Genoa-Fiorentina: stabili le condizioni del tifoso

Genoa-Fiorentina ha avuto una coda di cronaca, un tifoso del Genoa è stato investito e trascinato dal pullman della Fiorentina. Sulle cause dell’incidente la magistratura avvierà un indagine, un incidente che poteva provocare una vera e prorpia tragedia fuori dal Marassi di Genova. Le condizioni di Gabriele Amato, 36 anni, il tifoso investito ieri sera all’esterno dello stadio di Genova dal pullman della Fiorentina durante le contestazioni alla squadra viola, restano gravissime ma stabili. L’uomo, ricoverato al reparto rianimazione dell’ospedale San Martino, è stato sottoposto questa mattina alle 5 ad una nuova Tac, che ha confermato l’assenza di lesioni interne, pur in un quadro clinico difficile a causa delle numerose fratture in tutto il corpo. Anche l’esame angiografico, compiuto nella notte, ha dato esito negativo. Al momento i sanitari del nosocomio genovese hanno deciso di non intervenire chirurgicamente per ridurre le fratture, ma un nuovo consulto è previsto per oggi alle ore 12 al fine di valutare la situazione. Per tutta la notte in ospedale sono rimasti i familiari di Amato, insieme a numerosi amici-tifosi rossoblù. Ieri, a tarda sera, al San Martino erano giunti anche l’amministratore delegato ed il direttore generale del Genoa, Alessandro Zarbano e Fabrizio Preziosi, per portare la solidarietà della società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.