Pepe: “Roma? Un pò mi manca”


Simone Pepe dopo l’ennesima prova disputata con la maglia azzurra, a Radio Incontro parla del suo presente all’Udinese ma non dimentica i suoi trascorsi da romanista. Pepe a Radio Incontro parla del suo momento importante vissuto tra Udine e nazionale, ma ricorda con un pizzico di nostalgia il suo passato giallorosso. "Devo dire grazie alla Roma per la mia formazione e soprattutto all’Udinese che mi fa’ giocare in serie A. La nazionale? C’e’ stato un siparietto carino con De Rossi quando ci siamo rivisti in nazionale. Daniele mi ha detto: ”Se correvi cosi’ veloce quando giocavamo insieme vincevamo cinque scudetti a livello giovanile”. Ad ogni giocatore fa piacere essere accostato a grandi squadre come la Roma, il direttore Leonardi sa la mia situazione e a fine stagione si vedrà cosa fare, ma io sono contento di essere e rimanere a Udine. Non faccio programmi futuri sono un ragazzo che vive molto alla giornata e adesso penso solo all’Inter poi tra qui ad un anno non posso pensare al mondiale del 2010, ma e’ normale che essendo ormai nel giro della Nazionale un pensierino al Sudafrica lo faccio; sono rimasto stupito anche io di come mi sono ambientato nel gruppo azzurro. Per quanto riguarda le mie prestazioni nel club questa e’ la dimostrazione che l’Udinese sta facendo bene, è ovvio che mi manchino la famiglia e Roma".


LEGGI ANCHE  L'agente di Siebert avvicina il giocatore alla Roma

8 commenti su “Pepe: “Roma? Un pò mi manca””

  1. Io lo prenderei.. per alternarsi con Taddei (ha le stesse caratteristiche, solo meno tecnica e più fiato)…
    renderebbe di certo più di Menez…

    Rispondi
  2. [quote comment=”49787″]Ma come fa uno come Pepe ad essere nel giro della Nazionale??? Veramente non me lo spiego… cosa ha fatto di tanto speciale da meritarsi la chiamata azzurra??? Incredibile… i prossimi chi saranno, Barillà e Del Grosso??? Ma dai…![/quote]
    magari pure Rocchi

    Rispondi
  3. Ma come fa uno come Pepe ad essere nel giro della Nazionale??? Veramente non me lo spiego… cosa ha fatto di tanto speciale da meritarsi la chiamata azzurra??? Incredibile… i prossimi chi saranno, Barillà e Del Grosso??? Ma dai…!

    Rispondi

Lascia un commento