Ranieri fà un appello: “Tifosi state vicini ad una Roma malata”


(CONFERENZA STAMPA AS ROMA – RANIERI CHIEDE AIUTO AI TIFOSI – FORZA-ROMA.COM) – Claudio Ranieri chiede aiuto e sostegno ai tifosi della Roma. Sà che i veri problemi della Roma sono: non realizzare e subire goal. Le parole di Ranieri nel corso della conferenza stampa di oggi: 
"Voglio vedere determinazione e freddezza oltre che voglia di fare e mi auguro che la squadra lo faccia. Siamo in un momento difficile, siamo in difficoltà ed è proprio per questo che  bisogna starci vicino niente bombe, niente improperi. Se è vero che siamo una famiglia, quando in famiglia qualcuno sta male, non gli tiri le bombe, gli stai vicino e cerchi di dargli una mano. Ed è questo che chiedo ai tifosi, se amate la Roma e se siete esasperati figurateci quanto lo siamo noi. Noi vogliamo fare meglio e vogliamo fare di più".
Qual è l’anello debole della Roma?
"Ci sono due anelli. Uno che prendiamo gol ed uno che non ne facciamo. I numeri sono chiari. Però la squadra è viva, se Vucinic segnava all’ultimo momento avreste riscritto tutti i pezzi si o no? avreste scritto che abbiamo lottato fino all’ultimo si o no? Questa è la realtà. avremo cambiato tutto no?. La verità è che ci sono molte difficoltà ma io non vedo uno spogliatoio allo sbando. Li vedo decisi e determinati. Non parlo di tranquillità perchè sono romano e so che fine ha fatto tranquillo qui".


135 commenti su “Ranieri fà un appello: “Tifosi state vicini ad una Roma malata””

  1. Il Principe – 31 Ottobre 2009 alle ore 20:25 Quota commento

    Il tifoso giallorosso di solito pensa che la nostra rosa non è competitiva per competere con inter, juve e milan ma che se la può lottare con le altre squadre. Secondo me la nostra rosa è carente anche in confronto alla squadre di media classifica in quanto scoperta in alcuni ruoli. Quindi si deve fa entrà nella testa di questi tifosi ed anche dei giocatori che pure con ste squadrette si deve sputare il sangue perchè altrimenti non si va da nessuna parte.

    SCUSA PRINCIPE….MA IO PREFERISCO I FATTI ALLE PAROLE….E’ GIA’ DA 4 ANNI CHE LE MILANESI CI F OTTONO I TRE PUNTI SVERGOGNATAMENTE….ANCHE NEI NOSTRI MOMENTI DI CRISI…SARO’ ESAGERATO MA VEDENDO LA JUVE E IL MILAN DI OGGI MI VIENE FACILE PENSARE CHE SIAMO ANCORA OGGI LA SECONDA FORZA DEL CAMPIONATO SOLO PERCHE’ L’INTER ENTRA IN CAMPO IN 13…..A VOLTE ANCHE IN 14 (nel caso specifico Zenga in inter Palermo)

    Rispondi
  2. fulvinho – 31 Ottobre 2009 alle ore 21:53 Quota commento

    Carissimo Ranieri,la verità è che non vogliamo + Rosella come presidente,ci siamo rotti delle prese in giro o va via lei,sennò allo sta d i o non ci va + nessuno,domani sarò allo sta d i o solo per aver pagato l’abbonamento,altrimenti sarei andato da un’altra parte ma non guardavo la partita,sarò allo sta d io ma non farò il tifo,xkè i suoi giocatori non si meritano un bel niente,il suo predecessore Luciano Spalletti ha fatto bene ad abbandonare la nave,xkè anke lui si era stancato delle prese per kulo della sua presidente,la Roma è sua se la guardasse lei la partita allo sta d io,ci sta rovinando

    INNANZI TUTTO DI ROSELLA C’è SOLO STA CIOPPA DE [email protected]….SECONDO BISOGNA DISTINGUERE TRA DIRIGENZA E SQUADRA….TERZO ME PARE RIDUTTIVO ANDARE ALLO STADIO SOLO PERCHE’ GIA’ HAI PAGATO L’ABBONAMENTO, SII COERENTE CON LE TUE PAROLE ( che non condivido )…….S T R A C C I A L O

    Rispondi
  3. Doni
    Motta Juan Mexès Riise
    Pizarro Brighi
    Guberti Perrotta Menez
    Vucinic… (Secondo Sport Mediaset)

    Doni
    Motta Juan Mexès Riise
    Cerci Brighi Pizarro Perrotta
    Menez Baptista (Secondo il Corriere dello Sport)

    Rispondi
  4. Carissimo Ranieri,la verità è che non vogliamo + Rosella come presidente,ci siamo rotti delle prese in giro o va via lei,sennò allo sta d i o non ci va + nessuno,domani sarò allo sta d i o solo per aver pagato l’abbonamento,altrimenti sarei andato da un’altra parte ma non guardavo la partita,sarò allo sta d io ma non farò il tifo,xkè i suoi giocatori non si meritano un bel niente,il suo predecessore Luciano Spalletti ha fatto bene ad abbandonare la nave,xkè anke lui si era stancato delle prese per kulo della sua presidente,la Roma è sua se la guardasse lei la partita allo sta d io,ci sta rovinando

    Rispondi
  5. paragonare Roma Channel a “il Romanista” mi sembra un azzardo, sono ai due poli opposti.
    Quello che dice quell’articolo su Taddei, lo condivido in pieno.

    Rispondi
  6. [quote comment=”119325″]EH C’HAI RAGIONE PRINCIPI’…QUELLO CHE FA RABBIA E’ CHE FINO AD UN’ANNO FA’ ERAVAMO LA SECONDA FORZA DEL CAMPIONATO…..NON SARA’ CHE SO DEMORALIZZATI PER TUTTI QUESTI SECONDI POSTI CON RAPINE AGGIUNTE…PERCHE’ SAI DOPO 1,2,3,4 E PIU’ VOLTE UNO POI SE ROMPE VERAMENTE ER [email protected] E FINISCE CHE S’ABBANDONA[/quote]
    Quinto, io sono un tifoso vero, e penso che ora bisognerebbe sostenere la squadra (pur continuando a contestare la società) ma bisogna anche essere onesti. Quello che indichi tu può anche essere uno dei fattori di questa crisi ma si deve anche ammettere che il 99% dei nostri problemi hanno altre radici.

    Rispondi
  7. Per i veri tifosi: andatevi a leggere uno dei primi commenti di questa pagina, quello di cattivik78 (31 Ottobre 2009 alle ore 15:52, non lo quoto perchè è troppo lungo). E’ una trasposizione di un articolo della gazzetta (per una volta capace di pubblicare un articolo degno di questo nome). Leggetelo e piangete, perchè è questa la Roma oggi.

    Rispondi
  8. lamen – 31 Ottobre 2009 alle ore 20:33 Quota commento

    x la REDAZIONE, ho appena letto un articolo bellissimo su Taddei de “Il Romanista”. Si intitola “Noi tutti a modo nostro ci sentiamo un po’ Taddei”. E’ il miglior articolo uscito da quel giornale negli ultimi anni. Penso possa essere bello commentarlo, è molto umano e forse porterebbe un po’ di obiettività in un momento così sballato anche della tifoseria non solo della squadra.
    Saluti

    EH SI E’ TUTTO STUDIATO A TAVOLINO…..COME LA ROMA PERDE ROMA CHANNEL FA’ PARTI’ SUBITO FILMATI CON LE LACRIME….LO SCUDETTO CON SENSI, MARAZICO, LIEDHOLM, ETC…ETC… ED ANCHE LA RIVISTA O NOTATO CHE COME QUALCUNO HA IL MOMENTO NO, LO HANNO FATTO PURE CON MEXES, TE FANNO VENI’ LE LACRIME…..SIAMO TROPPO INCAZZATI PER COMMUOVERCI…ADESSO VOGLIAMO SOLO SUBITO STI BENEDETTI 29 PUNTI

    Rispondi
  9. EH C’HAI RAGIONE PRINCIPI’…QUELLO CHE FA RABBIA E’ CHE FINO AD UN’ANNO FA’ ERAVAMO LA SECONDA FORZA DEL CAMPIONATO…..NON SARA’ CHE SO DEMORALIZZATI PER TUTTI QUESTI SECONDI POSTI CON RAPINE AGGIUNTE…PERCHE’ SAI DOPO 1,2,3,4 E PIU’ VOLTE UNO POI SE ROMPE VERAMENTE ER [email protected] E FINISCE CHE S’ABBANDONA

    Rispondi
  10. x la REDAZIONE, ho appena letto un articolo bellissimo su Taddei de “Il Romanista”. Si intitola “Noi tutti a modo nostro ci sentiamo un po’ Taddei”. E’ il miglior articolo uscito da quel giornale negli ultimi anni. Penso possa essere bello commentarlo, è molto umano e forse porterebbe un po’ di obiettività in un momento così sballato anche della tifoseria non solo della squadra.
    Saluti

    Rispondi
  11. [quote comment=”119314″]A PRINCIPE TE RICORDO CHE SO’ CAMPIONI DEL MONDO ANCHE ZACCARDO E BARONE….EMBE’!?!?[/quote]
    Ti sto a di’ che semplicemente la nostra rosa non mi sembra tanto superiore a nessuno, cosa invece di cui molti sono convinti. Il tifoso giallorosso di solito pensa che la nostra rosa non è competitiva per competere con inter, juve e milan ma che se la può lottare con le altre squadre. Secondo me la nostra rosa è carente anche in confronto alla squadre di media classifica in quanto scoperta in alcuni ruoli. Quindi si deve fa entrà nella testa di questi tifosi ed anche dei giocatori che pure con ste squadrette si deve sputare il sangue perchè altrimenti non si va da nessuna parte. Grandi giocatori ne abbiamo pochissimi e le altre squadre sono più complete di noi. Se continuiamo ad essere molli, a regalare i primi tempi, tipo come successo con il Livorno, il Catania e il Fulham, non arriveremo da nessuna parte. Le lacune della rosa devono essere bilanciate dalla grinta, altrimenti si affonderà ancor di più.

    Rispondi
  12. Diego è un calciatore che sà solo segnare. Ferrara non sà più dove metterlo. Sà solo tirare. Ma se lo metti in attacco, da fastidio all’altra punta. Devi obbligare gli attaccanti ad assecondarlo, se vuoi che Diego giochi bene. Lo conosco molto bene, mio fratello tifa la sua ex squadra…Ne sò pregi e difetti.

    Rispondi
  13. [quote comment=”119300″]A Principe, l’hai capito solo oggi che Diego è ridicolo?[/quote]
    No, l’avevo capito già da molto (se dunga non lo convoca mai un motivo ci sarà) ma vedere che è MOOOLTO più scarso di quello che pensassi e costatare che con noi ha fatto il fenomeno mi porta a conclusioni moooooolto gravi…

    Rispondi
  14. Sappiamo solo essere sbruffoni, intanto non ci rendiamo conto che siamo l’unica squadra di A con un solo centravanti in rosa (OKAKA, gli altri non hanno le caratteristiche di una punta di peso) e che hanno le fasce praticamente inesistenti con giovani promesse sempre infortunate (CERCI), ragazzi acerbi con nessuna vera esperienza in A (Guberti), giocatori fuori ruolo (Menez) ed ex calciatori (Taddei). Tutti a fare i sbruffoni, a dire che tante squadre ci stanno dietro, che la nostra rosa è seconda solo all’Inter (ma state fuori?!?!). Prendete ad esempio il napoli, per tanti su questo sito è una squadretta. Ok, vogliamo fare un gioco? De Sanctis (nazionale italiano, per me meglio di Doni), Datoto e Lavezzi (nazionali argentini, abbiamo qualcuno con questa corsa sugli esterni? Ne dubito), Quagliarella (nazionale italiano), Gargano (nazionale uruguaiano), Hamsik (nazionale slovacco, un giocatore così magari lo avessimo, vicino a DDR sarebbe il top), Maggio (vero giocatore di fascia, con tecnica e corsa; vogliamo paragonarlo a Cassetti? Meglio di no…). E ci metto anche Denis che, pure essendo un giocatore mediocre, è un centravanti vecchio stampo, certamente più esperto di un ragazzino come Okaka. Questo giochino lo potremmo fare con il genoa, la fiorentina, la juve, l’inter… Dubito che queste squadre non abbiano esteri o centravanti di livello o quantomeno corsa. La dobbiamo smettere di sentirci superiori. Ma superiori a chi poi? SVEGLIA!!! ABBIAMO 11 PUNTI IN CLASSIFICA !!! Qua bisogna lavorare e molto! Cicinho, altro che scudetto!

    Rispondi
  15. MATTEO VITALE – 31 Ottobre 2009 alle ore 20:06 Quota commento

    A Principe, l’hai capito solo oggi che Diego è ridicolo?

    RAGAZZI NON BESTEMMIAMO…..DIEGO NON E’ RIDICOLO HA SOLO BISOGNO DAVE’ DIETRO UNO COME QUELLO CHE SPERAVANO FOSSE QUELL’EBETE DE FELIPE MELO

    Rispondi
  16. certi tifosi se la meritano sta squadra, forse anche peggio. e io che pensavo che ad una certa età subentrasse un pò di saggezza. invece ignoranza, scarsa conoscenza della lingua italiana e maleducazione. veramente complimenti e mo canta quello che te pare

    Rispondi
  17. rugantino13 – 31 Ottobre 2009 alle ore 20:02 Quota commento

    ma ke t ha detto zeman Massimo?

    SAI COME’ LUI….NON E’ CHE SI CAPISCA MAI BENE COSA PENSA….MA ALLA MIA DOMANDA MA FATTO NA RISATA SORNIONA…..IO IN 40 ANNI CHE LO CONOSCO L’HO VISTO RIDE SOLO 3 VOLTE

    Rispondi
  18. E intanto il Napoli va a 17 punti battendo meritatamente la Juve, una squadra sopravvalutata di fronte alla quale solo noi ci squagliamo, mettendo sempre poca convinzione e cattiveria. Diego è un giocatore ridicolo che giusto con una squadra di morti viventi come la nostra, composta da “campioni” come Cassetti, poteva fare 2 goal. Qui tutti tirano fuori le unghie e i denti, vendono cara la pelle, tranne noi. La vedo MOLTO dura.

    Rispondi
  19. FROMA
    fa lo sbruffone solo perchè incontra il bologna?ci manca solo che perdiamo pure contro il Livorno….é venuto come il difensore della patria….ed ora?mette le mani avanti?è un pianto continuo….sapeva cosa trovava..sapeva che la roma n aveva punte a parte totti….ma quando ha firmato il contratto , la roma era forte?

    Froma col livorno ci abbiamo gia perso,comunque neanche a me piace questa situazione,pero’ adesso non si puo’ cambiare ancora bisogna fare di necessita’ virtu’ e tifare solo la Roma

    Rispondi
  20. [quote comment=”119289″]RINCO A MILANO HANNO FATTO LA 1a VERGONA NAZIONALE DELL’ANNO…..A PALERMO AMO DOMINATO PERCHE’ IO AL CONTRARIO DI TE 1° ERO IN TRIBUNA E 2° MAGNO PANE E PALLONE DA 50 ANNI[/quote]
    aho ma se tu sei contento stai bene così, forse ti sei assuefatto. io no. rinco lo vai a di a tuo fratello, finchè si scherza si scherza…

    Rispondi
  21. [quote comment=”119289″]RINCO A MILANO HANNO FATTO LA 1a VERGONA NAZIONALE DELL’ANNO…..A PALERMO AMO DOMINATO PERCHE’ IO AL CONTRARIO DI TE 1° ERO IN TRIBUNA E 2° MAGNO PANE E PALLONE DA 50 ANNI[/quote]
    ma che abbiamo dominato, a quinto..

    Rispondi
  22. [quote comment=”119254″]Froma anche a me piaceva piu’ Luciano ,ma adesso che vogliamo fa’ questo c’abbiamo e questo ci teniamo,non possiamo cambiare ogni 5 partite[/quote]
    fa lo sbruffone solo perchè incontra il bologna?ci manca solo che perdiamo pure contro il Livorno….é venuto come il difensore della patria….ed ora?mette le mani avanti?è un pianto continuo….sapeva cosa trovava..sapeva che la roma n aveva punte a parte totti….ma quando ha firmato il contratto , la roma era forte?

    Rispondi
  23. [quote comment=”119274″]quintofabiomassimo – 31 Ottobre 2009 alle ore 19:49 Quota commento

    VA BEH SE PER TE A MILANO ABBIAMO PERSO E A PALERMO ABBIAMO SCULATO…..HO CAPITO CHE STO A PERDE TEMPO ….TI SALUTO…..VOLEMOSE BENE[/quote]
    pure io e la prossima volta almeno prendi un doc che il tavernello te lascia col mal de testa

    Rispondi
  24. Losi, per me, pretendere è sempre sbagliato…almeno per me…Hai ragione, hanno il dovere di onorare i Nostri colori…ma se sono in un periodo nero, fischiarli ad ogni errore non porta giovamento…poi, tu hai il tuo pensiero ed io lo rispetto…Peace! 😀

    Rispondi
  25. io tutta st’importanza ai 3 punti domani non la do. Premesso che per motivi “politici” non ci farebbero retrocedere comunque, ora tutto sto casino che sta succedendo contro la società è in almeno in parte dovuto alle figure barbine della squadra che stanno facendo cadere ad uno ad uno tutti gli alibi della befana. vi ricordate le dichiarazioni di inizio stagione? siamo competitivi, abbiamo dei giovani fortissimi come guberti e cerci che sono il segno della continuità, totti è ringiovanito di 10 anni. me le so segnate tutte…

    Rispondi
  26. [quote comment=”119261″]Froma, non avevi capito tu a me alloraaa! XD Tocca dirlo a Vins…:P[/quote]
    no, non ti avevo capito….quando sbaglio lo ammetto!e chiedo scusa….

    Rispondi
  27. rugantino13 – 31 Ottobre 2009 alle ore 19:53 Quota commento

    ma perche’ tu lo conosci?

    E’ STATO MIO PADRE, BUONANIMA, CHE PER L’AMICIZIA CON CESTO VICKPALK LO HA PORTATO A PALERMO FACENDOGLI ALLENARE IL CINISI….FIGURATI CHE APPENA ARRIVATO GLI HO DOVUTO CEDERE LA MIA CAMERA PER UN PAIO DI NOTTI

    Rispondi
  28. Losi – 31 Ottobre 2009 alle ore 19:52 Quota commento

    Un’ultima cosa Matteo io purtroppo sono una persona che sotto pressione rende meglio e faccio l’errore di pretendere lo stesso dai giocatori che hanno l’onore ed il privilegio di indossare la maglia della ASROMA

    NUN SEMO TUTTI UGUALIIIIII

    Rispondi
  29. Un’ultima cosa Matteo io purtroppo sono una persona che sotto pressione rende meglio e faccio l’errore di pretendere lo stesso dai giocatori che hanno l’onore ed il privilegio di indossare la maglia della ASROMA

    Rispondi
  30. Scusate voi che riuscite a postare on vins gli potreste chiedere se è lui a cui avevo promesso una birra in caso di vittroia finale in Europa League sapete sono in dubbio tra lui ed un altro utente e mi piace rispettare le promesse (magarI) grazie a tutti

    Rispondi
  31. Losi, che cosa dovrei fare? Se io sul lavoro non riuscissi a fare una cosa, e il mio capoccia cominciasse e poi continuasse a darmi contro, farei sempre peggio…non migliorerei il mio lavoro sotto pressione…

    Rispondi
  32. [quote comment=”119255″]SEI PROPRIO SICURO CHER NE HA PERSE TRE….POSA ER FIASCO….CHE SO 2[/quote]
    milan livorno e udinese, questo è superalcolico eh?

    Rispondi
  33. Losi – 31 Ottobre 2009 alle ore 19:44 Quota commento

    Quinto prorpio perchè ha fatto girà la testa a quelle suqadre non può mangiare tutti quei gol mi dispaice è ingiustificabile io la porta la distruggerei da quella distanza, ah complimenti non pensavo

    NON REAGIAMO TUTTI EMOTIVAMENTE NELLO STESSO MODO IO COL MIO CARATTERE AVREI FATTO CAMBIARE LA RETE….LUI E’ UN’ALTRA STORIA

    Rispondi
  34. Le bombe carta non le approvo perchè potrebbero ferire qualcuno infatti oggi in unpost me la sono presa con Rosella perchè sta facendo degenerare la situazione se continua a comunicare in modo sbagliato ma questa è un’altra storia, tu mi dici che non contesteresti se continuassi a vederli girare a vuto per il campo senza mordente?

    Rispondi
  35. Quinto prorpio perchè ha fatto girà la testa a quelle suqadre non può mangiare tutti quei gol mi dispaice è ingiustificabile io la porta la distruggerei da quella distanza, ah complimenti non pensavo

    Rispondi
  36. Losi soffrirei come una bestia…sò che non arriverà, ma parlando per ipotesi…beh…non so…in queste situazioni ti ci devi trovare…ma di sicuro non direi “non vedo più la Roma, non la seguo più” o cose del genere…nemmeno andrei a buttare bombe carta a Trigoria…

    Rispondi
  37. Froma anche a me piaceva piu’ Luciano ,ma adesso che vogliamo fa’ questo c’abbiamo e questo ci teniamo,non possiamo cambiare ogni 5 partite

    Rispondi
  38. [quote comment=”119247″]Io non ho fiducia proprio in nessuno, Froma…nè in Ranieri, che sto odiando, nè in Rosella…ma credo abbia un asso nella manica…c’è…me lo dico per giustificare quello che sto vedendo…[/quote]
    ah!Ok….se lo dici per giustificare quello che vedi…..allora , non ti attaccherò più…pensavo che avessi fiducia in lei….scusami non avevo capito…io spero che tu abbia ragione….però scordatevi uno straniero per motivi che ho detto prima…

    Rispondi
  39. Matteo (come vedi ci avevo preso sul fatto che scrivi pensieri interessanti visto che partecipavi al blog direttamente) le mie erano sensazioni solamente perchè una persona che scrive come scrivi tu non può scientemente confidare in questa società, in questi giocatori (tranne Totti, DDR e qualche altro che ora è meglio non riportare) staimo svanendo solo noi possaimo salvare la Roma, dimmi quale sarebbe la tua reazione ad una sconfitta domenica?

    Rispondi
  40. [quote comment=”119245″]Chico – 31 Ottobre 2009 alle ore 19:35 Quota commento

    in tutti questi mesi ho sempre pensato che si era toccato il fondo invece ogni volta continuiamo a scavare. ma cosa volete che importi se si batte il bologna o meno, qui la situazione è disperata e i risultati della squadra forse ora sono la cosa meno importante, o forse (speranza) solo un mezzo per toglierci questo tumore maligno: il rosselloma

    SE POSI IL FIASCO UN’ATTIMO TI RICORDERESTI CHE A PARTE LE ULTIME DUE PARTITE òLA MAGICA AVEVA UN RITMO DA SCUDO[/quote]
    intanto so 3 che ne perde, poi ne ha pareggiate un paio come sappiamo (catania rubando e palermo sculando) e vinto col siena dopo aver giocato 75 minuti da denuncia. salvo le partite con fiore e napoli. mi sa che il fiasco ce l’hai in mano te e non lo molli nemmeno quando scrivi

    Rispondi
  41. Losi – 31 Ottobre 2009 alle ore 19:36 Quota commento

    Quinto hai mai giocato a calcio? (te lo chiedo ingenuamente non in senso ironico) io non ho mai visto sbagliare un gol come quello

    OLTRE AD ESSERE STATO CAMPIONE D’EUROPA ALLIEVI…GRAZIE A ZEMAN CON CUI NON CORREVA BUON SANGUE NELLA PRIMAVERA DEL PALERMO HO VIVACCHIATO IN QUELLA CHE OGGI SI CHIAMA SERIE D…OGGI A 49 ANNI ALLENO UN GRUPPO DI RAGAZZI DAL QUALE SONO USCITI 7 CAMPIONI D’ITALIA CON IL PALERMO DELL’ANNO SCORSO…….ED E’ ALLA LUCE DI QUESTO CHE TI DICO SI IN QUELLA SITUAZIONE SI PUO’ MANGIARE UN GOL DI QUESTO TIPO…..ANCHE DA CHI HA FATTO GIRARE LA TESTA A MEZZO CHELSEA E REAL….NON TROPPO TEMPO FA’

    Rispondi
  42. [quote comment=”119242″]Froma adesso ci tocca tifare Ranieri.Che facciamo cambiamo nuovamente?Che vogliamo fa come l’anno dei 5 allenatori?[/quote]
    Mazzari senza preparazione, senza aver fatto mercato suo , è arrivato da meno di 2 mesi e nn piagne….questo piagne solo…..accusa il mio mister….andasse a quel p….

    Rispondi
  43. Io non ho fiducia proprio in nessuno, Froma…nè in Ranieri, che sto odiando, nè in Rosella…ma credo abbia un asso nella manica…c’è…me lo dico per giustificare quello che sto vedendo…

    Rispondi
  44. Losi…la Roma è un amore…nonostante faccia arrabbiare e stare male noi tutti, l’unica cosa che RIUSCIAMO a fare, è guardarla e soffrire. Chi non ha mai ascoltato anche solo alla radio della macchina, come un malato, per non perdere niente di quei 90′? Io non ho alcun tipo d’interesse…anzi…io penso tutti i maledettissimi giorni alla Roma…tanto è vero ch’ero un redattore di questo sito…io per la Roma soffro, mi arrabbio, litigo, rido, scherzo, urlo, piango e, a volte, sto zitto…perchè è meglio ch’io non parli. La Roma per me è un amore, uno dei miei amori…e sarebbe inutile mentire…non ci sarà una volta, nemmeno una, che durante una partita della Roma, non farò di tutto pur di vederla, sentirla o saperne il risultato ogni 5 minuti. E’ questa la verità. La mia.

    Rispondi
  45. Chico – 31 Ottobre 2009 alle ore 19:35 Quota commento

    in tutti questi mesi ho sempre pensato che si era toccato il fondo invece ogni volta continuiamo a scavare. ma cosa volete che importi se si batte il bologna o meno, qui la situazione è disperata e i risultati della squadra forse ora sono la cosa meno importante, o forse (speranza) solo un mezzo per toglierci questo tumore maligno: il rosselloma

    SE POSI IL FIASCO UN’ATTIMO TI RICORDERESTI CHE A PARTE LE ULTIME DUE PARTITE òLA MAGICA AVEVA UN RITMO DA SCUDO

    Rispondi
  46. in tutti questi mesi ho sempre pensato che si era toccato il fondo invece ogni volta continuiamo a scavare. ma cosa volete che importi se si batte il bologna o meno, qui la situazione è disperata e i risultati della squadra forse ora sono la cosa meno importante, o forse (speranza) solo un mezzo per toglierci questo tumore maligno: il rosselloma

    Rispondi
  47. [quote comment=”119223″]Tu sei fuori Losi…sei davvero fuori…interessi per cosa? Chi mi conosce, anche poco poco, può dire che non è vero…anche Froma può dirlo…figurati…[/quote]
    no non ha interessi , ma credo che abbia fiducia e stima in rosella, non so come faccia…sarà un santo…ma tra ranieri e Matteo, butto nel burrone Ranieri…

    Rispondi
  48. Quinto io amo la squadra ma quello che soffro io ogni domenica voglio comunicarglielo ed è assurdo sentire ancora persone che mi dicono che devo sempre tifare sono loro che non amano la Roma

    Rispondi
  49. No quinto quello che cerco di dire è che è inutile in questo momento riempirsi la bocca di frasi fatte del tipo stiamogli sempre vicino ma le vedete le partite lo vedette come giocano e dovremmo anche coccolarli dai tifate Taddei o Vucinic

    Rispondi
  50. Losi – 31 Ottobre 2009 alle ore 19:28 Quota commento

    Ma cosa volete tifare guardate che stiamo davanti ad un baratro ed ormai il semplice tifo non serve più a niente la squadra non riuscirebbe lo stesso

    CARO LOSI SE NON TI CONOSCESSI BENE PENSEREI CHE VUOI IL MALE DELLA ROMA

    Rispondi
  51. Losi – 31 Ottobre 2009 alle ore 19:28 Quota commento

    Ma cosa volete tifare guardate che stiamo davanti ad un baratro ed ormai il semplice tifo non serve più a niente la squadra non riuscirebbe lo stesso

    MI DAI UNA BUONA ALTERNATIVA ????…UCCIDIAMO TUTTI….NON ANDIAMO PIU’ A TIFARE…DIMME….

    Rispondi
  52. Ma cosa volete tifare guardate che stiamo davanti ad un baratro ed ormai il semplice tifo non serve più a niente la squadra non riuscirebbe lo stesso

    Rispondi
  53. MATTEO VITALE non ti scaldare sono mie sensazioni che ho voluto esternare perchè ti leggo spesso (questo dovrebbe essere un complimento visto che scrivi secondo me pernsieri interessanti) ma il fatto risiede tutto nella tua ostinazione a difendere l’indifendibile mi sembri tanto un altro utente che io scherzosamente chiamavo rosellapersempre (Romapersempre) che si vedeva che lo faceva apposta, però nel tuo caso vedo argomentazioni acute e pensate ecco perchè ho queste sensazioni

    Rispondi
  54. MATTEO VITALE – 31 Ottobre 2009 alle ore 13:51 Quota commento

    Sul fatto che bisogna stargli vicino, ha ragione. Sempre, bisogna stare vicino ai giocatori…bisogna tifare ed urlare sempre.

    SE QUESTO SIGNIFICA AVERE INTERESSI…..IO SONO INTERESSATISSIMO

    Rispondi
  55. Tu sei fuori Losi…sei davvero fuori…interessi per cosa? Chi mi conosce, anche poco poco, può dire che non è vero…anche Froma può dirlo…figurati…

    Rispondi
  56. ammazza il napoli perdeva 2 a 0 ed ora pareggia 2 2 ….Ma Mazzari ha fatto la preparazione….ha fatto mercato Mazzari, eh ranieri?Poi ogni volta sta stiria che è romano romanista….non ti volevo prima e nn ti voglio adesso…..

    Rispondi
  57. Ragazzi sono tornata adesso da un convegno relativa alle società per azioni quotate e non…E devo dire una cosa sconvolgente e che nn sapevo : Lo sapete perchè è difficile che uno straniero acquisti una società quotata?Perchè sull’ opa ci sono regole rigidissime anti scalata appunto per difendere l’ italianità….Quindi credo che Rosella su questo non c’ entra nulla…..è difficile per me dirlo , ma è cosi….quindi o un italiano compra la Roma, o ci terremmo rosella a vita….

    Rispondi
  58. La squadra è già abbandonata anche se noi tifiamo perchè non ha i mezzi per competere facendo pressione la obblighiamo a comprare qualcuno a gennaio anche indebitandosi ulteriormente o pardon anche facendola rinunciare a qualche soldo che ruba per le sue rate

    Rispondi
  59. Comunque spreo che (anche per chi sostiene la sensi o la disapprova a modo suo) la situazione si sblocchi perchè così rischiamo di sparire ormai è quasi un anno che lo scrivo su questo blog

    Rispondi
  60. Losi anchio quest’anno faccio come te e finche’ ci sara’ lei faro’ sempre cosi’.Ma non si rischia di abbandonare troppo la squadra senza tifo?

    Rispondi
  61. [quote comment=”119207″]ignazio non ti ho coinvolto solo perchè ultimamente ho letto pochi post da te inviati però te a differenza di Matteo (scusami per la confidenza) sei un tifoso vecchio stampo la croce e delizia della Roma quel tifoso che in passato ha permesso alla Roma di avere il più bel tifo d’Italia ma ha anche permesso a gente come i sensi di mangiare sulle nostre spalle comunque ripeto solo solo mie sensazioni.
    sibilla forte tu mi fai sentire meglio ogni volta che ti leggo, leggendo i tuoi post mi sento meno solo, per quanto riguarda l’azionariato popolare d’accordissimo ma senza i sensi in una situazione di maggioranza[/quote]
    lo so tranquillo ognuno ha le sue opinioni :1:

    Rispondi
  62. ignazio non ti ho coinvolto solo perchè ultimamente ho letto pochi post da te inviati però te a differenza di Matteo (scusami per la confidenza) sei un tifoso vecchio stampo la croce e delizia della Roma quel tifoso che in passato ha permesso alla Roma di avere il più bel tifo d’Italia ma ha anche permesso a gente come i sensi di mangiare sulle nostre spalle comunque ripeto solo solo mie sensazioni.
    sibilla forte tu mi fai sentire meglio ogni volta che ti leggo, leggendo i tuoi post mi sento meno solo, per quanto riguarda l’azionariato popolare d’accordissimo ma senza i sensi in una situazione di maggioranza

    Rispondi
  63. [quote comment=”119203″]Per me MATTEO VITALE scusami se mi permetto ma hai interessi altrimenti non parleresti così è un pò che leggo i tuoi post e questa è l’impressione che mi hai trasferito naturalmente è una mia semplice opinione.
    Rock60 potresti fare ciome faccio io: non compro oggetti o gadget ufficiali ASRoma, non vado più a vdere partie allo stadio, guardo le partite in streaming su Pc e non faccio abbonamenti ne a Mediaset ne a Sky, porto avanti la mia battaglia anti sensi su molti blog e sostengo ogni iniziativa di protesta[/quote]
    e invece matteo è un tifoso vero che sostiene e segue sempre la sqaudra…sempre e comunque…bravo :1:

    Rispondi
  64. [quote comment=”119203″]Per me MATTEO VITALE scusami se mi permetto ma hai interessi altrimenti non parleresti così è un pò che leggo i tuoi post e questa è l’impressione che mi hai trasferito naturalmente è una mia semplice opinione. Rock60 potresti fare ciome faccio io: non compro oggetti o gadget ufficiali ASRoma, non vado più a vdere partie allo stadio , guardo le partite in streaming su Pc e non faccio abbonamenti ne a Mediaset ne a Sky, porto avanti la mia battaglia anti sensi su molti blog e sostengo ogni iniziativa di protesta[/quote]

    Come al solito concordo con te in ogni singolo punto! Ormai questo pseudo buonismo è diventato oltremodo STUCCHEVOLE! Si fa tanto i pazienti e gli educati con una società che ci ha tolto soldi, sentimenti e sogni mentre nel caso di qualcuno che la pensa diversamente il civile confronto diventa litigio con parole pesanti!Si litiga in due e nessuno è esente da colpe! Comunque caro Losi esiste anche l’azionariato popolare che anche se può sembrare utopistico non è da sottovalutare! Buona domenica a tutti sperandi di risentirci un pò medeno depressi!

    Rispondi
  65. Per me MATTEO VITALE scusami se mi permetto ma hai interessi altrimenti non parleresti così è un pò che leggo i tuoi post e questa è l’impressione che mi hai trasferito naturalmente è una mia semplice opinione.
    Rock60 potresti fare ciome faccio io: non compro oggetti o gadget ufficiali ASRoma, non vado più a vdere partie allo stadio, guardo le partite in streaming su Pc e non faccio abbonamenti ne a Mediaset ne a Sky, porto avanti la mia battaglia anti sensi su molti blog e sostengo ogni iniziativa di protesta

    Rispondi
  66. [quote comment=”119175″]non sono d’accordo sul fatto di tifare e urlare sempre e sui tifosi ci devono stare vicini.ovviamente non lanciare bombe, non sono d’accordo sopratttutto sul fatto che lo dica lui e che dica che sono esasperati quanto noi.lui dovrebbe dire che i tifosi vogliono le vittorie e noi cercheremo di vincere per portarli allo stadio. se lui se ne esce che sarà un anno pieno di delusioni come può pretendere che i tifosi gli stanno vicini? lui non è esasperato quanto noi. noi non guadagnamo milioni di euro per tifare, noi facciamo sacrifici per una passione.l’abbonamento a Sky costa. l’abbonamento allo stadio costa.ci facessero entrare gratis se vogliono l’appoggio. ci facessero sentire per una volta importanti con i fatti e non con le frasi di circostanza. se mi prometti un anno di delusioni io allo stadio che ci vado afare????[/quote]
    a tifare sempre e comunque…seguendo l’esempio di quella che era la sud di una volta e che ora mi rincuora dirlo ma è spaccata, anche se puo ritornare quella di prima…bisogna sempre andare allo stadio, ad incitare e tifare..la roma non si discute, si ama.

    Rispondi
  67. #

    Losi – 31 Ottobre 2009 alle ore 18:22 Quota commento

    Io ripeto domani stadio vuoto per me l’unica soluzione è questa lei vive con gli introiti della Roma se questi si azzerano deve vendere per forza

    Losi hai ragione,cosi’ si stroncano le sue entrate, pero’ come faremo sentire il nostro apporto?

    Rispondi
  68. [quote comment=”119162″]Sul fatto che bisogna stargli vicino, ha ragione. Sempre, bisogna stare vicino ai giocatori…bisogna tifare ed urlare sempre.[/quote]
    bravissimo matteo, la penso come te…a differenza di altri…..

    Rispondi
  69. Io ripeto domani stadio vuoto per me l’unica soluzione è questa lei vive con gli introiti della Roma se questi si azzerano deve vendere per forza

    Rispondi
  70. dal romanista

    DA NON CREDERCI, STIAMO SUBENDO ANCHE QUESTO

    Maurizio Catalani

    E’ di gran moda. La Roma, come “la moglie del soldato” . La sorpresa, sempre brutta, è dietro l’angolo. Scriveva Nietzsche: “… tutto ciò che si fa per amore è al di la del bene e del male”. Finì abbracciato ad un cavallo morente in una grigia strada della Torino di fine novecento. Anche noi siamo abbracciati “al morente”… la Roma. Grave, quanto può essere la passione e l’amore che essa consuma. Io, come voi, per amore faccio l’abbonamento da quasi cinquanta anni, scrivo di lei, pago e la seguo, ne scrivo (non per lavoro) , parlo, ovunque o con chiunque, litigo, la difendo, mi avveleno.
    Problema tuo, direbbe qualcuno, non certo voi che leggete “Il Romanista”, siete come me, parliamo a stessa lingua, viviamo immutabile uguale sentimento. Ma alla parola “amore” è legata anche un’altra parola abusata ed umiliata del nostro vocabolario: “verità”. Di verità ce sono mille: quella nascosta, quella dovuta, quella detta e non detta, quella mascherata e ancora altre cento, ma poi lo sappiamo, ce ne è una, una sola e basta. Nasconderla a se stessi fa male e allora diciamola, tiriamola fuori e facciamone l’uso che le spetta.
    La verità della nostra Roma è che Lei è una grande madre ferita da tutti i suoi figli della corrente generazione. Società, dirigenti, calciatori. Ognuno sta facendo la sua parte. La prima inconfutabile verità è a bilancio. Da ieri visibile a tutti ci detta dati esaltanti. Come già saprete la Lazio con 27mila abbonati, quest’anno ne conta quasi tremila più della Roma. Come dire che incontri per strada un vecchio amico che, dati alla mano, ti certifica che Frosinone ha più abitanti di Roma, che Alvaro Vitali tromba più di Brad Pitt o che Flavia Vento è più intelligente di Rubbia. Da non crederci. Abbiamo subito anche questa.
    La società. In gravi difficoltà economiche, gira su se stessa alla ricerca di denaro e identità. Errori e contraddizioni. Tornando al bilancio sarebbe stato molto generoso sapere quanto siano costati i rinnovi dei contratti di Conti e Pradè, ma quella voce non c’è.
    Ci sono gli stipendi di Rosella e sorella, altri no. Di più non c’è dato di sapere. Vogliamo fare almeno una milionata e mezzo (al netto, dunque tre lordi) di euri romani, per i due rinnovi? Vedremo la mia è un’ipotesi basata sui prezzi di mercato. Questo accadde pochi mesi fa all’epoca della squallida vicenda Fioranelli, capace di fare sorridere tutti noi.
    Adesso a distanza di pochi mesi arriva Montali. Supervisore delle risorse umane, sportive, tecniche, logistiche apotropaiche. Fate voi, aggiungete a vostro gusto. Che vuole dire? Tutto e niente, lo sapete cari e nobili lettori, ma una cosa la capiamo: Conti e Pradé hanno il tutore, uomo mi dicono serio, preciso e di tutto rispetto. Ma anche qui buio. Nessuna conferenza stampa del nuovo arrivato, solo, mi dicono, un intervento radiofonico, per altro annunciato. A decidere adesso c’è lui e poco (forse pochissimo?) loro e noi ci chiediamo il perché di quei rinnovi, costati soldi che potevano essere spesi per un centravanti, ignorante, grezzo, magari di Fiumicino, tifoso della Roma e che quando arriva un pallone sente la puzza da lontano e lo caccia in in fondo alla rete. Siamo l’unica squadra della serie “A” che non ha uno straccio di un centravanti. Tutti ne hanno due e moltissimi almeno tre. Siena, Palermo, Genova, Atalanta,Bari e anche… udite! udite! la Lazio di “Lotirchio”. Ve li ricordo: Cruz, Rocchi, Zarate e Pandev nel cassetto. Incredibile, ma è la verità.
    Un’altra verità? Il settore giovanile è allo sbando. Finale di coppa Italia primavera a Genova … dirigenti al seguito zero! La Roma non ha chi segue i giovani? Ma no… qualcuno ti risponde. Invece si… è proprio così. A capo del settore c’è Stefanelli, uomo di Conti. Poi c’è Bruno, direttore dell’area tecnica, cioé giocatori e allenatori. Il settore giovanile della Roma e il Lazio (regione) in generale, sono sempre stati il più grande serbatoio di giocatori che hanno scritto la parola calcio in Italia. Da quanto non esce più un “fenomeno”? Da troppo tempo, gli ultimi sono De Rossi e Aquilani. Qualche altro buonino è finito nelle maglie di cessioni grottesche. Vedi Galloppa e caso Siena… una vergogna della gestione Pradè. Ma come in tutte le storie c’è sempre la possibilità di un lieto fine. Basta scriverlo. E allora vi informo. Sapete che ad allenare gli allievi nazionali c’è tale Andrea Stramaccioni, premiato con la panchina d’oro per il settore giovanile. Questo signore (l’unico del settore giovanile con il patentino di allenatore)se non verrà rispettata la clausola contrattuale sottoscritta con la A.S. Roma e che alla fine del terzo anno prevede il suo passaggio alla Primavera, andrà via a fine stagione e con lui qualche giocatore del settore giovanile. Quali e perché? Dopo Petrucci, che ci siamo fatti scippare dal simpatico Manchester, perderemo anche i più promettenti in odore di essere campioni. Sini, Pettinari, Malomo e un paio di “92 tra i quali un fantasista dai piedi… sembra importanti. Ripeto tutto questo accadrà se al termine di questa stagione il buon Stramaccioni non avrà, come da contratto, la primavera. Dove finirà la storia? A Milano, zona Inter, società che da tempo gli fa gli occhi dolci e che è vero ci ha rubato uno scudetto, ma poi è stata anche generosa con le nostre(?) casse per ripagarci del furto subito. Buon lavoro Montali, la fine della favola la scriva lei.
    Ancora società. Ha il quarto monte ingaggi italiano, una cifra che mi vergogno di scrivere e come detto un solo centravanti: Okaka. Vado avanti? Sì. Rinnova in questi giorni i contratti di Pizzarro e Perrotta uno fino al 2013 e l’altro fino al 2011. Se calcoliamo l’età il loro contratto scadrà quando i due avranno 33 anni. Un‘altra follia? No tranquilli, altre due cessioni, all’unico che li vuole. Spalletti. Si vende, si fanno contratti per vendere, si distrugge l’unica risorsa a costo zero che è il settore giovanile e si compra male e… a tanti soldi, i giocatori sbagliati. La verità? Io Vi sto raccontando fatti, non presunte informazioni da me interpretate. Giudicate Voi.
    La squadra. Chiamiamola anche con il suo nuovo nome: la risorsa umana sportiva. Bella risorsa direte Voi. Sono d’accordo, da piangere. Una squadra che senza Totti non può pensare di vincere. Totti, un fenomeno assoluto, non si discute, ma ha 33 anni e lo hanno rotto dalla testa ai piedi. Non gli si può chiedere di giocare tutte e partite, non può farcela. E allora? Siamo nella merda, perche in un paio di geniali campagne acquisti (l’ultima solo cessioni) non è stato acquistato un suo vice. Mi accontenterei di Bogdani, Budan, Corradi, non chiedo Tiribocchi o Pellissier, non oso tanto. Mi sarebbe bastato una punta dilettante, uno di “eccellenza” che tira la palla come bestemmia. Segna e sputa per terra. Un ignorante che se gli chedi…. “lei che fa nella vita?” serio come un politico che entra in guerra ti risponde: “la punta, il centrattacco” e non sa aggiungere altro, perché altro non fa. Niente. E’arrivato Baptista, che alla stessa domanda non saprebbe cosa rispondere, sono stati spesi 21 milioni di euro per Vucinic che forse è una punta ma non sa fare la punta (con Zeman sono capaci tutti) e 10 per Menez che è un fenomeno assoluto ma sta male e non segna venti goal a campionato. Poi Spalletti. Il quarto allenatore che va via rinunciando all’ingaggio. Nel calcio una cosa mai vista, c’è da pensare che a Trigoria ci sia la lebbra e nessuno ha il coraggio di dirlo. Adesso? Ecco a Voi Ranieri. Romano, romanista, uomo di buona fede e di 4-4-2. Dopo un mese e mezzo, fa sapere che la squadra non è la sua (lo sapevamo) e la scarica nel bel mezzo di una conferenza stampa. Perfetto, il cerchio si chiude, c’è da riflettere,se non da piangere.
    Capitolo infortuni, ricadute e rientri? Capitolo troppo lungo, servirebbero dieci pagine. Ma la domanda sorge spontanea: ma non era colpa di Brozzi? E adesso di chi è? Anche questo nuovo medico non è più nelle grazie della nostra presidente? E perché non parla? Ranieri dice che Menez non gioca per una ricaduta al vecchio problema della pubalgia. Antonio Spataro, nuovo medico sportivo (?????), tace, non rilascia dichiarazioni, non comunica. Spieghiamo. Via Brozzi dentro Del Signore, ma il nuovo medico dura poco. Non firma e porta la Roma in tribunale. Perché non sappiamo. Arriva ufficialmente Vincenzo Affinito, valente cardiologo, poco affine a polpacci e menischi. Lui è il medico ufficiale sul sito della AS Roma, ma in effetti tutti sanno che chi si occupa dei nostri giocatori è il dottor Antonio Spataro, anche lui cardiologo. Manco questo è vero. In panchina ci va il dottor Luca Pengue, Spataro non c’è, un cardiologo in panca non lo vuole nessuno. Ma chi è il dottor Luca Pengue? Pensate l’assistente di Brozzi, voluto nel suo staff proprio dal vecchio medico sociale della Roma ritenuto, a furor di popolo (ingiustamente dico io) responsabile di tutti i mali della Roma. Al che uno si chiede: ma se Ranieri ha detto una cazzata su Menez , perché l’ha detta? Il medico non parla (anche perché non sappiamo chi dovrebbe aprire bocca dei tre) e forse non vuole fare la fine del suo predecessore. Una prece, i dottori Affinito e Spataro, come detto bravissimi cardiologi, lasciassero perdere gambe e polpacci (anche perché non se ne sono mai professionalmente occupati) per dedicarsi delle nostre coronarie, avrebbero il triplo del lavoro e contando gli inguaribili infortunati di Trigoria, con i tifosi farebbero i soldi veri.

    Rispondi
  71. sono dell’opinione ke i giocatori vanno incoraggiati se s’impegnano fiskiati se nn c’è impegno……ki invece va fiskiata e insultata sempre è l’innominabile…sta portando la squadra allo sbaraglio……..è ora ke se ne vada

    Rispondi
  72. Cattivik, l’articolo spietato della Gazzetta riassume quello che molti di noi hanno detto negli ultimi tempi, solo chi e’ accecato dal tifo puo’ non vedere quello che sta accadendo, dai campi di Trigoria alle bugie sul calciomercato. L’esempio piu’ grottesco e’ quello del centravanti, in 3 anni non si e’ riusciti ad averne uno neanche in prestito, con un Totti nel frattempo purtroppo costretto a lunghi stop (da prevedere se si e’ una societa’ seria). E poi Spalletti che se ne va dopo 2 giornate, e’ logico che non e’ una decisione che nasce a fine Agosto… Ed il progetto-stadio da costruire sulla necropoli?!? Manco Fantozzi dei tempi d’oro…

    Rispondi
  73. La Roma sbagliata di Rosella Sensi
    LA GAZZETTA DELLO SPORT – «Ho sbagliato a comunicare poco, questo è l’unico errore che mi riconosco» : così la dottoressa Rosella Sensi, a Civitavecchia, neppure tre mesi fa, circoscrisse il suo mea culpa. E’ già una cosa, si potrebbe dire, ma a rifletterci bene quella parzialissima ammissione era una confessione di aver capito poco o nulla di quello che stava succedendo alla sua amata Roma. Neppure il grido d’allarme che Luciano Spalletti ha manifestato a Trigoria e Villa Pacelli a più riprese, è servito a qualcosa.
    Un errore che si è andato ad aggiungere altri errori, tanti, troppi. Non ci sono stati più investimenti, non si è mai riusciti a comunicare con un minimo di chiarezza, non si è riusciti a mettere in piedi uno staff sanitario che potesse ridimensionare un’impressionante serie di infortuni, non si sono date autonomia e responsabilità ai principali collaboratori e, soprattutto, si è riusciti nell’impresa di logorare, consumare, deteriorare il rapporto con quella che è sempre stata l’unica, grande ricchezza della società giallorossa, i suoi tifosi. Il risultato è sotto gli occhi di tutti ma la preoccupazione maggiore riguarda il futuro, le domande che non trovano risposta, le prospettive che non ci sono perché una nuova, peraltro non improbabile, mancata qualificazione alla prossima Champions League, certo non può legittimare chissà quali investimenti su una squadra che, al contrario, sta dimostrando di aver bisogno di un profondo rinnovamento.
    Il mercato
    Soldi dalla Champions e dalle cessioni dei big ma pochi investimenti di mercato. E la punta… Gli ultimi cinque anni di gestione virtuosa, han­no un saldo di mercato inferio­re ai 25 milioni di euro, meno di cinque milioni a stagione, saldo tra l’altro tutto addebitabile alla stagione passata, quella che portò a Trigo­ria Julio Baptista, Jeremy Menez e John Arne Riise. Per una società che per tre stagioni consecutive ha disputato la Champions League, fatturando una media di 170 milioni, vuole dire aver investito praticamente nulla, soprattutto pensando che da Trigoria in questi ultimi anni sono andati via Cassano, Chivu, Mancini e, l’estate scorsa, Aquilani, cioè il giocatore che era stato dichiarato incedibile e che era il fiore all’occhiello di quel progetto giovani che è stato sbandierato come la giusta via per continuare a sognare e ve­dere le stelle. Il tutto in anni in cui il bi­lancio della Roma non è mai andato in rosso. In sostanza, è stato un disastro, in alcuni casi, bisogna dirlo per onestà, an­che imprevedibile, come nel caso di Bap­tista e Cicinho. Basta un esempio per spie­gare: sono anni che tutti evidenziano co­me alla Roma servirebbe una prima pun­ta: non è mai arrivata. Anzi sì, Zamblera, l’ultimo giorno di mercato, preso per la Primavera ma che è sembrato, volendo scegliere di essere educati, più che altro un’ulteriore presa in giro. Eppure c’era Cruz a parametro zero. Ma la bocciatura ha anche un altro aspetto. Cioè quando non si hanno le risorse per acquistare, si deve saper vendere per avere il cash da investire. Non si è stati capaci neppure di questo. Anzi no. Aquilani è stato venduto alla grande, venti milioni di euro, ma quei soldi sono rimasti a Trigoria.
    La comunicazione
    Nel’era di internet anche il sito del club è arretrato. Ma è l’ultimo dei mali… Comunicazione, questa sconosciuta. Almeno dalle parti di Trigoria e dintor­ni. Eppure siamo nell’era della comunicazione, la Roma è quotata in Borsa, Internet ha dilatato il mer­cato al pianeta terra, ma tutto questo in ca­sa giallorossa non sanno neppure cosa sia. Basta dare uno sguardo al sito ufficiale del club giallorosso per rendersi conto di quel­lo che stiamo dicendo, un sito che da anni aspetta una riverniciata, ma pare non ci siano i soldi neppure per questo. E’ un di­scorso che coinvolge molto relativamente chi lavora nell’ufficio stampa della Roma, spesso, dalla responsabile Elena Turra in giù, neppure sono stati messi al corrente di quello che stava succedendo o di comuni­cati societari che sarebbero stati dati alle stampe, come per esempio, per rimanere agli ultimi giorni, nel caso dell’ufficializza­zione dell’ingaggio di Gian Paolo Montali. Per questi (i comunicati e i consigli) ci so­no i collaboratori che sono sul libro paga (giustamente, per carità, offrono un servi­zio) della Roma o di Italpetroli: Enrico Bendoni con la sua società di comunica­zione e Pippo Marra, consigliere d’ammi­nistrazione specializzato in lettere ai tifo­si ( e in emiri arabi) che da queste parti hanno fatto epoca (in negativo). Comuni­care, oggi, è fondamentale per qualsiasi ti­po di azienda. Bene, anzi male, la Roma in questi ultimi anni tutto ha fatto meno che comunicare e, quando lo ha fatto, è stato un disastro. Il risultato sono le macerie di questi giorni. E non ci sono lettere, maga­ri pure ben dettate, che possono rimettere insieme i cocci. Anzi non fanno altro che peggiorare una situazione che definire ai confini della realtà non è un’esagerazione.
    I tifosi
    L’autofinanziamento si regge sui tifosi nei cui confronti però c’è poca chiarezza. Forse tutti, o quasi, i tifosi della Roma non capisco­no nulla. Forse tutti, o quasi, i tifosi della Roma si sono convin­ti, chissà perché, che la gestione so­cietaria più che virtuosa è virtuale. Forse tutti, o quasi, i tifosi della Roma sono impazziti in gruppo, una specie di epidemia della follia. Forse. Ma se si prende in consi­derazione l’altra faccia del forse, allora bi­sogna dire che forse tutti, o quasi, i tifosi della Roma hanno ragione. E ragione vuole dire essere molto preoccupati per il presen­te, ma soprattutto per il futuro della magica
    che non è più magica, loro unici innocenti di questo scempio a cui stiamo assistendo, lo­ro che macinano chilometri, loro che sono la spina dorsale dell’autofinanziamento e di tutti gli stipendi pagati a Trigoria, compre­si quelli della proprietà. Solo chi non vuole vedere, non può non essersi reso conto dei danni, speriamo non irreversibili, che que­sta società ha fatto nei confronti di quella che è sempre stata l’unica certezza della Roma, i suoi tifosi. A questa gente non è mai stato spiegato niente, le sono state racconta­te una valanga di falsità, non è mai stata fat­ta chiarezza su quello che è e sarà la loro Roma, quasi mai è stata rispettata. Sarebbe­ro stati pronti anche ad accettare un ridi­mensionamento, ma bisognava dirglielo. Ci sono i numeri dell’Olimpico, abbonati e pa­ganti, a sottolinearlo chiaramente. E quelli che allo stadio ancora ci vanno, tutti, o qua­si, contestano, spernacchiano, insultano, soffrono. Ma il risultato peggiore, è una sor­ta di rassegnazione del popolo romanista. A Trigoria c’è mai stato qualcuno che si sia chiesto il perché? E, invece, a nostro giudi­zio è questa la colpa più grave perpetrata nei confronti della Roma e dei suoi tifosi.
    I collaboratori
    Dall’addio di Baldini manca un dirigente che sappia dire no quando necessario. Un grande capo, la prima qualità che deve avere è quella di sapersi scegliere colla­boratori competenti, preparati, coinvolti ma soprattutto in grado di dire no al grande capo quando c’è bi­sogno di dire no. L’esatto contrario di quello che è accaduto negli ultimi anni a Trigoria. Un dirigente con queste qualità c’era, il suo nome è Franco Baldini, in casa giallorossa hanno fatto storia le sue prese di posizione anche contro quelle che erano le scelte di Franco Sensi. Questo dirigente, però, ha scel­to di dimettersi all’alba dell’era dottoressa Rosella Sensi, avendo come principale moti­vazione quella di non poter più dire di no, o si faceva come gli si diceva, oppure quella è la porta. Ha scelto la porta, perché signorsì a prescindere non è mai stato il suo stile. Il ri­sultato, oggi, è che gli attuali dirigenti anche se devono prendere in prestito Zamblera, de­vono chiamare Villa Pacelli o consultarsi con la dottoressa Mazzoleni. E’ l’attenuante più concreta per Bruno Conti e Daniele Pradè, ma aver accettato questa situazione è anche una colpa che devono assumersi. Anche se il problema è a monte. Non avere l’umiltà e la consapevolezza, peraltro assai facile da capi­re e comprendere, di sapere che la specifici­tà del calcio avrebbe dovuto consigliare alla dottoressa Rosella Sensi di delegare in ma­niera più concreta, è stata e continua a esse­re una colpa senza attenuanti. Circondarsi di collaboratori che non sanno dire di no quan­do c’è da dire di no, è un’aggravante, non una giustificazione perché un grande capo la pri­ma cosa che deve saper fare è quella di saper scegliere i suoi collaboratori a costo di sentir­si dire di no. Ah, dimenticavamo. E’ appena arrivato Gian Paolo Montali, l’ottimizzatore. In attesa di fatti, sospendiamo il giudizio.
    Gli infortuni
    Infermeria piena recuperi lunghi e tanti misteri Caso irrisolvibile? L’ultima volta dell’in­fermeria giallorossa vuota, si perde nella notte dei tempi. E’ da qualche an­no che ieri Spalletti, oggi Ra­nieri hanno dovuto fare i conti con una serie di infortuni, ricadute, misteri che hanno pochi precedenti. In un anno e mezzo sono stati cam­biati tre responsabili dello staff me­dico senza di fatto risolvere il proble­ma. Prima il licenziamento di Mario Brozzi, poi l’addio a Stefano Del Si­gnore ( entrambi hanno portato la so­cietà in tribunale), ma il risultato è rimasto che il problema infortuni è sempre lì, una costante con cui fare i conti settimana dopo settimana. Per carità, il calcio di oggi al ritmo di tre partite a settimana, sta creando una serie di problematiche di difficile so­luzione, ci sono altri club come Ju­ventus e Milan che hanno avuto mol­ti infortunati in questi ultimi anni, ma a Trigoria quello che non si riesce a risolvere sono i tempi dei recuperi, le ricadute, i tempi delle diagnosi co­me per esempio sul problema di Do­ni lo scorso anno o, anche, sui guai al crociato di Cicinho. La società ha provato a risolvere il problema, ma i risultati non si sono visti. Eppure c’è un nuovo staff medico, da Villa Stuart si è passati all’ospedale Gemelli, ci sono nuovi fisioterapisti ingaggiati. Il risultato è stato anche quello che di­versi giocatori hanno preferito anda­re a curarsi da qualche altra parte. E sono stati proprio i giocatori a far ca­pire alla società che certe scelte era­no state sbagliate.

    Rispondi
  74. Mandiamo migliaia di fax ad Unicredit, l’interlocutore e’ quello, non Rosella, che ha gia’ detto in tutte le salse che vuole restare al comando, sebbene Totti e De Rossi piu’ volte hanno riportato la frase “se arriva qualcuno con tanti soldi…”, ecc. ecc.
    Solo chi deve rientrare di 400M di euro puo’ fare qualcosa, c’e’ questo debito della fam. Sensi che e’ l’unica certezza che abbiamo e che e’ il fardello che non si sa quanto ci porteremo appresso. E se a Gennaio vendera’ De Rossi?

    Rispondi
  75. CLO, allora cosi si deve fare? Pagare abbonamenti allo stadio e a Sky, comprare azioni Roma che in mesi non valgono nulla, e poi dire anche grazie ai Sensi!?
    I Sensi non vendono per le contestazioni, ma se si crea un ambiente chiaramente ostile si manda un messaggio chiaro a banche, possibili compratori e alla politica. Non trascuriamo questo.

    Rispondi
  76. Non c’e’ nulla di male ad andare allo stadio…ma e’ necessario farsi sentire sistematicamente allo stadio contro questa dirigenza…si tifi la squadra, ma si contesti la dirigenza…chi non fa questo fa il male della Roma

    Rispondi
  77. [quote comment=”119174″]Vicini? quello che è successo ieri è solo l’inizio l’ha voluto quella b.astarda ed ora vediamo quanto resiste domani stadio vuoto chi va per me è nemico della AS Roma[/quote]

    nn concordo il fatto ke ki dmn va allo stadio è nemico della AS ROMA….

    Rispondi
  78. Quando c’e’ da prendere, la famiglia e’ fatta dalla vecchia signora Sensi e dalle parassite delle sue figlie. Quando c’e’ da dare, i tifosi sono la famiglia della Roma. D’accordo, la famiglia dei tifosi e’ ancora disposta a dare ad un patto: che i Sensi si azzerino gli stipendi e diano mandato ad una banca di investimento a vendere la Roma. Non ci prendete per fessi!!

    Rispondi
  79. Bravo 82, hai centrato il punto: qui si chiede tutto ai tifosi (soldi, soprattutto, da parte di Rosy) ed in cambio non si ha una societa’ seria e che comunica con i tifosi stessi, una squadra che ce la metta tutta per vincere (poi se si perde ci puo’ stare, ma giocare bene 20 minuti a partita non e’ accettabile), un mercato di rafforzamento adeguato, papocchi fatti con l’allenatore (perche’ se se ne va dopo 2 giornate e’ colpa sempre della societa’), insomma, Ranieri e’ chiaro che non possa dire altro, pero’ se e’ come e’ un tifoso anche lui sa cosa vuol dire essere scojionati come siamo noi ora…

    Rispondi
  80. non sono d’accordo sul fatto di tifare e urlare sempre e sui tifosi ci devono stare vicini.ovviamente non lanciare bombe, non sono d’accordo sopratttutto sul fatto che lo dica lui e che dica che sono esasperati quanto noi.lui dovrebbe dire che i tifosi vogliono le vittorie e noi cercheremo di vincere per portarli allo stadio. se lui se ne esce che sarà un anno pieno di delusioni come può pretendere che i tifosi gli stanno vicini? lui non è esasperato quanto noi. noi non guadagnamo milioni di euro per tifare, noi facciamo sacrifici per una passione.l’abbonamento a Sky costa. l’abbonamento allo stadio costa.ci facessero entrare gratis se vogliono l’appoggio. ci facessero sentire per una volta importanti con i fatti e non con le frasi di circostanza. se mi prometti un anno di delusioni io allo stadio che ci vado afare????

    Rispondi
  81. Vicini? quello che è successo ieri è solo l’inizio l’ha voluto quella b.astarda ed ora vediamo quanto resiste domani stadio vuoto chi va per me è nemico della AS Roma

    Rispondi
  82. c’è qualcosa che non quadra. Okaka è una pippa e Barrusso uno su cui puntare? meno male che la squadra è ancora di Spalletti pensa se era la sua ci troviamo Barrusso Faty centrali di centrocampo

    Rispondi
  83. [quote comment=”119167″]appunto Ranieri doveva tojerlo Vucinic e poi Okaka è trp giovane a 16 anni trp giovane a 17 trp giovane a 19 e trp giovane a 20 e qnd ke lo utilizzeremo a 32??[/quote]
    perchè gli torna male dire che è una pippa se era balotelli lo schierava

    Rispondi
  84. appunto Ranieri doveva tojerlo Vucinic e poi Okaka è trp giovane a 16 anni trp giovane a 17 trp giovane a 19 e trp giovane a 20 e qnd ke lo utilizzeremo a 32??

    Rispondi

Lascia un commento