Mercato, Sporting Lisbona costretto a vendere i pezzi pregiati

Mercato, Sporting Lisbona costretto a vendere i pezzi pregiati

Buone notizie per la Roma: stando a quanto riporta nuovocalciomercato.com, lo Sporting Lisbona starebbe vivendo una fortissima crisi economica, senza precedenti. Motivo per cui dovrà vendere tutti i giocatori migliori, quelli in grado di far rientrare più soldi possibili. Tra questi, anche l’obiettivo Giallorosso, il neo terzino sinistro dell’Argentina, Marcos Rojo. Una buona occasione per la Roma: Sabatini è in contatto da tempo con l’agente di Rojo.

Photo Credits | Getty Images

LEGGI ANCHE  Guedes è un obiettivo concreto per la Roma di Mourinho

19 pensieri su “Mercato, Sporting Lisbona costretto a vendere i pezzi pregiati

  1. Quale dovrebbe essere la politica e gli obbiettivi della roma per il prossimo anno e in generale per i prossimi 2 o 3 anni….

    -continuare a acquistare prevalentemente giovani di talento col rischio di ottenere dei piazzamenti non importanti in campionato e nelle coppe ma con la possibilità che tali giovani esplodano e il loro valore si elevi notevolmente
    -oppure invece è ora di acquistare prevalentemente giocatori fatti che possano garantire piazzamenti importanti e introiti legati alle coppe
    -infine il giusto mix delle 2 strategie precedenti

    tra le 3 cosa scegliete?tra le 3 quale pensate sia la strategia che verrà adottata e gli obbiettivi che sarà possibile centrare nei prossimi 2 o 3 anni?

    1. @dennisb.:

      Credo possa esser la terza via ovvero il mix delle due strategie, anche se molto dipenderà dall’allenatore. una sorta di mix comunque si era già iniziato l’anno scorso col tentativo di prendere Palacio (poi si prese Destro perchè il giocattolaio folle preferì regalarlo a Moratti), con Balzaretti e Torosidis, magari nomi non roboanti ma che in teoria avrebbero dovuto garantirti una certa sostanza accompagnati poi da giovani come Marcos, Florenzi, Romagnoli che abbiano la possibilità di crescere e soprattutto di giocare!

  2. venderei questi:

    stekelenburg
    goicoechea
    julio sergio
    burdisso
    piris
    taddei
    tachtsidis
    perrotta
    marquinho
    osvaldo

    borriello
    brighi
    curci
    josè angel
    d’alessandro
    scardina
    sini
    leonardi
    proietti gaffi
    viscontini
    sabelli
    barba
    viviani
    nego
    frascatore
    ciciretti
    crescenzi
    mladen
    tallo
    caprari
    bertolacci
    piscitella

    verre ( in prestito )
    politano ( in prestito )
    n. lopez ( in prestito )
    stoian ( in prestito )

    da valutare:

    de rossi
    pjanic

    1. Mi sorprendo che non hai venduto anche i massaggiatori. lo staff medico. i magazzinieri e la curva sud…
      Vuoi una rivoluzione totale…. 😛
      Io sono dell’idea che quest’anno (sperando che questa stagione la finiamo in maniera dignitosa) faremo scelte oculate….meno quantità e più qualità….scelte mirate dove veramente abbiamo lacune….

      1. @giallorosso73:
        ma scusate che ce li teniamo a fare tutti questi mezzi giocatori?!?!?!?!?

      2. @Symon0:

        alcuni potrebbero risultare utili (come Florenzi) altri invece in scambi o come contropartite… ora come ora se li cedi in blocco al massimo ci fai i soldi per prenderti Legrottaglie!

      3. Il discorso non è tanto non volerli vendere…. ma che in un mercato come questo è impossibile vendere in una sola sessione oltre 20 giocatori….credo che ne abbiamo già avuto dimostrazione… Molti hanno ingaggi che non utte possono permettersi….e poi…cambiare deve esser fatto x migliorare…..
        Prendo l’esempio di Stek… con onestà anche a me non ha pienamente convinto… mi sembra un portiere che non fa errori grossolani(vedi Goigo), che ha buoni fondamentali ed esperienza…ma che certo non fa i miracoli…
        Però dico…ma siete sicuri che Rafael,Cassio, o altri siano meglio???
        Io dico che non sempre in sudamerica riescono colpi veri….
        Mgaro ogni tanto pescare dal nostro campionato sulla carta offrirebbe maggiori garanzie..

    2. sono d’accordo con te Symon…
      cedendo quei giocatori oltre a guadagnarci qualcosa con la vendita, risparmieremo molto sugli ingaggi..
      Vabbè tieni presente che:
      – Goicoecea e Piris non sono nostri e probabilmente non verranno riscattati;
      – Perrotta gli scade il contratto
      – Taddei e Julio Sergio sono impossibili da piazzare, hanno un altro anno di contratto e non credo li voglia nessuno nemmeno in prestito con parziale pagamento dell’ingaggio.

    3. Concordo Quasi su tutto. Di molti dei giovani si è già capito che, più o meno bravi, non sono da Roma, sicché se capita l’occasione ne approfitterei per fare cassa e toglierli dal libro paga. Dal tuo elenco toglierei solo Viviani e Frascatore che darei in prestito -magari con il solito diritto di riscatto della metà per invogliarne l’utilizzo – dove ci danno garanzie di farli giocare. Ma se arrivano ottime offerte,possono partire anche loro.
      Per quelli già quest’anno nella rosa sono perfettamente d’accordo con un precisazione. Osvaldo lo venderei solo ad un congruo prezzo e solo perché non è compatibile con Destro, non per problemi caratteriali o altre cose di scarsa rilevanza.
      Pjanic lo terrei ma poiché non rinnova saremo costretti a cederlo.
      DDR lo venderei eccome, il problema è trovare un acquirente disposto a pagare molto per il cartellino di un trentenne ed a riconoscergli un ingaggio principesco fino al 2018.
      Alcuni lasciti dell’era Zozzella dal l’ingaggio pesante come Julio Sergio, Taddei, Brighi e Borriello ci resteranno sul groppone salvo che non paghiamo profumatamente per rescindere.@Symon0:

      1. Infine Stek lo venderei se si trova un’alternativa migliore, per andare di male in peggio me lo tengo che comunque tra i pali è forte e qualche errore di quest’anno non cambia questo dato di fatto. Per tutti è comunque una questione di prezzo. Ad esempio Caprari e Bertolacci hanno già dimostrato di poter giocare in A e di poter essere utili alla causa. Se vengono pagati il giusto o utilizzati per arrivare ad altri giocatori ok, altrimenti me li terrei.@derossimaancheno:

  3. ecco la lista aggiornata :mrgreen: dei giocatori che prenderei:

    rafael
    tin jedvaj
    wallace o rafinha o corchia o sakai o cuadrado
    douglas santos o abner
    fernando del gremio o arouca o jean o gary medel
    nikola ninkovic
    leandro paredes o leandro moura o osvaldo filho
    nicolas castillo

    1. Quindi ricapitolando…..3/4minorenni…. 7/8 extracomunitari…..una decina di pure scommesse dal nome esotico che con due finte…vengono venduti a decine di ml di euro…
      I pareri sono rispettabili….ma mi sembra chiaro a tutti dove sono le lacune di questa rosa….(nelle ultime due stagioni escluse le neo promosse…peggior difesa della serie A, e centrocampo quasi mai all’altezza degli uomini schierati)
      Veniamo da due stagione ben al di sotto delle aspettative…per scelte azzardate e scommesse perse al 50%….
      Forse sarebbe il momento di valutare qualche giocatore già maturo…e magari qualcuno che già conosce il nostro campionato..

  4. la crisi mondiale stà attaccando anche lo sport ( il calcio in primis ) e secondo me si rimaneggeranno parecchie cose nel circus………bisogna approfittarne ma finchè ci sono zaar e sceicchi non sò quante possibilità hanno le squadre comuni mortali di fare spese al discaunt……..questi arriveranno sempre con un milione sopra perchè li stracci vanno sempre peraria………..MA TENTARE NON NUOCE.

    1. Il problema è che il campionato italiano è ormai una serie di terza categoria rispetto agli altri campionati europei

  5. rojo sarebbe perfetto in una difesa a tre di mazzarri!!
    ed io come nome ci aggiungo anche rui patricio!!!!!

  6. ma magari….una spesa si può fare anche qui…..non male dato che ci sono almeno un paio di giocatori che con pochi spiccioli(vedasi il Villareal che nella retrocessione ha dato tutti i migliori a poco prezzo,di cui PORCAVALERO che mi piace tantissimo e sta facendo la differenza nella Viola!)si potrebbero prendere….vediamo e attendiamo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.