Pizarro: “Riprendiamo il passo”


«Credo sia il massimo segnare un gol così in uno stadio così, anche se resto tranquillo e vado sempre per la mia strada». Chissà per quanto tempo ancora David Pizarro si porterà dentro il gol di martedì sera al Real Madrid. Bello e importante perchè ha svegliato la Roma, l’ha tirata fuori dal burrone nel quale l’aveva gettata la maligna deviazione di Raul ma soprattutto le ha dato la consapevolezza di potere battere i Galacticos e lottare fino all’ultimo per passare ai quarti di Champions «Sto bene- racconta a Roma Channel- è stata una rete importante che ci ha rimesso in partita, perchè era difficile riprendersi dopo avere subito il gol a freddo da un Real in ottima forma. Sono contento perchè il gruppo ha dimostrato che può stare ai livelli di queste situazioni. Abbiamo il 51% di passare il turno ma sempre sapendo che di fronte c’è il Real Madrid. Mi ha impressionato il suo possesso palla, la sua personalità e poi loro sono abituati a giocare queste partite. È una squadra più fisica che tecnica». Il presidente Calderon ha già detto chiaramente di vedere il suo Real nella finale di Mosca: «Sono fatti per questo tipo di eventi. Il loro presidente conosce la squadra e ha scommesso, come è giusto che sia. Ma noi avremo le loro stesse possibilità perchè martedì abbiamo dimostrato che ce la possiamo giocare». Diverso il discorso in campionato, dove la Roma dovrà soprattutto difendere il secondo posto ora minacciato dalla Juventus. L’Inter è troppo lontana anche se sta attraversando il momento peggiore della stagione, come confermato dalla sconfitta a Liverpool: «Non pensavo che l’Inter avrebbe perso, soprattutto perchè era riuscita a tenere in piedi gran parte della gara in dieci. Poi negli ultimi 5′ ha sbandato, questo vuole dire che in certe partite bisogna stare attenti fino alla fine. L’importante per noi adesso è riprendere il passo in campionato». Contro la Fiorentina domenica pomeriggio all’Olimpico i giallorossi non potranno fare altro che vincere, senza troppi calcoli: «A volte- conclude Pizarro- guardiamo troppo al vicino più che a noi stessi. La cosa migliore è pensare prima a noi e poi al resto».