Il contropiede di Rosella Sensi

Non possiamo permetterci di comprare Henry con un blitz da 24 milioni, o di sognare Eto’o o Drogba, ma la Roma sta ridiventando, giorno dopo giorno, una grande società. Non intendo suonare la fanfara. Se grande vuol dire avere un budget di spesa illimitato (ma spesso immorale, visti i falsi in bilancio recentemente scoperti), una comunicazione con i tifosi accettabile ed un marketing in grado di far lievitare i ricavi ad un livello degno per una piazza come questa, siamo molto indietro.
Ma se grande vuol dire una società avveduta e rispettata, siamo già a buon punto. La gestione del caso Chivu fin qui è stata esemplare. Quindici giorni fa, per tutti i giornali d’Italia, tranne questo, la Roma era all’angolo: Chivu aveva respinto la proposta di rinnovare il contratto ad un ingaggio pari a quello di Mexes, aveva già firmato un accordo con l’Inter ad una cifra pazzesca, e l’Inter aspettava che la Sensi gli consegnasse il giocatore su un piatto d’argento altrimenti avremmo perso Pizarro. Era tutto scritto. E invece la Roma è stata capace di non subire il ricatto interista, di accordarsi per Pizarro ottenendo un forte sconto e di rinviare a luglio la discussione su Chivu. Nel frattempo è arrivato il Barcellona, anzi, è piombato a Villa Pacelli: chi legge questo giornale lo sa da almeno una settimana di un forte interesse del club catalano, gli altri lo hanno scoperto ieri. Capita.
Quello che conta è che oggi è la Roma a fare la partita, a decidere dove andrà Chivu con la prospettiva di incassare molti più soldi. Intanto il messaggio mandato al mondo del calcio è chiaro: questa Roma, non si fa prendere per il collo da nessuno. Come ai tempi di Franco Sensi.

LEGGI ANCHE  Tutti gli ultimi aggiornamenti su Cristiano Ronaldo alla Roma ad inizio luglio

di Riccardo Luna per ilromanista