Totti-Del Piero: le bandiere non ammainate


Totti e Del Piero dialogano attraverso i loro siti. Le ultime bandiere del calcio moderno giocano la vigilia dell’ennesima sfida che li ha visti sempre protagonisti.

Le parole di Del Piero:
“Io credo che non esista il concetto di bandiera, di simbolo di una società, di una squadra, di una tifoseria, se poi non lo riempi ogni giorno di contenuti, sul campo e fuori dal campo. Per questo per me è un orgoglio avere affrontato e affrontare giocatori così. Con Francesco siamo stati compagni di squadra in Nazionale, sottolineo compagni e non rivali. Siamo molto diversi, ma abbiamo molte cose in comune. Abbiamo vinto un Mondiale insieme e quei ricordi ci legheranno per sempre. Ma soprattutto con i nostri club siamo stati, e saremo, avversari”.

La risposta del capitano giallorosso, Francesco Totti:
“E’ sempre una bella sfida giocare contro campioni come te. Abbiamo condiviso tanti momenti importanti fuori e dentro il campo. Ma quello che mi fa sentire più vicino a te è che abbiamo la stessa forza di rimetterci in piedi con tanta voglia di vincere”.


22 commenti su “Totti-Del Piero: le bandiere non ammainate”

  1. [quote comment=”130270″][quote comment=”130108″]Spero che chi scrive certe cose se ne rammenti nei momenti difficili…..e’ facile salire sul carro quando va’ tutto a gonfie vele[/quote]
    Quando ero piccolissima, in una famiglia di laziali, vidi quei colori e mi innamorai. Mio padre mi disse “vuoi proprio soffrire” Da sempre sono della Roma, la critico, la detesto per tutti i magoni, i rimpianti ma l’amore è troppo grande e troppo profondo. Sia che le cose vanno male e mi portano a contestare una malgestione davanti ai cancelli diTrigoria sia che vadano bene e mi regalino la gioia di una serata fredda sugli spalti dell’olimpico di torino a godere insieme ai fratelli romanisti. Che vinca o che perda amo ed amerò sempre la squadra del mio cuore.[/quote]
    BUON COMPLEANNO BABY

    Rispondi
  2. [quote comment=”130108″]Spero che chi scrive certe cose se ne rammenti nei momenti difficili…..e’ facile salire sul carro quando va’ tutto a gonfie vele[/quote]
    Quando ero piccolissima, in una famiglia di laziali, vidi quei colori e mi innamorai. Mio padre mi disse “vuoi proprio soffrire” Da sempre sono della Roma, la critico, la detesto per tutti i magoni, i rimpianti ma l’amore è troppo grande e troppo profondo. Sia che le cose vanno male e mi portano a contestare una malgestione davanti ai cancelli diTrigoria sia che vadano bene e mi regalino la gioia di una serata fredda sugli spalti dell’olimpico di torino a godere insieme ai fratelli romanisti. Che vinca o che perda amo ed amerò sempre la squadra del mio cuore.

    Rispondi
  3. Che tensione….
    il capitano non parte titolare…
    la formazione (danielino a parte)…e la stessa che ha battuto il genoa…
    per il resto….FORZA ROMA… :12: :12: :12:

    Rispondi
  4. bRAVA sIBILLA

    La penso come te. Non è violenza, è riscatto, giustizia, principio, eguaglianza.
    Amiamo più del solito questa sera. Più del solito cerchiamo una vittoria che ci darebbe “TUTTO!”.

    X MEXESS

    Doni su punizione fa abbastanza pena, quindi sceglierei l’opzione JULIO SERGIO, giusto per vedere come si comporta contro delpiero sui calci piazzati.

    Ragazzi, amici, compagni giallorossi di questa grande avventura…sono in uno sbattimento EPOPEICO. Se vinceremo, in quello stesso secondo del triplice fischio, saremo tutti in contatto, ci sentiremo e scopriremo quanto saremo grandi, IMMENSI.
    Vi chiedo ancora una cosa, sempre quella…POSITIVI!

    Rispondi
  5. E’ la tua partita, Claudio Ranieri, prenditela. E’ la notte di Juventus-Roma, fa che sia la tua notte. A noi puoi raccontare tutte le balle che vuoi. Lo hai fatto anche ieri e lo farai, speriamo, anche stasera. Non ce la dai a bere. Siamo fatti della stessa materia. Se ci umiliano, vogliamo vendetta. E non siamo amici di noi stessi finché non vediamo in ginocchio i nostri nemici. Non è un pensiero malvagio che ci spinge, è la carne offesa. Puoi ingannarci all’infinito, e ingannarti, ripetere la soave giaculatoria del “a me interessa solo la Roma”, “quella con la Juve è una partita come tutte le altre”, ma non è così.
    Non è una partita come tutte le altre. Non lo è per te e non lo è per noi romanisti. Che abbiamo detestato l’arroganza di Boniperti e ora quella di Bettega. Che abbiamo imprecato Moggi e schifato Giraudo. Che siamo stati vittime senza nemmeno poterlo gridare, per il timore di diventare vittimisti. Noi, tifosi rispettabili e perdenti. Che stiamo qui, costretti a interrogarci cosa passa nella testa e cosa nei nervi di tale Tagliavento.

    Pagheresti di tasca tua, Claudio, per vedere stasera la smorfia di Blanc rappresa in quel che resta o è mai stato dello stile Juve, l’aristocratico profilo tumefatto dalla delusione. E domani mattina quelli di Tuttosport, gli stessi che ti hanno linciato e bastonato per vendere due copie in più, costretti a titolare a tutta pagina la tua vittoria, per poi correre a farsi medicare l’ulcera perforante.
    Sei un uomo simpatico, Ranieri. Più simpatico di Spalletti, che vede sempre troppe ombre e troppi fantasmi. Nella tua Roma ti sei riconciliato con te stesso, con le tue radici, hai smollato quelle braccia troppo conserte, il gesso di troppe nebbie e anni lontani, e sei tornato a gesticolare. In vernacolo, quando è il caso. Prenditi stasera la tua partita. Prendila come vuoi. Se non ti piace il bel canto, perché il bello non intenerisce la bestia e nemmeno la zebra, fallo con i metodi tuoi, usa la pistola, sfodera il tridente. Tutto ti è permesso questa notte.

    Rispondi
  6. vinciamo per favore perchè se perdiamo domani titoloni sulla juve e scommetto che direbbero che vincono lo scudetto sarebbe insopportabile, si deve vincere una partita decisiva anche noi prima o poi

    Rispondi
  7. Proprio esatta la definizione……”Le ultime bandiere del calcio moderno!!!”. Che tristezza infinita…..
    NO AL CALCIO MODERNO!!!

    Rispondi
  8. Ieri Del Piero ha dichiarato di avere molti punti in comune con Capitan Totti…….PUSSA VIA BRUTTO BOMBOLETTARO altro che punti in comune senza Moggi e Bombolette sei finitoooooo……ma poi di che Bandiere annate parlando, ma chi se le’ [email protected] mai il sig. Pepiero ???altro che Real e Barca, manco in terza categoria puo’ giocare senza doparsi…..SUICIDATEEEEEEEE

    Rispondi
  9. sono mille anni che non battiamo la juve.. non dobbiamo temere la loro prestazione della vita, il risveglio di quella sega di diego o la mancanza dell’altro segone melo.. la roma e’ pronta a difendere il terzo posto.. e ranieri si gratta XD

    Rispondi
  10. stasera voglio doni a portaaa..perché secondo ne non solo e più forte di julio ma a anche più esperienza infatti se non era forte non era richiesto a fare il primo portiere a liverpool o manchester

    Rispondi

Lascia un commento