Mercato Roma, Sabatini su un talento di 11 anni


Il mercato brasiliano ha sopra il marchio WS, che sta per Walter Sabatini, e questa non è una novità. L’ultima idea del direttore sportivo della Roma è quella di prendere il giovanissimo talento brasiliano Vinicius Fernando, di soltanto 11 anni, per portarlo a Roma e farlo crescere nella Capitale. Il brasiliano è in forza al Novorizontino ed ha segnato 57 gol in 54 partite: numeri da predestinato. Inter, Roma e Real Madrid sono interessate, ma con lui dovrebbe trasferirsi in Italia tutta la sua famiglia. La Roma porta avanti la “trattativa” e cerca di mettere la mani su Vinicius, descritto dagli addetti ai lavori come un vero e proprio fenomeno.

Non il mercato che fa sognare i tifosi della Roma, ma Sabatini lavora anche a queste operazioni.

Photo Credits | Getty Images


LEGGI ANCHE  Il punto sulle cessioni della Roma: da monitorare non solo Kluivert

7 commenti su “Mercato Roma, Sabatini su un talento di 11 anni”

  1. Intanto è appena arrivata la notizia del padre di Scamacca. E’ andato a dire che da Gennaio possibile che se ne vadano in Inghilterra.
    Mandiamo via pure i pochi giovani decenti a sto punto…
    Poi se parla di crescere i giovani italiani. Giusto, e poi se ne vanno alla prima offerta…

    Rispondi
      • @down under: Be, le inglesi ti sbattono in faccia che la premier è migliore della povera serie-a, che i giovani possono giocare molto prima da loro e ti prendono a schiaffi con le banconote.
        Figurati se il padre fallito di un grande talento si lascia scappare l’occasione per fare la bella vita a scapito del figlio.

  2. ….dovrebbe trasferirsi in Italia tutta la famiglia.
    E magari la Roma dovrà mantenere la famiglia sino a quando sarà maggiorenne.
    Se poco poco sono una decina in famiglia ci dissanguano stile Borriello!

    Rispondi
    • @down under: Perchè ci sono le regole nuove tra 2 anni sui giovani, e Sabatini per aggirarle, va a prenderli quando c’hanno 10anni.
      Sto uomo è assurdo, è bravo, ma è assurdo.
      Pensi alla prima squadra piuttosto

      Rispondi

Lascia un commento