Obama in Casa Bianca, inizia la nuova America di Barack

Barack Obama alla Casa Bianca, è il fatto del giorno, gli Usa accolgono il loro nuovo Presidente degli Stati Uniti. Dopo aver reso omaggio a Martin Luther King gli Usa oggi stanno per celebrare un altro evento storico: l’entrata alla Casa Bianca di Barack Obama, primo prsidente afro-americano. Una svolta epocale, Obama, voluto ed acclamato dagli americani succede a George Bush e vuole portare subito la sua grande sensibilità al suo popolo. «Welcome Mr President! Thank you, Mr President!»: così, con questi due enormi striscioni grandi quanto l’intera facciata del Warner Theatre di Washington, la capitale americana si prepara ad accogliere Barack Obama alla Casa Bianca. I due striscioni, su sfondo azzurro, sono stati esposti all’altezza di Pennsylvania Avenue, all’incrocio con l’edifico che ospita il più antico teatro di Washington, il Warner Theatre. La grande parata prevista dopo il giuramento di Obama passerà lì accanto. Obama ha voluto intrecciare l’evento della sua entrata alla Casa Bianca con la cerimonia in ricordo di Martin Luther King, paladino dei diritti civili. "La vita di Martin Luther King fu alservizio degli altri, l’esordio di Obama su Martin Luther King, se vogliamo onorare il suo insegnamento questo deve essere per tutti noi non solo un giorno di pausa e di riflessione ma anche di azione". La formula del giuramento per i presidenti degli Stati Uniti, che Barack Obama pronuncia oggi, è stabilita dall’articolo II, sezione 1 della Costituzione americana ed è un testo di 35 parole nella versione originale in inglese. La formula recita: «Giuro (o affermo) solennemente che adempirò fedelmente all’incarico di Presidente degli Stati Uniti, e preserverò, proteggerò e difenderò, al meglio della mia capacità, la Costituzione degli Stati Uniti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.