James Pallotta commenta la vittoria della Roma


James Pallotta, presidente della Roma, ha parlato a Centro Suono Sport per commentare la vittoria della Roma nel derby. Ecco le sue parole:

SUL DERBY

“Sono molto contento per i giocatori, per Rudi garcia e per Walter. Noi possiamo fare bene”.

SULL’ARABO PRESENTE ALLO STADIO CON IL PRESIDENTE

“Era solo un mio amico londinese, non era arabo ma era indiano”.

SULLO STADIO

“Stiamo andando avanti, ci stiamo lavorando”.

SULLE PAROLE DI FIORENTINO

“Su quanto ha detto Fiorerentino i media hanno fatto disinformazione, non ha mai detto che è difficile costruire lo stadio”.

SUGLI OBIETTIVI DELLA ROMA

“E’ una grande squadra, deve competere al top, non ho cambiato idea”.

Photo Credits | Getty Images


LEGGI ANCHE  Come potrebbe giocare Dybala con la maglia della Roma

51 commenti su “James Pallotta commenta la vittoria della Roma”

  1. apollo ha detto:

    @lupogio:
    Tutti sti assit.
    Strano che ci abbiano alzato la coppa in faccia e si sia arrivarti settimi.

    sei noioso, vai a commentare su siti di laziali. ti dico questo perché con loro di sicuro ti troverai bene. ragioni come loro 👿 🙄 😯

    Rispondi
  2. johnnywalker ha detto:

    @apollo:
    fermo restando che deve rientrare DESTRO
    fermo restando che le partite le vince il centrocampo
    i campionati la difesa….e non solo in italia….il saldo…
    spiegamo come fa la ROMA AD AVER FATTO 10 GOL E SUBITO 1
    l’attacco come la difesa sono concetti TOTALI…
    E QUANDO HAI GIOCATORI E SOLUZIONI NOTEVOLI ….SEI CAPACE DI SEGNARE E FAR SEGNARE QUALUNQUE INTERPRETE….
    IERI ENNESIMO GOL DIVERSO….E ANCORA NON INQUADRIAMO BENE I CALCI D’ANGOLO…
    ieri sul gol erano saltati in due sfiorando di poco il gol…
    caro apollo….NON DIAMO PUNTI DI RIFERIMENTO
    ma cio’ non vuol dire che non gradisco un goleador….VEDREMO
    MA USCIAMO DA CERTI STEREOTIPI
    LA ROMA SA IL FATTO SUO ORA
    NON ANDRA’ SEMPRE DI LUSSO….O FORSE SI…L’IMPORTANTE E’ ESSER SOLIDI….

    va bene l’entusiasmo però piano, non famo i solini sboroni che poi perdono contatto con la realtà. Apollo ha ragione, l’attacco non va, ma scusate ve lo siete dimenticati che nel primo tempo non si è mai tirato e che non saeendo a chi darla la lanciavano alla cieca in area?. Certo adesso va di moda dire che non diamo punti di riferimento ma non è vero. Nel primo tempo i passaggi erano sterili, hai segnato un goal su assist in mezzo di totti ( con un terzino che swe trovava la pe sbajo e l’altro grazie alla giocata individuale di ljaicic. Non dare punti di riferimento in attacco era quello che faceva spalletti con tutti che facevano movimento senza palla. A me pare che siamo ancora lontani ma tanto voi ve gasate, de rossi e totti se gasano e mercoledì piamo la sveja, già lo so.

    Rispondi
    • @stirperomanista:

      c’è annata bene fino adesso, hai incontrato squadre non abbastanza forti da mettere abbastanza a nudo i tuoi difetti comunque quel possesso palla che facevamo era sterile, la lazio ci teneva bene e non avanzavamo dalla nostra posizione di campo. IN attacco non sapevamo a chi cazzo passalla

      Rispondi
  3. 😆 😆 😆 😆 😆
    ave2012 ha detto:

    …Benatia è granito è na’ roccia è “the wall”
    …Strootman è un carro armato te schiaccia
    …Maicon è il terrore……nun lo chiama’ mai pelato, passeresti dieci dozzine di brutti quarti d’ora!

    Rispondi
  4. … ” il mio nome è il simbolo della tua eterna sconfitta “…da tradurre in tutte lingue, far capire il suo significato e portarla in ogni angolo del pianeta

    …la più grande frase pronunciata……” dall’inizio della notte dei tempi! ”

    …AS ROMA!

    Rispondi
    • @ave2012:

      Spero possa andar bene. A parte l’inglese e il finlandese per il resto ho usato il traduttore di Google. 😛 😛 😛 😛

      ” il mio nome è il simbolo della tua eterna sconfitta “

      latino= signum est nomen meum in sempiternum cladis

      inglese= My name is the symbol of your eternal defeat

      tedesco= Mein Name ist das Symbol der ewigen Ihre Niederlage

      spagnolo= Mi nombre es el símbolo de su derrota eterna

      portoghese= Meu nome é o símbolo de sua derrota eterna

      francese= Mon nom est le symbole de votre défaite éternelle

      svedese= Mitt namn är en symbol för din eviga nederlag

      finlandese= Nimeni on symboli ikuisen tappion

      russo= Меня зовут символ вашей вечной поражение

      Rispondi
  5. ” l’attacco è debole per questo sblocchiamo nel secondo tempo” io sinceramente al nesso logico di questa frase non ci arrivo, chi mi aiuta? ahaha

    Rispondi
  6. …Benatia è granito è na’ roccia è “the wall”

    …Strootman è un carro armato te schiaccia

    …Maicon è il terrore……nun lo chiama’ mai pelato, passeresti dieci dozzine di brutti quarti d’ora!

    Rispondi
  7. … “con Osvaldo si sarebbe andati molto lontani. Peccato”

    …Osvaldo è un rompicoglioni e una pippa…..anzi è na’ pippa rompicojoni!…mai cessione fu più benedetta…er Johnny Deep sta bene dove sta!

    …ROMA LAZZIE 2-0…Forza La Magica!

    Rispondi
  8. SE VOLETE VEDERE IL GESTO DI DE ROSSI, SU YOU TUBE DIGITATE “Gesto inequivocabile di De Rossi dopo l’annullamento del gol di Klose ” buona visione….. 😀 😀 😀

    Rispondi
  9. In ogni caso c’è un fatto.

    Portiere difesa e attaco sono da scudetto.

    L’attacco presenta difficoltà.

    Eccco perchè sblocchiamo nel secondo tempo.

    L’attacco è debole.

    Tanto gioco e poche conclusioni, rispetto alla quantità del gioco.

    Finora è andata bene ma pure è stupido fare finta di niente.

    Florenzi non va.

    E’ un buon panchinaro ma nioente di più.

    manca il centravanti.

    Borriello per me va più che bene.

    ma se i prende a gennaio uno buono non sarebbe male.

    Rispondi
      • @LorySan:se il presente è il futuro del passato, gli scudetti degli ultimi anni di milan e juve sono stati vinti con nocerino e pepe…florenzi farà il suo! 😉

    • @apollo:

      fermo restando che deve rientrare DESTRO

      fermo restando che le partite le vince il centrocampo
      i campionati la difesa….e non solo in italia….il saldo…

      spiegamo come fa la ROMA AD AVER FATTO 10 GOL E SUBITO 1

      l’attacco come la difesa sono concetti TOTALI…
      E QUANDO HAI GIOCATORI E SOLUZIONI NOTEVOLI ….SEI CAPACE DI SEGNARE E FAR SEGNARE QUALUNQUE INTERPRETE….

      IERI ENNESIMO GOL DIVERSO….E ANCORA NON INQUADRIAMO BENE I CALCI D’ANGOLO…
      ieri sul gol erano saltati in due sfiorando di poco il gol…

      caro apollo….NON DIAMO PUNTI DI RIFERIMENTO

      ma cio’ non vuol dire che non gradisco un goleador….VEDREMO

      MA USCIAMO DA CERTI STEREOTIPI

      LA ROMA SA IL FATTO SUO ORA
      NON ANDRA’ SEMPRE DI LUSSO….O FORSE SI…L’IMPORTANTE E’ ESSER SOLIDI….

      Rispondi
  10. non sono daccordo con niente di quello che hai detto…osvaldo? non ci sarà mai la controprova se saremmo stati più o meno forti, più o meno coesi…allenatori con i dogmi e non? lasciamo stare.cerca di fare una lista di allenatori che ritieni avere un “dogma” e chi invece no e vedrai che non c’è “la formula esatta”!

    Rispondi
    • @santi bailor (invettive, sfoghi ed altro…sempre calcisticamente parlando!): volevo rispondere ad apollo.. sorry!

      Rispondi
    • @santi bailor (invettive, sfoghi ed altro…sempre calcisticamente parlando!):

      E chi dice di no?

      Però il dubbio viene.

      Dopo vucinic il dubbio viene.

      Rispondi
      • @apollo: te dò na chicca …………..TOTTI 5 assist palle gol 2 sulla capoccia di DDR 2 a BALZARETTI ( gol ) 1 a gervinho che non l ha messa dentro……………..te basta ?……….poi pensela come te pare io sono come sky : liberi di.

      • @apollo: sei de na tristezza ………..la coppa in faccia 😯 hai vinto il derby e te abbassi a tanto……………ma perlamadonna vatte a fa na doccia gelata e salutame formello ………..Sò 2 SETTIMANE CHE NON SCRIVIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII 😈

      • @apollo:

        Pensavo ti riferissi a Osvaldo.

        Quanto a Garcia è il più italiano delgi allenatori.

        Essere una squadra fissa con gli schemi fissi è più semplice ma da più punti di riferimento.

        Essere variabili significa lavorare molto, non fare errori ma si può puntare in alto.

        In ogni caso la partita perfetta deve finire 0 a 0.

        In Italia si vincono gli scudetti non facendo più goal degli altri, ma prendendone di meno degli altri.

        Basta guardare gli annali.

        Difendere bene anche in presing ti permette di attaccare anche bene.

        Ma prima la difesa.

  11. Di tutti gli allenatori che sono arrivati in Italia dall’estero negli ultimi anni, è tecnicamente il più affascinante proprio perché non vive di dogmi come poteva fare proprio Luis Enrique. Si adatta, si modella, si plasma: facciamo il nostro gioco, sì. Ma il nostro gioco non può essere sempre uguale perché di fronte c’è sempre una squadra diversa. E’ la forza dell’ovvio che nel pallone diventa novità. Perché per una vita intera siamo stati bombarbati dalle frasi degli allenatori di ogni ordine, grado e intelligenza che hanno ripetuto quella frase come se fosse una certezza universale: “Non importa chi ci sta di fronte, conta soltanto come giochiamo noi”. Garcia smonta questa balla con la semplicità di un libretto d’istruzioni: “Vinci solo se adatti il tuo modo di giocare agli avversari”. Per questo Pjani´c. Perché è la variabile. Può giocare ovunque, in ogni ruolo del centrocampo e in ogni zona che fa sta in sù o in giù della trequarti. E’ l’Hazard della Roma. Cioè il giocatore che meglio ha rappresentato la filosofia pallonara di Garcia. Era un talento acerbo, a Lille. Aveva 19 anni e una sacco di incertezze: grandi mezzi e poca convinzione, splendide giocate quasi sempre inutili. Garcia lo mise al centro della sua idea di gioco, tra le linee di centrocampo e attacco, un po’ più avanzato o più arretrato, un po’ più a destra o un po’ più a sinistra. Ovunque servisse c’era uno con due piedi giusti e un’idea di calcio in testa. Diventò un fenomeno: 12 gol e 10 assist da centrocampista. Era il 2011: quel giocatore e quella soluzione portarono il Lille a vincere scudetto e coppa di Francia. Con tutto il resto, sì. Però quella fu la mossa diversa, giusta, decisiva.

    Con Osvaldo si sarebbe andati molto lontano.

    Peccato.

    Rispondi
    • @apollo:
      onestamente non rimpiango osvaldo. vediamo in inghilterra quanto segnerà…
      cmq osvaldo avrebbe dirottato totti sulla fascia che è improponibile . meglio al centro dell’attacco con due esterni che corrono

      Rispondi
      • @aleste85: quoto 😉 e poi lasciamo perde i partenti con i se e con i ma , la ROMA di GARCIA è questa , l ha voluta e l ha plasmata ……………..avanti così.

      • @lupogio: dimenticavo GRAZIE PALLOTTA PER LE DECISIONI PRESE 😉 poi a portà jella allo stadio mica era lui ma di benedetto……..anno scorso ROMA bilan 4-2 PALLOTTA presente.

      • @lupogio:

        Non voleva la cessione di Osvaldo.

        Mando persino a quel paese la tifoseria per difenderlo.

        E’ un fatto.

    • @apollo:
      con Osvaldo si sarebbe andati molto lontano?
      Mah. Sarebbe stata una Roma sbilanciata e con un coglione che avrebbe perso più tempo a pettinarsi che a rincorrere la palla.

      e sul resto concordo

      Rispondi
      • @Oblomov: concordo, osvaldo si era montato la testa, si credeva sto cristo sceso in terra, ma era un giocator enormale, come borriello insomma.

    • @apollo: bell’ “articolo ” se cosi si puo chiamare 😉 cmq, il fatto di osvaldo è un fatto da dimenticare, perche la sua presenza faceva del male al gioco, facendo mettere totti sulla fascia che era improponibile e garcia lo ha capito, perche è intelligente e lo ha messo in mezzo.
      Garcia è prima di tutto un motivatore, come lo è mourinho, incita la squadra e la fa riflettere sugli errori commessi, riesce ha unire la squadra, come nn ci era riuscito zeman perche troppo cocciuto e duro di comprendonio, mentre garcia aperto, è riuscito ad ” amalgamare” tutti i giocatori formando un gruppo, una famiglia.
      Logicamente, al primo riscultato negativo, non bisognera buttarsi ancora giu, ma impaare dagli errori commessi, e andare avanti, e credo che quest garcia lo sa.

      Rispondi
    • @apollo:

      Probabilmente è un giocatore finito.

      O forse farà una carriera alla vicinic.
      Cosa difficilissima.

      Però tutti dico tutti, il dubbio lo avete.

      Cosa sarbbe stato se le cose non fossero andate come sono andate e se le questioni extracalcistiche fossero state accantonate come deve essere sempre.
      perchè non mi potete dire che balotelli, di cui tutti sanno, lo mandi perchè è una testa di cazzo, e per rimanere in tema, mandi anche Maradona perchè mostra in televisione il pisello di di pelè.

      Separi l’uomo dal calciatore.

      Comunque spero in una annata da champions e l’anno prossimo si fa una campagna acquisti come si deve.

      Ma già a gennaio prevedo un colpo colossale.

      Sicuramente una punta.

      E non mi venite a dire che non si piò perchè altrimenti totti deve giocare esterno ed è una frana.
      Questi non sono ragionamenti da grande squadra.

      Non puoi rifiutare ronaldo o messi per non mettere totti i difficoltà.

      Fai quello che devi fare e accade quello che deve accadere.

      Rispondi

Lascia un commento