Aquilani: “Un lungo calvario, il mio futuro è la Roma”

Alberto Aquilani parla del suo ennesimo stop, un infortunio patito alla caviglia, rivelatosi più lungo del previsto. Aquilani, ancora una volta costretto ad una lunga pausa, racconta a Rai 2, intervista che andrà in onda alle 18, nel corso della giornata dedicata alla solidarietà per i malati di midollo osseo, il suo periodo che dura da più di una stagione. Lo sfortunato Aquilani con la Roma da tre anni è stato martoriato spesso da tantissimi infortuni.
Stai vivendo un calvario in questa stagione. Pensavi in un rientro imminente invece no.
“Purtroppo il calvario non è solo da un anno, ma da più tempo. Sono andato incontro a qualche infortunio di troppo. L’ultima è una distorsione a una caviglia: all’inizio sembrava una cosa banale, che con un paio di settimane avrei risolto. Ma, forse anche per colpa mia che ci ho giocato sopra, adesso è quasi un mese e mezzo dall’incidente e non sono guarito. Ho un’infiammazione ai legamenti della caviglia. L’unica terapia che mi hanno dato è stare fermo e non caricarla, perché altrimenti non passa più, anzi peggiora. Purtroppo è così, non ci sono altre motivazioni. Non voglio piangermi addosso, questa è la realtà, devo guardare avanti e sperare che una volta guarito finiscano anche gli infortuni”.
C’è il rischio di un intervento chirurgico?
“No. Inzialmente mi era stata data anche questa possibilità con un’atroscopia. Però poi è stato tutto scongiurato. Serve una terapia conservatrice, cioè quella che sto facendo”.
In questo periodo di poca serenità fisica hai anche il contratto di mezzo. Tu però sei ottimista? Pensi che si risolverà in breve tempo?
“Ho sempre detto che il contratto non era per me un grande problema perché sono tranquillo e sicuro. Sono sicuro delle mie potenzialità e il contratto verrà da sé. Mi premeva e stavo male perché non potevo giocare e non potevo dimostare il mio valore. Quello è sempre stato il mio vero problema. L’ho già detto e lo ribadisco: con la Roma ho un ottimo rapporto, che va avanti da sempre e quindi non è un problema. Siamo assolutamente d’accordo da diverso tempo, tra poco verrà ufficializzato come già ho detto”.

Condividi l'articolo:

23 commenti su “Aquilani: “Un lungo calvario, il mio futuro è la Roma””

  1. uhmmmm state negando calciopoli per caso??????una cosa……contro l’inter mexes SI E’ FATTO BUTTARE FUORI???ma le guardi le partite o te le fai raccontare????aquilani diventerà(se gli infortuni smetteranno di perseguitarlo)uno dei più forti centrocampist d’europa……….l’inter e la juve farebbero carte false per averlo……..se non gli aumenti l’ingaggio se ne va nel 2010…mi sembra evidente

    Rispondi
  2. aquilani è forte ma si infortunia sempre, però se riescere a prendere continuità ci può essere di grandissimo aiuto. io per adesso non lo venderei ma per quello che sta facendo è incredibile aumentargli l’ingaggio

    Rispondi
  3. [quote comment=”49788″]perchè non vinciamo????io ho 2 libri uno nero e uno rosso usciti un paio di anni fa che te lo spiegano chiaramente perchè non vinciamo…….ibra sarebbe un campione se giocasse anche contro man,chelsea ecc ecc,gli altri sono dei campionissimi…….[/quote]
    Nel 83 e nel 2001 la Roma in quale libro stava su quello nero o rosso?

    Rispondi
  4. e aquilani è un fenomeno perchè riesce a farsi aumentare lo stipendio dopo 2 anni che non gioca, allora d’alessandro che in 5 minuti a mandato a palline la difesa della juve e fra un po fa gol a budffon secondo il metodo di giudizio di roma è il nuovo maradona

    Rispondi
  5. certo è sempre colpa degli altri, quando prendi un gol da centrocampo da giovinco e da diamanti, quando conytro l’inter mexes si fa buttr fuori , che non contiamo un c***o è risaputo ma anche che siamo dei polli bisogna ammettere perchè occasioni con capello e l’altro anno con spalletti per rivincere uno scudetto le abbiamo avute

    Rispondi
  6. perchè non vinciamo????io ho 2 libri uno nero e uno rosso usciti un paio di anni fa che te lo spiegano chiaramente perchè non vinciamo…….ibra sarebbe un campione se giocasse anche contro man,chelsea ecc ecc,gli altri sono dei campionissimi…….

    Rispondi
  7. [quote comment=”49750″]avete mai sentito lamentele da arte sua????intendo dalla sua bocca e non notizie riportate da appunto riportini o giornali interessati????quelle che ricordo sono le partite dove ha fatto la differenza(dimenticavo il derby)……….questo è un fenomeno……….i fenomeni non si vendono[/quote]
    Fenomeno? Come si fà a definire Aquilani fenomeno…i vari Messi,Ibrahimovic, Kaka,Pato…che cosa sono? Non esageriamo!

    Rispondi
  8. A roma tutti fenomeni ma mi spiegate perchè non vinciamo , gli unici 2 sono Totti e De rossi poi bravi giocatori e aquilani dovrebbe anche lamentarsi uno nelle sue condizioni dovrebbe diminuirsi lo stipendio non aumentarlo e poi quando farà un campionato da protagonista può anche tripicarlo

    Rispondi
  9. Allora non si può dire che Aquilani non sia forte, piuttosto è molto discontinuo per problemi fisici… sinceramente non so che pensare… cederlo non vorrei MAI, ma così non ci è certo di grande aiuto…
    Una gitarella a Lourdes?

    Rispondi
  10. avete mai sentito lamentele da arte sua????intendo dalla sua bocca e non notizie riportate da appunto riportini o giornali interessati????quelle che ricordo sono le partite dove ha fatto la differenza(dimenticavo il derby)……….questo è un fenomeno……….i fenomeni non si vendono

    Rispondi
  11. io mi ricordo anche un tentativo di tacco davanti alla porta a cagliari invece di tirarla dentro gli scudetti si perdono anche così

    Rispondi
  12. [quote comment=”49721″]no poi mi ricordo la rabona a milano contro il milan,mi ricordo la doppietta in supercoppa,le partite con il palermo,il siena………poi non ha più giocato……noi tifosi li cacciamo via tutti…..è stato fatto anche con de rossi…dicevano che da quando aveva rinnovato il contratto non giocava più(se non sbaglio nel 2003)…….e poi quando qualche mezza pippa se ne va si dice che non doveva andare via[/quote]
    88 presenze + quest’anno diciamo una novantina e ti ricordi 4-5 partite.

    Rispondi
  13. Certo che vuole il rinnovo, così se ancora avrà problemi di salute(spero di no) avrà il coltello dalla parte del manico. Se dobbiamo e ripeto se sacrificare qualcuno per fare mercato è meglio lui che un Mexes, però i nostalgici dicono che è romano e romanista….

    Rispondi
  14. e un buon giocatore,ma guardiamo la realta’ fisicamente e debole e quindi e una condanna per noi,ancora non ha dimostrato il suo rendimento e vuole il rinnovo,perche’ non ci da garanzie sulla sua salute e sempre infortunato e pretende solamente es pratico capitan futuro non si e mai lamentato e il campo che ci ha dato la risposta,quindi caro alberto la roma non si discute ma si ama.

    Rispondi
  15. no poi mi ricordo la rabona a milano contro il milan,mi ricordo la doppietta in supercoppa,le partite con il palermo,il siena………poi non ha più giocato……noi tifosi li cacciamo via tutti…..è stato fatto anche con de rossi…dicevano che da quando aveva rinnovato il contratto non giocava più(se non sbaglio nel 2003)…….e poi quando qualche mezza pippa se ne va si dice che non doveva andare via

    Rispondi
  16. [quote comment=”49701″]io parlo tecnicamente……..come giocatore……ricordate la partita a madrid????quello è aquilani……….[/quote]
    Ecco bravo ti ricordi solo quella

    Rispondi
  17. questo lo deve dimostrare e prima di lui ora vengono vucinic, mexes, pizarro brighi ecc.ecc.quando farà un campionato intero si potrà giudicare ora sono tante belle parole non basta essere di roma per considerarsi forte

    Rispondi

Lascia un commento