Roma, tutto in nove giorni. Garcia: ”Lavorare e zitti”


RASSEGNA STAMPA – CORRIERE DELLA SERA

Il tempo è agli sgoccioli. In nove giorni la Roma si gioca tutto quel che resta: oggi la trasferta contro l’Hellas di Mandorlini, una squadra in crisi e un allenatore che potrebbe saltare in caso di sconfitta; giovedì il ritorno di Europa League a Rotterdam, complicato dal- l’1-1 dell’andata contro il Feyenoord e dallo scempio causato dagli hooligan olandesi; lunedì 2 marzo la Juve che, battendo l’Atalanta, si è portata a +10. Non c’è più spazio per aspettare nessuno. D’ora in poi ci può stare tutto: anche squadre senza De Rossi e Totti contemporaneamente (sostituiti insieme contro il Feyenoord) e pure Gervinho, sempre difeso da Garcia, deve alzare la sua media di realizzazione: in campionato, finora, è fermo a due gol.

Senza chiamarsi fuori, ma parlando con chiarezza, Garcia ha fatto capire che il tempo delle parole è finito: «La mia motivazione principale è fare in modo che la squadra e ogni singolo non perdano fiducia. Quando non si prendono più rischi, soprattutto in attacco, si hanno meno opportunità di vincere». Ce n’è per tutti. I giocatori: «Dobbiamo solo lavorare e stare zitti. Quello che ha detto Sabatini lo pensiamo tutti: difendere il secondo posto sarà il miglior atteggiamento per attaccare il primo. Ma con 10 punti di distacco parliamo solo di come vincere a Verona». Il mercato: «Le scelte sono state ottime, il timing non lo potevamo gestire. Avevamo due africani in Coppa d’Africa, non sapevamo che uno degli arrivi del mercato sarebbe stato un altro impegnato in Coppa d’Africa fino alla finale». Gli investimenti di Pallotta: «Non lavoriamo per vincere ogni 30 anni, ma per lottare ogni anno per lo scudetto. Serve tempo, ma su questo punto il presidente è la persona giusta per rispondere». La tattica: «Anche quando siamo in vantaggio e decidiamo di colpi- re in contropiede non dobbiamo difenderci senza fare più pressing. Se i giocatori mi seguono ancora? Chiedetelo a loro. Io non li vedo cambiati». Chi lo capisce gioca. Chi non lo capisce sta fuori.

Photo Credits | Getty Images


41 commenti su “Roma, tutto in nove giorni. Garcia: ”Lavorare e zitti””

  1. Ecco cominciasse garcia a dare il buon esempio.. lavorasse e zitto. che sembra sempre di più un cialtrone incompetente e chiacchierone. con i mezzi che ha a disposizione.. che vergogna

    Rispondi
  2. 22.07.1927 ha detto:

    @LorySan:
    io spero che giochi verde, è proprio in un periodo di grazia
    ancora ricordo quando alla prima apparizione gli davate della pippa, ero l’unico a di

    per me ancora è una pippa, solo che quelli accanto a lui fanno ancora più schifo e quindi pare forte :mrgreen:
    no dai, è un giocatore della roma, quindi forza verde! forse lo metto tra florenzi e borini, poca classe ma tanto spirito di sacrificio. tanto di cappello per costoro!

    Rispondi
  3. aleste85 ha detto:

    La domanda è cosa è stati preso a fare doumbia pagandolo caro se il totti in queste condizioni giica comunque titolare ?

    Dai, almeno in questa situazione sei ingeneroso.

    Doumbia è stato catapultato qua dopo un mese di inattività e un mese di coppa d’africa.
    Esordisce dopo un allenamento e (ovviamente) non va bene.
    In EL peggio me sento.

    Una settimanella in più per recuperare (ha anche dolore alla schiena) e integrarsi.

    Mo’ che c’entra Totti.

    Rispondi
  4. LorySan ha detto:

    Se ti piace arrivare sempre secondi, tanto di cappello @Peter Pan:

    viste le condizioni fisiche precarie mi accontenterei
    anche se questo era l’anno nostro, ma …

    Rispondi
    • @Peter Pan: ” anche se questo era l’anno nostro, ma …” Ecco. Il punto è proprio quello. Ogni anno è l’anno nostro. E poi, puntualmente, finisce che ce la pijiamo… vabbè, s’è capito. Sinceramente a ma sta cosa comincia a stancare: se poi il grosso della colpa è davvero della preparazione fisica, allora ci si è pure dati da soli una martellata sulle palle…

      Rispondi
      • @Gugly_89: …ah, e nel mentre aspettiamo che sia l’anno nostro, un modo per far resuscitare le milanesi lo troveranno… e cosa succederà? Semplice, che dovremo sta attenti a qualificarci in Champions, altro che “anno nostro”! Ragà, ci vuole realismo: quest’anno abbiamo QUASI mandato alla merda 3/4 del lavoro buono fatto l’anno scorso. Ecco, c’è quel “quasi” che tiene ancora acceso un lumicino di speranza, ma dobbiamo cercare di non farlo estinguere del tutto. E, dati l’ultimo risultato in EL e la distanza dalla prima in campionato, manca veramente un alito per farlo spegnere…

      • @Gugly_89: ci siamo suicidati, proprio cosi, avevamo tutto il vento che volevamo ed invece abbiamo dimenticato le vele anche se la barca non sta affondando..
        peccato, peccato davvero….

    • @Peter Pan: si, ovvio questo, ma ciò non toglie gli errori e le delusioni, cm la champions, scudetto, e coppa Italia, e se non ci sbrighiamo pure l’Europa luege cn il fayenord…

      Rispondi
    • Peter, ma quante volte abbiamo sentito che questo era l’anno nostro?
      Io mi sono rotto le scatole di questa storia ed è anche ammissibile che ogni anno o qiasi si sfasci la baracca e si ricominci da capo, basta vedere la juve dopo DelNeri ha sfasciato quasi tutto per ricostruire con Conte e gli è andata bene noi siamo adesso alla terza ricostruzione dell’era Pallotta ma se non si punta su gente affidabile e competente la vedo di nuovo nera!

      Rispondi
  5. 22.07.1927 ha detto:

    @LorySan:
    io spero che giochi verde, è proprio in un periodo di grazia
    ancora ricordo quando alla prima apparizione gli davate della pippa, ero l’unico a difenderne i movimenti @LorySan:

    Mai detto che era una pippa, anzi, ho detto di non giudicare troppo presto 😉

    Rispondi
  6. Oblomov ha detto:

    @LorySan: chi l’ha detto?
    e smettila di mettere quelle faccine, sembri piu cretino di quanto tu già lo sia

    ma hai avuto un trauma da piccolo che insulti ogni due per tre :mrgreen: :mrgreen:

    Rispondi
  7. Comunque la squadra si risolleverebbe solo con una vittoria rotonda. Speriamo, anche se difficile. In più oggi vedremo se è come dice qualcuno qui dentro: se la squadra non ha fiducia in Garcia è prevedibile una partita senza grinta e nerbo.
    Anche secondo me l’episodio con il Torino un po’ ha pesato, anche se in fondo spero di no.

    Rispondi
    • @Pi314: Quando ci si infila in situazioni come queste, la causa non è mai unica, né semplice. È sempre un insieme di fattori che porta a momenti come questo: il problema è che questo “momento” dura da troppo e non si riesce proprio a trovare il modo di uscirne…

      Rispondi
      • @Gugly_89: Sono d’accordo con te. Ecco perché una vittoria sarebbe un grandissimo primo passo. Però una vittoria convincente, non come quella di Cagliari. Addirittura i tifosi del Verona ci considerano una squadra ampiamente battibile. E’ ora di dare la scossa.

  8. PS Vergogna per aver perso solo due volte, per essere secondi, per avere troppi infortunati, per aver la seconda miglior difesa, per aver avuto una preparazione sbagliata…

    perché cazzo si devono vergognare????

    Solo perché alcuni giocatori schierati sono fuori forma?
    solo perché la condizione psicofisica fa ridere?
    Solo perché dobbiamo affidarci ancora a Totti 39 enne?

    Rispondi
    • @Peter Pan:

      Non vinciamo in casa da Novembre ma di che parli?

      Hai vinto partite con Cagliari e Udinese che meritavi di pareggiare, ne hai pareggiate altre che meritavi di perdere (Palermo-Empoli-Fiorentina).

      In coppa Italia hai passato il primo turno demeritando, nel secondo non sei sceso nemmeno in campo e sei riuscito a resuscitare persino Mario Gomez.

      Hai pareggiato 0-0 in casa con il Milan, tirando 2 volte. Stesso risultato contro il Parma che è ultima in classifica, veniva da 8 sconfitte in trasferta consecutive e non ha neanche i soldi per il bagnoschiuma.

      In Europa hai pareggiato in modo a dir poco grottesco in quel di Mosca e alla successiva in casa, dove dovevi giocare la partita della vita dando tutto, hai giocato per lo 0 a 0 prendendone 2 da un City che ha giocato al 30% del suo potenziale.

      Sempre in europa hai permesso alla quarta del campionato olandese di venire in casa tua a fare possesso palla.

      Ora dimmi tu se tutto questo è accettabile.

      Ripeto non si tratta di essere secondi, si tratta di scendere in campo e giocare a calcio, cosa che ultimamente non stiamo facendo.

      Rispondi
  9. Co la roma ner core ha detto:

    Mi arrivarono delle voci che dopo la partita contro il feyenoord Garcia avesse chiesto le dimissioni perché i giocatori non lo seguono più e che Sabatini l’avesse convinto a restare..

    a me invece hanno riferito che nel dopo gara Garcia avrebbe distribuito un prozac a testa, mentre Sabatini consigliato da Maicon, avrebbe preferito optare per la pillola blu.

    Rispondi
    • @LorySan:

      io spero che giochi verde, è proprio in un periodo di grazia

      ancora ricordo quando alla prima apparizione gli davate della pippa, ero l’unico a di

      Rispondi
    • @LorySan: chi l’ha detto?

      e smettila di mettere quelle faccine, sembri piu cretino di quanto tu già lo sia :mrgreen: 😆 😀 😀 😀 ➡ 😯 😯 😯 🙄 🙄 :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: 😆 😆 😆 😆

      Rispondi
    • @LorySan:

      io spero che giochi verde, è proprio in un periodo di grazia

      ancora ricordo quando alla prima apparizione gli davate della pippa, ero l’unico a difenderne i movimenti @LorySan:

      Rispondi
    • @LorySan: Si, ho letto ora che non giocherà. Peccato. Vediamo che succede. Verde è molto bravo, non so se spicca per la vivacità rispetto agli altri, però ha carattere e tecnica.

      Rispondi
  10. Mi arrivarono delle voci che dopo la partita contro il feyenoord Garcia avesse chiesto le dimissioni perché i giocatori non lo seguono più e che Sabatini l’avesse convinto a restare..

    Rispondi
  11. Queste cose, alcuni utenti le dicevano mesi fa. Quando sul sito apparivano articoli del tipo ” L’importanza di chiamarsi De Rossi”

    ” D’ora in poi ci può stare tutto: anche squadre senza De Rossi e Totti contemporaneamente (sostituiti insieme contro il Feyenoord) e pure Gervinho, sempre difeso da Garcia, deve alzare la sua media di realizzazione: in campionato, finora, è fermo a due gol.”

    Rispondi
    • @Oblomov: e comunque Gervinho è un esterno. E sono le punte a dover segnare di piu.
      Ma visto che si giocava con il falso nove , e visto che i centrocampisti non si muovono, chi doveva segnare?

      Rispondi

Lascia un commento