero, zaniolo ( inutile dire che lo ha preso, l’ultima parola è stata di monchi ) e under.

    Radja, alisson, strootman…

    Il primo anno la roma meritava molto di piu in campionato e ha fatto la semifinale di champions MERITANDO LA FINALE SUL CAMPO, percorso storico.

    Il secondo anno è stato il peggiore che io ricordi: un allenatore che era completamente fuori dalla realtà, giocatori che appena prendevano una folata di vento si infortunavano ( record al mondo di infortuni annui, piu di 60 infortuni con 40 muscolari circa ) , ambiente infuocato e addio di totti e ddr dalla roma.

    Secondo anno di monchi che io personalmente giudico NC, non perche mi voglia astenere, ma perche ci sono state TALMENTE TANTE COSE negative EXTRA CAMPO e FISICHE che come posso giudicare l’andamento del giocatore se è rotto sempre? Esempio PASTORE che con dr francesco era un separato in casa e oggi sembra rinato trascinando la roma piu e piu volte come contro il napoli.

    Con monchi la roma ha provato ad alzare il livello comprando giocatori affermati e nzonzi ne è la prova ( giocatore che a roma e successivamente si è seduto ) ma che è naufragato il secondo anno in uno degli anni piu passionali della sua storia del tifoso romanista.

    PRIMO ANNO da 7, portando mentalità, zaniolo, under e soprattutto kolarov che ci ha trascinati tutto l’anno, poi il baratro dove purtroppo ne è stato risucchiato come in buco nero con troppa facilità, commettendo errori sul mercato prevedibili. SECONDO ANNO 3, media 5.

    BISOGNAVA solo inserire personalità il secondo anno e il gioco era fatto, come ha fatto petrachi quest’anno, inserendo giocatori di grande personalità e professionalità, come smalling, mancini, mkhytarian, veretout, pau lopez e altri come zappacosta, ma anche lo stesso cetin che è un toro.
    Spinazzola che veniva dalla juve, dawara dal napoli, kalinic dall’atletico.

    Serviva questo…

    1. Lory hai provato a fare distinguo sui due anni di Monchi ma io vedo un’unico filo logico in tutte le sessioni dello spagnolo e dó voti negativi ad entrambe le stagioni.
      A parte che Zaniolo appartiene al 2 anno dell’andaluso, il modus operandi di Monchi consisteva nel prendere una metà di giocatori esperti ed una metà di giocatori giovani e di talento. Lo ha ha fatto il primo e il secondo anno.
      Ma come hai fatto notare anche tu il primo anno spese molto sui giovani, il secondo anno fece l’opposto utilizzando il budget maggiormente per giocatori esperti.
      Gli andò male in entrambe le occasioni perché sbagliò spesso gli obiettivi, strapagò i giocatori e riempì la rosa di giocatori invendibili.

  7. Monchi è un DS come ce ne sono tanti.
    Non ha particolari doti, l’impressione è che al Siviglia avesse un buon gruppo di osservatori.
    A Roma l’abbiamo valutato due anni, un tempo sufficiente per giudicare.
    Mi sorprendo quando leggo ancora adesso i post delle sue vedove o di chi cerca improbabili riabilitazioni postume.
    Ha fallito su più fronti ed è riuscito spesso a reiterare gli errori dimostrando un’incapacità ad imparare dai fallimenti.
    La sua gestione è stata caratterizzata da:
    – mancata qualificazione in CL nella stagione in corso
    – svalutazione del valore della rosa
    – cessione di giocatori a prezzi da saldo
    – acquisti di giocatori a prezzi esorbitanti
    – giocatori acquistati quasi sempre o rotti, o che avevano problemi fisici, o che hanno dato un’apporto nullo alla causa
    – giocatori acquistati quasi sempre meno forti di quelli che andavano a sostituire
    – giocatori quasi sempre non funzionali al gioco di Di Francesco.
    Per questo quando leggo commenti che pongono Monchi e Sabatini sullo stesso livello rabbrividisco.
    Sabatini i campioni li ha presi (e ne ha presi tanti) quando non erano ancora sbocciati, anticipando la concorrenza.
    Il fumante spendeva quasi sempre cifre basse.
    Monchi invece ha sempre speso follie per giocatori arcinoti, strapagandoli, anzi è riuscito a strapagare pure le promesse in erba.
    Gli unici colpi, Under e Zaniolo.
    Insomma credo che difficilmente un DS a caso avrebbe potuto fare peggio.
    Se la nostra Roma sarà costretta ad un ridimensionamento questa estate o se Pallotta dovesse decidere di cedere la società una buona fetta di responsabilità va ascritta proprio alla gestione disastrosa dell’andaluso.

  8. eppure al di là di tutto, Monchi non è come pensate. stiamo parlando di una risorsa preziosa che andava tenuta a tutti i costi. io nella mia società uno così lo vorrei sempre. si poteva e si doveva credere in lui, ascoltare la sua immensa professionalità ed esperienza… e poi fare semplicemente il contrario! xD

  9. Dice bene Franco Baldini a proposito del mago di Siviglia… in effetti era proprio un mago! Faceva sparire i giocatori buoni e apparivano quelli scarsi pagati a peso d’oro… un immenso Vaffa a lui e a tutti i suoi seguaci. Dal canto mio, sono orgoglioso di essere tra i pochissimi che fin dal primo giorno non avevano creduto alle sua baggianate.

    Sulla partita di venerdì sera… ahi ahi… sembra che Dzeko stia male… sarà dura contro la strisciata superfavorita, supeaiutata, superfortunata… saranno anche rimaneggiati, ma temo che bastino due come Lukaku e Lautaro per fare il golletto in più. Ovviamente spero disbagliarmi, ma mi sembra che stia soffiando il famoso “venticello” pro Inda.

  10. Ciao a tutti
    vittoria importantissima e mooooolto sottovalutata ,
    basta guardare la classifica che ,oltre alla buona posizione del Verona,alla voce gol subiti da parte dei nostri avversari dice 14,
    ergo senza i 3 gol che gli abbiamo rifilato domenica sera sarebbero la miglior difesa del campionato !
    Ovviamente questa statistica alla lunga cambierà,ma aggiungo che il campo dice che Pau Lopez ha fatto forse una sola parata e che primo e terzo gol sono di pregevole fattura grazie alle giocate di gran qualità di Pellegrini, che fa un assist come solo uno faceva e che noi romanisti conosciamo bene……
    e Perotti che attira su di sé portiere e 2 difensori e poi gli fa sparire il pallone con un tocco non proprio da tutti ……
    Comunque meglio così : essere sempre criticati e sottovalutati per noi è la condizione migliore !

  11. gran bella vittoria, per niente scontata ed è questo il problema più grande della Roma, anche se stai 4 a 0 non sai mai come va a finire, sempre con il batticuore fino al fischio finale, che stress.
    Prossimo turno fondamentale, sgratt… sgratt….
    giumerdus contro le quaglie
    Roma contro l’inda
    sardi contro sassuolo ringalluzzito dal pareggio con al giumerdus
    se tutto va come deve, sgratt..sgratt… eddaje va!!!!

    Perla della giornata, il mago di Siviglia svendette Immobile alle quaglie (che affare che hanno fatto) e sempre che, l’anno con noi, abbia rifiutato di visionare Lautaro Martinez per soli 12 milioni ma li mort…. sua, peggio della grandine st’omo.

  12. Salve a tutti!
    Sono felice per la vittoria. Pellegrini impressionante, e dire che il suo acquisto è stato contestato per molto tempo! Probabilmente uno dei pochi giocatori voluti espressamente da Difra, all’epoca. E’ bello che riesca finalmente a rendere con continuità e anche a mostrare una grande personalità (caratteristica che a Roma credo serva anche più che altrove). Non mi monto la testa e so che il quarto posto non è scontato -e su questo conterà quanto riusciremo a fare i conti con la nostra bestia nera: la continuità. Detto questo, però, credo che, se il mercato di gennaio dovesse portarci un buon innesto dove serve, un giocatore pronto e utile, non sarebbe un’eresia puntare un po’ più su del quarto posto. La partita con l’Inter sarà fondamentale per dirci in quale dimensione proiettarci. Una gara giocata ad armi pari, al di là del risultato, non ci proietterebbe certo verso sogni di scudetto, ma penso potrebbe riflettersi in modo positivo sulle nostre altre competizioni, dandoci la sicurezza definitiva dei nostri mezzi.

    Napoli: credo che l’andamento dei partenopei in questa stagione sia una delle poche cose sulle quali nessuno potrebbe dire:”Lo avevo detto!”. Due anni fa addirittura il 3-0 della Roma sul Barcellona era stato pronosticato da qualcuno qui sul sito, segno che la caduta del Napoli di Ancelotti risulta essere un evento ancora più imprevedibile.

    La cosa interessante è che il Napoli è stata, negli ultimi anni, la squadra a noi più vicina in termini di ambizioni e paragoni. La gestione della squadra di De Laurentiis negli ultimi anni si può tuttora considerare migliore di quella della Roma: più programmazione, meno cessioni, meno acquisti inutili. La causa di questa debacle sarà certamente addebitata ad Ancelotti, si dirà che è bravo con le grandi, meno con le piccole, ma risulta ugualmente strano che un allenatore ambito da anni (anche da noi), con una squadra solida e una società forte (quanti qui vorrebbero un Pallotta sempre presente e con il pugno di ferro?) faccia un tonfo simile. Cosa sarà successo, esattamente?

    1. Tempo fa su Lorenzo mi ero sbilanciato considerandolo un giocatore generazionale, cioè uno di quelli che verrà ricordato per essere stato tra i migliori al mondo della sua generazione, al pari di De Rossi.
      Sicuramente ho esagerato, ma alla luce delle sue recenti prestazioni forse non di così tanto.
      Se solo segnasse un po’ di più e fosse un po’ più bravo in fase di non possesso sarebbe completo.
      Quanto al Napoli si può dire che al momento è per me la più grande delusione del torneo. L’avevo indicato come l’alter ego della Juve perché per me ha valori nei reparti secondi solo ai gobbi. Pur essendo molto staccato lo vedo ancor adesso come il maggior candidato al terzo posto, ma spero vivamente di continuare a sbagliarmi.

  13. In merito ai voti espressi da daniele Pace a mio avviso sono parzialmente condivisibili in quanto veretout dovrebbe avere almeno 7 mentre diawara a malapena la sufficienza, mentrte l’errore sul gol del verona a mio avviso il principale responsabile è Pellegrini che si disinteressa dell’uomo vicino che nelle scalature era di sua competenza. capisco anche che il buon pellegrini ha dovuto fare gli straordinari in copertura a causa di Under, per il resto più o meno condivisibile.

  14. Non é scontato vincere a Verona e anche se non é stata una grande gara quel che conta sono i 3 punti.
    Oggi concordo con i voti, forse Diawara 1 punto in meno
    Se la Roma vuole dire qualcosa al campionato deve battere l’Inter.
    Grandi i nostri tifosi in trasferta, cosa apprezzata anche da Smalling sui social, meno la faccia di Baldissoni.

  15. Ottima vitoria su un campo ostico.
    Amrabat da prendere subito!
    Petrachi, datti una mossa!

    Chi l’avrebbe mai detto che nell’anno in cui il Napoli è in crisi, la Roma si sarebbe giocata il posto Champions non solo contro Formello (che va avanti a rigori e grazie alla forma incredibile dello scugnizzo – sarà dopato? – ) ma anche contro un impronosticabile Cagliari?

    Intanto il mio fastidio per le strisciate continua a crescere di anno in anno (e sono tanti…). Fastidio ingigantito dai tantissimi giornalai lecchini (anche in Rai, e non si dovrebbe fare visto che paghiamo il canone e dovremmo essere tutti eguali). Su un’ora di trasmissione, 50 minuti sono dedicati a CR7 di qua, Dybala di là, Gonde superstar, primo in classifica, grande Inda ecc. ecc. Per non parlare della carta stampata…. BASTAAAAA!!!

    I telespettatori sportivi italiani meritano di meglio che queste sviolinate insopportabili. Quanto godrei a vedere una vittoria venerdì sera contro gli strisciati mer… azzurri (scusate il francesismo, ma davvero non li sopporto). Improbabile,ma chissà…

    E per quanto riguarda i rubbentini, tutti a piangere che dopo otto scudetti di fila sono stati superati in classifica, poveretti. Che pena mi fanno… sarà un reato di lesa maesta? Magari cento volte Sassuolo, magari qualche scossone, qualche sorpresa clamorosa per smuovere un campionato ingessato da otto anni, noioso per tutti fuorchè per le zebre strisciate e odiose. Magari, anzi MAGARA come diceva er sor Carletto!

  16. Ottima Vittoria con una squadra in forma e parecchi giocatori di buon livello in primis Amrabat che sarebbe perfetto per il ns centrocampo da affiancare a veretout. Li in qlla posizione fatichiamo molto con Diawara dobbiamo trovare un soluzione. Darei almeno mezzo punto im meno a pellegrini che sul gol del verona si addormenta nn coprendo l’uomo, errore grave che ci è costato il pareggio. Cmq sempre molto bene in fase di rifinitura. Mancini da difensore centrale deve imparare ancora molto, intanto qndo e come aggredire l’attaccante, cmq sta crescendo anche di personalità. Poi nn mi spiego santon proprio nn me lo spiego….Under fuori dal contesto, sembra un corpo estraneo costringendo pellegrini, in fase di ripiegamento, a coprire la sua fascia….
    Fonseca sta dimostrando di essere un grande allenatore.

  17. Buona partita qualche errore di reparto in ripartenza ma ottima tatticamente per portare a casa i tre punti e risparmiare energie. Veretout e dzeko i migliori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.