In arrivo un super prestito


RASSEGNA STAMPA – IL MESSAGGERO

Goldman Sachs si sostituisce a Francesco Totti e segna un gol decisivo per i colori giallorossi: un prestito obbligazionario a lungo termine da 200 milioni (bond nel linguaggio finanziario). Liquidità che potrà essere impiegata anche per sostenere i progetti futuri.

Dopo aver calciato un rigore fondamentale per conto dell’Inter, nell’inverno dello scorso anno (finanziamento a sette anni da 250 milioni), adesso la banca d’affari americana, una delle più blasonate del mondo, sta costruendo una manovra finanziaria per sostenere il rilancio della As Roma. E l’operazione è fotocopia di quella neroazzurra, in quanto a struttura finanziaria e societaria. Goldman, che anche in Italia segue tutte le più importanti operazioni sul mercato (per esempio ha affiancato Sergio Marchionne nella nascita di Fca, per citare una delle più significative) sta mettendo in piedi un bond da 200 milioni. Nel prestito potrebbe essere coinvolto Unicredit, uscito ad agosto scorso dal capitale di Neep, la holding di controllo della società calcistica. L’istituto milanese di piazza Gae Aulenti ha fatto parte del pool di istituti del prestito accordato all’Inter. Ieri ci sarebbe stata una conference call che avrebbe fatto avanzare il piano.

LE TECNICALITÀ
I soldi dell’operazione giallorossa serviranno, in parte a rifinanziare i debiti esistenti (131 milioni verso i veicoli di James Pallotta) e, in parte, a fornire alla società del presidente-patron le risorse per l’attività corrente ma anche per partecipare al progetto stadio, un’opera importante per la squadra, se non si trasformasse in una speculazione. Il prestito è ancora in cantiere, ma obiettivo di Pallotta e dell’ad Italo Zanzi sarebbe di chiudere nel giro di pochissimo tempo. A giorni, salvo sorprese, potrebbero essere chiari i termini: ammontare, durata, tasso e modalità. C’è da sottolineare che il prestito obbligazionario viene venduto a investitori internazionali: per lo più grandi fondi esteri che investono liquidità in cambio di un ritorno interessante in termini di tasso di interesse. Per una banca delle dimensioni e importanza di Goldman è quasi un gioco da ragazzi trovare compratori disposti a mettere soldi.

D’altro canto il colosso bancario americano si è avvicinato al gruppo calcistico la scorsa estate, assieme a Starwood in concomitanza con il rimpasto azionario che ha fatto uscire di scena definitivamente Unicredit, l’istituto che è stato prezioso per il mantenimento in vita della società, traghettandola dall’era Sensi (luglio 2010) a quella della cordata DiBenedetto-Pallotta (aprile 2011). Il bond comunque sarà inferiore al prestito obbligazionario lanciato dall’Inter e che sembra debba essere rifinanziato a breve. Come nella struttura predisposta per il club milanese di proprietà di Erick Thohir, il piano giallorosso prevede la nascita di una newco. Nella nuova società creata ad hoc, la As Roma potrebbe trasferire il marchio e i proventi dei diritti televisivi. E questa newco, di proprietà della società giallorossa emetterebbe il prestito obbligazionario i cui proventi verrebbero girati alla controllante.

La tecnicalità societaria serve come garanzia da dare a Goldman Sachs e alle altre banche (potrebbero intervenire un altro paio di istituti Usa) in cambio dell’accollo del rischio per la sottoscrizione del prestito che potrebbe avere una durata compresa tra 5-7 anni.

Il bond inoltre potrebbe essere senior, cioè avere una priorità nel rimborso rispetto agli altri debiti dell’emittente, la newco di proprietà del club. Il coinvolgimento dei diritti tv nella newco potrebbe essere utile per canalizzare risorse sicure.

Photo Credits | Getty Images


85 commenti su “In arrivo un super prestito”

  1. Se è una mossa strategica per spostare il debito ad un altra società per aggirare il FPF ben venga…Tanto chi più chi meno lo fanno tutti :mrgreen:

    Rispondi
  2. rega’ boni pero’…..
    PRESTITO E’ AUTOMATICAMENTE UN DEBITO….
    poi che si possa far fruttare e’ un altro discorso…..che pero’ non e’ automatico , cioe’ devi essere bravo a farlo…..
    meglio spigare con parole semplici cosi capiamo tutti …, anche perché senno’ qui qualcuno va in banca e chiede magari 500.000 euri di mutuo pensando di essere diventato ricco…. 😉
    ma etimologicamente e’ un prestito e non si discute!

    Rispondi
  3. Praticamente vogliono fare cme l’Atletico?
    Spostare il debito da un’altra parte non facendolo diventare della società AsRoma ma di terzi.

    Rispondi
  4. Peter Pan ha detto:

    aleste85 ha detto:
    super prestito è uguale a dire super debito.
    ma ancora date retta alle cagate del messaggero?

    no peter un prestito è un debito, che lo dica o no il messaggero.
    poi magari non è vero che ci presteranno dei soldi, ma questo è un altro discorso 😉

    Rispondi
    • @aleste85: un prestito diventa un debito se lo butti nel cesso ma se lo fai rendere si autofinanzia e per restituirlo neanche ti accorgi 😉

      Rispondi
    • @aleste85: Vogliono solo spostare il debito della Roma altrove, in modo che il bilancio possa risultare pulito.
      Poi ovvio, piano piano quel debito verrà ricucito con i vari introiti, tipo quelli televisivi e altro.
      Ricordiamoci che prima o poi arriveranno pure i soldi dello sponsor che contribuiranno a saldare parte del debito.
      Non ti stnano mica prestando soldi per usarli, ma solo per spostare da un’altra parte il debito attuale e non farlo risultare nel bilancio.

      Rispondi
  5. lupogio ha detto:

    Area 51 ha detto:
    @pevek80: Il triangolo delle Bermuda: Gervinho-Doumbia-Ibarbo
    Con loro 3 in attacco le difese non ci capiranno piu’ niente
    Vabb lo spero almeno
    per me perfetti per il gioco di GARCIA

    A quel punto diventerebbe indispensabile un centrocampo tecnico che sa creare la giocata, perché quelli sn 3 attaCcanti che cn il pallone poco ci spiccicano.

    A me non convince, per il semplice fatto che non ce uno bravo col pallone.

    pjanic, in questo caso, diventerebbe essenziale.

    Rispondi
  6. Peter Pan ha detto:

    @Sampei: ma noi l’abbiamo visto un paio di secondi solo come terzino destro
    non vedo come si possa accostare una riserva inesistente a Spolli
    e Ibarbo a Florenzi quando Florenzi ha giocato in tutti i ruoli

    Per un semplice fatto di ruoli.

    Doumbia al centro dell’attacco è meglio di Destro
    Ibarbo esterno alto è meglio di Florenzi
    Spolli centrale di difesa è meglio dell’inesistente Somma.

    Alla fine della giostra quindi sei migliorato, e non di poco.

    Rispondi
    • @Sampei: sulla carta ci puo’ stare….purtroppo al netto dei nuovi infortuni (Iturbe e Strootman) il bilancio non e’ favorevole….

      Rispondi
      • @stikkinikki:

        Senza dubbio.

        L’infortunio però rientra nella categoria degli eventi imponderabili, non è che se si infortuna Strootman (in teoria il miglior centrocampista che hai) puoi prendere Isco a gettone, lo prendi dietro e basta.

        Iturbe rotto è sfiga non è che puoi spendere soldi a gennaio per uno più forte.

        Nella sfiga ci ha detto bene perchè Ibarbo si ritrova nella situazione ideale per dimostrare di che pasta è fatto, 2 mesi massicci da semi-titolare è un bel banco di prova e capisci anche meglio se vale la pena sborsare i rimanenti 12.5, cosa che con l’argentino integro avresti fatto fatica a valutare.

        Altro aspetto da non sottovalutare è il costo del cartellino, figuriamoci a Roma, un conto è essere l’acquisto più costoso da quando gli americani si sono insediati, un conto è venire alla Roma nel peggior momento della gestione Garcia tra i malumori della piazza scettica del tuo arrivo e provargli il contrario.

        I presupposti affinchè Ibarbo faccia bene ci sono davvero tutti.

    • @Sampei: ok impostata in questo modo concordo, anche se Spolli lo vedo più come un sostituto temporaneo per l’assenza prolungata di Castan

      Rispondi
      • @Peter Pan:

        L’anno scorso Benatia era top 5 al mondo, Castan non credo di esagerare se lo metto nei 10, è insostituibile, si è infortunato e siamo rimasti fottuti.

        Per sostituire un giocatore che ha avuto il rendimento del brasiliano dello scorso anno, ci vogliono almeno 20, forse di più. Per dire Kompany e Hummels che sono più quotati secondo me non valgono Leo, e non penso di esagerare.

  7. Area 51 ha detto:

    @pevek80: Il triangolo delle Bermuda: Gervinho-Doumbia-Ibarbo
    Con loro 3 in attacco le difese non ci capiranno piu’ niente
    Vabb lo spero almeno

    per me perfetti per il gioco di GARCIA 😉

    Rispondi
  8. Peter Pan ha detto:

    @Sampei: ma noi l’abbiamo visto un paio di secondi solo come terzino destro
    non vedo come si possa accostare una riserva inesistente a Spolli
    e Ibarbo a Florenzi quando Florenzi ha giocato in tutti i ruoli

    A PROPOSITO DI FLORENZI…..
    lo stanno facendo giocare in tutti i ruoli appunto , compreso il centravanti , ed il suo rendimento e’ sceso ….questa e’ una responsabilita’ esclusivamente del Mister …

    Rispondi
    • @stikkinikki:

      Mi sembra che tutta la squadra si calata, non solo Florenzi.
      Psicologicamente fragili secondo me. Si gioca sui nervi solo per paura di fare brutta figura e non tanto per voler vincere a tutti i costi.

      Rispondi
      • @Gianfrusaglia: si be’ e’ chiaro che la squadra e’ calata ma Flo ha fatto sembre storia a sé….insomma lui tante volte e’ andato forte anche quando la squadra non era al top….ora lui e’ in confusione , non sa piu’ se e’ un calciatore o un attore a cui ogni volta si cambia copione! 😡

    • @Sampei: ma noi l’abbiamo visto un paio di secondi solo come terzino destro
      non vedo come si possa accostare una riserva inesistente a Spolli
      e Ibarbo a Florenzi quando Florenzi ha giocato in tutti i ruoli

      Rispondi
  9. prendere un centrale di una squadra che sta andando verso la Lega Pro di per sé non e’ molto rassicurante…..e’ vero che deve fare il 4to ma e’ altrettanto vero che le partite sono ancora tante , con EL e Coppa Italia…cio’ significa che tra infortuni (tanto quelli quest’anno non mancano…) squalifiche e turn over lo potremo vedere spesso in campo….
    si si poteva e doveva fare di meglio….del resto lui stesso ha dichiarato CANDIDAMENTE di essere stato contattato ieri pomeriggio per la prima volta….un ripiego last minute che speriamo dara’ qualche frutto….

    Rispondi
    • @stikkinikki:
      il mio pensiero su Spolli e su suo acquisto l’ho detto in altro post..

      acquisto Spolli +ingaggio= 2ML la cifra messa in cantiere

      ecco perchè chiedavo prestiti da 500Ml (Chiriche o Kaboul) con l’ aggiunta dei 5 mesi di stipendio raggiungevi la stessa cifra spesa per Spolli

      se fosse andata bene con uno di quelli menzionati sopra a queste condizioni non avrebbero certo preso Spolli..
      E’ pur vero che quando devi forzare la mano perchè hai poco budget devi per forza di cose arrivare agli sgoccioli del mercato

      Rispondi
  10. @pevek80: Il triangolo delle Bermuda: Gervinho-Doumbia-Ibarbo

    Con loro 3 in attacco le difese non ci capiranno piu’ niente

    Vabb lo spero almeno :mrgreen:

    Rispondi
  11. Buongiorno ragazzi mi chiamo Luigi vorrei fare una considerazione; io direi di non essere troppo pessimisti sul mercato fatto dalla Roma in quanto hai preso ibarbo che secondo me è forte ma nel Cagliari non puoi mostrare tutto il potenziale guardate nainngolan e sopratutto è funzionale al gioco di Garcia. Sopratutto i soldi spesi per ibarbo blocchi l’acquisto del ninja. Hai preso doumbia che secondo me è un signor giocatore a confronto di destro che ormai giocava svogliato. Se non vogliamo vedere i numeri dei gol fatti in Russia possiamo vedere quelli fatti in champions e so sempre tanti quindi secondo me perfetto. L’unica pecca spolli ma che ce frega tanto fa il quarto. Per i terzini so d’accordo abbiamo carenze ma se dovevi compralli a gennaio dovevi caccia i soldi non potevi fa prestiti co diritti quindi mejo rimanda a giugno. Detto questo sempre forzaRoma.a

    Rispondi
    • @LorySan:

      …che è del Milan (pagato 12 milioni) e che pagherà anche una parte dell’ingaggio…
      secondo me è un’operazione che manderà sulle furie una marea di tifosi milanisti…

      Rispondi
      • @LorySan:

        più o meno è come se pagassimo l’ingaggio di Destro, senza i 500 mila euro e senza il diritto di riscatto…

  12. Doumbia>Destro
    Ibarbo> Florenzi
    Spolli > Somma

    Giocatori più forti e sulla carta funzionali, non vedo perchè lamentarsi.

    P.s. Se Pjanic non posta dichiarazioni su facebook forse vinciamo

    Rispondi
  13. che furbo Pallotta: chiede un bond da 200 milioni …..i soldi ottenuti che teoricamente sarebbero della AS Roma li utilizza per costruire lo stadio……che alla fine rimane di sua proprietà. Poi se un giorno decide di vendere la squadra…lui si tiene lo stadio e l’acquirente si tiene i debiti…
    E’ come comprarsi casa con i soldi degli altri…….8-O 😯 ….. mica scemo

    Rispondi
      • @oregon1:

        Scusami un secondo, ma è una cosa abbastanza logica, chi ha comprato la Roma? con che soldi? basta che ti legga il rendiconto di gestione. tra il costo di acquisto della società e delle azioni di Unicredit più la parte per coprire i buchi di bilancio la società che fa capo a Pallotta ha contratto 132 milioni di euro di debiti con scadenza superiore ai 12 mesi (di questi sono stati saldati 20 milioni prima di Dicembre). Ma alla fine chi è debitore? la società che fa capo a Pallotta che guarda caso è anche la controllane della A.s. Roma. (che è il suo asset). E’ la stessa situazione che avevi con Rosella (che a capo di Italpetroli controllava la Roma)…

      • @Gianfrusaglia: ora è come dici tu…ma nel momento dovesse vendere…o dovesse entrare qualcuno in società….i debiti andrebbero all’acquirente….o al meglio andrebbero ripartiti tra i soci….mentre lo stadio non entra nell’affare perché diventerebbe parte e proprietà di un altra società di Pallotta
        Capito?

      • @oregon1: …insomma finirebbero per esserci due società una AS Roma e una relativa allo stadio creata a proposito. Con il prestito concesso all’AS Roma in parte ci finanzi la società e in parte ci costruisci lo stadio…. poi però lo stadio rimane alla società appositamente creata da Pallotta…Chiaro?

  14. Mi dite se manca qualche riscatto tra questi? (Astori non lo considero da riscattare)

    Ibarbo 13

    Doumbia 15

    Nainggolan 8

    Spolli 2

    Uçan 2

    Paredes 4

    Sanabria 4

    TOT = 48

    Rispondi
    • CuoreRoma ha detto:

      Il mercato e chiuso e voglio tirare le some:
      serviva 1 punta centrale – Doumbia è una punta centrale – un tipo alla Tovalieri-Protti o meglio Aguero per la posizione in campo

      Quando finalmente trattiamo un difensore che puo fare sia il centrale che il terzino (Chiricheș)
      arriva Spolli. –
      Chiriches può fare il terzino come lo farebbe Yanga o Castan- sfatiamolo questo falso mito – anche di Vertonghen che si adatta come lo ha fatto ALDERWEIRELD ai mondiali con il Belgio o anche Romagnoli lo scorso anno.
      I terzini sono ben altro tipo di giocatore

      Rispondi
    • @Area 51:

      Ibarbo un po’ meno ed è un diritto
      Doumbia obbligo quindi 14,5 milioni + 1,5 di bonus devono saltar fuori
      Nainggolan l’accordo arriverà questa estate, nessuna cifra finora (tranne i 3 milioni + 6 tra prestito e comproprietà)
      Spolli non è indicata nesuna cifra nel comunicato ufficiale…
      ucan 4,75 milioni per due anni
      Paredes riscatto 4,5 ma a Giugno
      Sanabria finora è stato pagato 2,4 milioni (+ 2,5 ma pagabili in altri 3 anni)
      YB 5,5 milioni di sterline ma a Giugno (obbligo)

      Rispondi
      • @Gianfrusaglia: Preciso xD, in linea di massima stiamo li.

        Coi soldi di jedvaj si pagano Yanga-Mbiwa, però piu’ o meno saranno quelle le cifre.

        Credo che Ibarbo lo riscattiamo anche in virtu’ del fatto di farci riscattare Nainggolan come l’accordo preso. Però Ibarbo è giovane, veloce, può migliorare. Anche babacar della fiorentina non mi sarebbe dispiaciuto, però anche Ibarbo si sta dimostrando un buon giocatore.

      • @Gianfrusaglia:
        Doumbia è acquisto diretto pagabile in 3 rate quindi ti incide 5 milioni per adesso..

      • @lumiroma:

        in quanto tempo è solo un fatto finanziario, economicamente sempre 14,5 minimo si deve sborsare (alla fine di tutte le ammortizzazioni)

    • @Area 51: Area 51 ha detto:

      Mi dite se manca qualche riscatto tra questi? (Astori non lo considero da riscattare)
      Ibarbo 13
      Doumbia 15
      Nainggolan 8
      Spolli 2
      Uçan 2
      Paredes 4
      Sanabria 4
      TOT = 48

      Ibarbo 12.5
      Nainggolan non si sa
      Sanabria 0, forse qualche bonus ridicolo non avendo mai giocato
      Ucan, prestito già pagato, 11 tra 2 anni che paghi con i 9 di Dodò.
      Paredes 4.5
      Spolli 1.5 ma sfanculabile
      Astori 5 ma sfanculabile
      Doumbia da pagare in 3 anni, prima rata credo 6.
      Jedvaj-Yanga operazione a costo zero

      Giugno 2015: 12.5 (Ibarbo)+10 (Nainggolan?)+ 4.5 (Paredes)+ 6 (Doumbia) = 33 + 1.5 (possibile riscatto di Spolli)

      Giugno 2016: 2 (Ucan) + 5 (Doumbia) = 7

      Direi che con soldi Champions + contratti in scadenza più o meno paghi i riscatti, per fare mercato 1 cessione illustre credo sia necessaria, probabilmente Pjanic (30), se parte Ljajic ne arriverà un altro a costi simili ma più funzionale.

      Se non carichiamo il bilancio con pagamenti dilazionati tra due anni massimo tre possiamo fare belle cose e con belle cose chiaramente intendo top player in attacco.

      In pratica la crescita andrà di pari passi con la costruzione dello stadio.

      Rispondi
  15. Il mercato e chiuso e voglio tirare le some:
    Serviva una punta centrale il classico numero 9 Trattiamo Adriano ma arriva Doumbia piu esterno che centrale rispetto ad Adriano.
    Serviva un terzino come il pane visto le condizioni di Maicon e il solo Holebas sulla sinistra e arriva Ibarbo
    Quando finalmente trattiamo un difensore che puo fare sia il centrale che il terzino (Chiricheș)
    arriva Spolli.
    il mio voto personale a questa campagna acquisti e 5.5 perché non ci avvicina alla Juventus

    Rispondi
    • Piaccia o non piaccia con Ibarbo Florenzi diventa ufficialmente Terzino Destro e Doumbia ha proprio le caratteristiche x fare sia la punta centrale che l’esterno cambiando posizione durante la partita e non dando punti di riferiemento.

      Rispondi
    • @CuoreRoma: Io credo che l’attacco migliorerà con i nuovi acquisti.

      Sulla difesa hai pienamente ragione.
      Credo comunque che li tireremo a campare fino a giugno, al limite alle brutte c’è Cole 🙄
      Poi dovranno prendere quei 2 terzini tanto necessari.

      Rispondi
  16. Il super prestito non so quanto possa essere convincente.

    Se lo Stadio della Roma come si evince sarà di Pallotta (se ci mette lui i soldi è pure giusto che sia così), spero almeno mi auguro che quei 200 milioni di prestito Pallotta li restituisca con i suoi soldi e non con gli introiti della Roma.

    E’ come dire: io faccio un prestito da 200 milioni, ci faccio lo stadio o quello che basta per farlo, e con i ricavi ci pago i debiti, però lo Stadio non è della Roma ma mio.
    Questa non è la realtà, solo la peggiore delle ipotesi xD

    Non credo che comunque si usino quei soldi per il calciomercato, anzi spero proprio che servano per fare lo stadio: ragà con lo stadio nostro la Roma può aumentare di 70 milioni di euro di ricavi come minimo. Se vogliamo metterci il nome dello stadio affiliato ad un super sponsor puoi pagarti lo stadio anche con quei ricavi.

    Bhè in fin dei conti:

    – con lo stadio di proprietà
    – con uno sponsor sulla maglia
    – sperando di tornare come ai tempi di spalletti (quarti di champions)
    – sperando di vincere almeno qualche coppa italia

    la Roma potrebbe fatturare al netto anche 300 milioni e oltre se aumenteranno i tifosi in tutto il mondo. :mrgreen:

    Rispondi
    • @Area 51:

      scusa eh, ma chi ha comprato la Roma?
      ovvio che i 70 milioni + i soldi per l’acquisto delle azioni di Unicredit da qualche parte saranno pur saltati fuori… Si chiama investimento perchè i soldi che spendo ora spero che poi mi possano tornare indietro (e possibilmente guadagnarci) se fosse solo a fondo perduto nessuno metterebbe una lira…

      Rispondi
      • @Gianfrusaglia: Però non mi hai capito il concetto che volevo dire: dicevo che se la Roma fa lo Stadio può aumentare i suoi ricavi di 70 milioni, tra una cosa e l’altra la Roma se fa tutto correttamente può benissimo arrivare a 300 milioni di fatturato, ma a determinate condizioni (vittorie, Sponsor, stadio, ecc.) 😉

      • @Area 51:

        Intanto c’è lo stadio da fare, poi è ovvio che all’inizio non tutto il fatturato derivante dallo stadio sarà reinvestito sulla squadra (lo sta facendo anche la Juve e l’ha fatto l’Arsenal) proprio perchè c’è un debito da pagare…. Ovvio che con uno stadio di proprietà potranno esserci possibilità si sponsorship maggiori e maggiore visibilità anche all’estero… Ma per i prossimi 3 anni minimo si dovrà stringere le chiappe…

  17. Cmq sull’altro articolo non mi faceva commentare. Volevo dire che in senso tecnico questo non è un prestito bancario. Stanno istituendo un bond. Sono una serie di titoli obbligazionare che vengono collocati da un collector in questo caso la goldman sul mercato finanziario. Per tanto qieste obbligazioni saranno vendute a una serie di banche ma anche di provati che daranno così immediata liquidità alla roma in cambio di un certo tasso d’interesse fino al rientro del capitale investito. È come se noi andassimo a comprare titoli di stato ne piu ne meno.

    Rispondi
  18. GASPORT (D. STOPPINI) – A Trigoria va così, ormai da mesi: una macchina si ferma dopo un incidente, entra in officina, esce e si riblocca. Il meccanico dice: sei tu che hai danneggiato l’auto, altrimenti non ci sarebbe stato bisogno di venire in officina. Il proprietario dell’auto, quello che la guida tutti i giorni, replica: se tu avessi fatto bene il tuo lavoro, la macchina non sarebbe andata in testacoda pochi km più avanti, costringendomi nuovamente all’incidente. È una questione di punti di vista. Che poi diventano punti fermi: ognuno sulla propria posizione. Fermo, fermissimo. Con un finale scontato: incomunicabilità totale tra le parti. Da una parte lo staff medico, il meccanico dei giocatori. Dall’altra, una porzione dello staff tecnico di Rudi Garcia (all’interno del quale le posizioni sono molteplici), guidato dal preparatore atletico Paolo Rongoni, fedelissimo del tecnico francese. In mezzo c’è la Roma. In mezzo ci sono soprattutto i giocatori, tirati per la giacca: chi di qua, chi di là, tutti prima o dopo «costretti» — perché è il loro lavoro che lo impone — ad avere a che fare con tutte e due le campane.

    OPINIONI Immaginate un De Rossi qualsiasi che si ferma nuovamente per una lesione muscolare al polpaccio. Immaginate un centrocampista che sente intorno a sé rimbalzarsi le responsabilità: di chi è la colpa? È successo pochi giorni fa, è solo l’ultimo nodo venuto al pettine. Perché il casus belli sono i 19 infortuni muscolari, nel caso specifico le «ricadute»: il problema è la guida spericolata o l’officina inadatta? Sulle responsabilità a Trigoria girano opinioni contrastanti. E così i lamenti escono in tutte le direzioni: la Roma non corre abbastanza, non è brillante, non è curata bene. Ecco, ancor prima delle responsabilità, il guaio numero uno è la totale assenza di rapporti, la freddezza negli sguardi, le parole non dette e quelle riferite. Così succede che il calciatore perde fiducia. Così succede che una società non può intervenire, per non alterare gli equilibri. Il problema è che gli equilibri sono già saltati. E i mesi passano, le stagioni pure.

    Rispondi
    • @pevek80:
      tra tanti articoli schifezza degli ultimi giorni questo mi sembri riportare una sostanziale quanto sacrosanta verità.
      Se ci siamo accorti noi di quanto combinato – figurati se non la fatto la società.

      Rispondi

Lascia un commento