A volte i Conti tornano

Conti è un cognome che nella Roma ha fatto la storia, Brunetto, Direttore Tecnico della società cara ai Sensi, ha scritto pagine indelebili ed è entrato di diritto come uomo simbolo della giallorossa per antonomasia. Giorni fa fu protagonista di una diatriba, fatta di comunicati e smentite, sulla vicenda Aquilani, come scritto dal Romanista, autore di un assist, come ne faceva tanti da calciatore, all’Alberto, principino di Montesacro su un suo possibile futuro fuori dalle mura imperiali. Ne nacque un intrigo mediatico, condito di parole su parole trasmesse ad arte e proprio con la virtù della regola dalle eccentriche radio romane che per giorni riempirono interi palinsesti di dichiarazioni autorevoli, di gente comune e di commentatori da "vucciria" del calcio. Aquilani fà notizia e su questo anche se i nubifragi a Roma sembrano diventati una routine, non ci piove. Un suo possibile trasferimento al vento gelido del nord non deve apparire una news di una testata sgangherata ma una reale possibilità che nonostante si percorra la strada della dea deduzione, i fatti sono tali ed i passaggi molto eloquenti con le sperate prese di posizione che lasciano il tempo che trovano, basterebbe che Albertino, emulo di una romanità già economicamente sistemata e con le fasce da capitano già assegnate, dovrebbe suo malgrado interrompere le dicerie, come lui stesso ripete in separata sede, con affermazioni ufficiali, perchè chi vi scrivi o chi vi ascolta da mesi non ha mai sentito il principino dichiarare: "Io amo questa maglia, andrò via solo se la società mi venderà". Credete che possa rovinarsi dichiarando cose che per un romano e romanista siano alla base di tutto, soldi compresi, nessuno vuole fare prezzo, ognuno gioca per se e per portare acqua al proprio mulino, per carità ma certe volte una parola spesa in questa maniera toglierebbe per mesi certi trambusti e creerebbe un interesse particolare al tifoso riguardo al ritorno in campo dello sfortunato calciatore. Vi chiederete e "i Conti che tornano" che c’entrano? Nulla di scandoloso a porsi questa domanda…Conti è Bruno ma Conti è anche Daniele, calciatore nato e cresciuto sulle sponde del tevere, esordiente in giallorosso con tanto di goal sotto la sud che da anni è un uomo squadra del Cagliari di Cellino, un calciatore che in terra sarda ha trovato la sua maturità ed adesso alle soglie della età pesante potrebbe pensare seriamente ad un ritorno alle origini, un viaggio di ritorno che per un tipo come Daniele nelle cui vene scorre sangue ed oro sarebbe come il paradiso all’improvviso. Bruno è chiaro che non metterà mai lingua, nella doppia veste di Direttore ma anche di papà, ma sotto sotto quale genitore romanista doc non vorrebbe vedere il proprio figlio vestire la magica maglia storicamente per lui la seconda pelle.
Il ritorno di Daniele per Bruno padre sarebbe un tocco di assoluta romanità da annoverare nell’ormai collaudato gruppo, mettere tanto amore per questi colori non guasta anzi attira la folla stanca di pianti e lamentele dentro Trigoria o con amici poco affidabili, di mugugni nati per propri interessi, come chi tira il sasso e ritira la mano, siamo certi che Daniele, il Conti, tirerebbe volentieri il sasso ma si assumerebbe senza esitazioni le proprie responsabilità.

Condividi l'articolo:

11 commenti su “A volte i Conti tornano”

  1. Io sinceramente , non credo che Daniele Conti , in una Roma come quella di adesso , trovi spazio…
    Mi piacerebbe anche sapere queste voci da dove provengono, chi le mette in giro ? Sono fondate o soltanto chiacchiere ?

    Pensiamo alla Roma di adesso e non stare sempre a fantasticare..

    Forza Roma

    Rispondi
  2. x me nn sarebbe male se conti tornasse… io conti lo vedo come una specie di brighi… molti anni fuori roma… e poi torna e fa il fenomeno… poi secondo me se tornasse si comporterebbe come brighi… la prima stagione poche partite, e l’anno successivo, ripagherebbe la fiducia data al mister…

    Rispondi
  3. scusate ma quanti anni ha???cmq io so solo che le polemiche sul vendi non vendi di quest’estate ci hanno stabilizzato di brutto…concentriamoci sulla squadra che abbiamo…poi se qualkuno arriva…e se fa bene..che ben venga

    Rispondi
  4. Dimenticavo, Conti,
    a Roma non farebbe la differenza,
    a Cagliari dice la sua.

    Per me fà bene a stare dove stà,
    non basta esser figlio di una Stella Romanista
    per esser felici nella vita,
    e se a Roma dovesse sbagliare e non trovare spazio,
    sarebbe solo una delusione…

    poi, tutto puo’ succedere,
    ma in questo momento abbiamo altro a cui pensare…

    Rispondi
  5. “parole trasmesse ad arte e proprio con la virtù della regola dalle eccentriche radio romane che per giorni riempirono interi palinsesti di dichiarazioni autorevoli, di gente comune e di commentatori da “vucciria” del calcio.”

    adesso che hanno smesso loro continuate voi? e basta…

    siamo 1° nel girone Ch.L.
    ci siamo risollevati,
    la bestia e menez iniziano a dare x la causa,
    abbiamo riscoperto un acquisto meraviglioso (Brighi)
    il capitano è all’80%
    Spalla’ ha ritrovato modulo e serenità,

    Che faccia cio’ che vuole Alberto, decide sa solo,
    nel bene e nel male,
    sà cosa lascia
    e non sa’ cosa trova. ( se’, se ne và)

    Io sono con lui, nel bene e nel male,
    se và via lo rispetto comunque.
    punto.

    Rispondi
  6. io spero vivamente che Daniele Conti torni… un po’ perchè è pur sempre un “Conti” e poi perchè come calciatore sa il fatto suo…
    REDAZIONE DOMANDA IMPORTANTE: il Vs. articolo su Daniele Conti si fonda su supposizioni o c’è qualcosa di serio che vi è pervenuto? Rispondete grazie :3:

    Rispondi
  7. mha secondo me proprio perche bruno lavora cn la roma..daniele nn potra^ mai vestire la maglia giallorossa..
    poi daniele si è bello che sistemato a cagliari..aveva tempo fa..anni fa la possibilita^ di fare il grande salto..ma ha semrpe detto di no….ci credo poco…
    su aquilani ripeto…..SECONDO ME RESTA!!!

    Rispondi

Lascia un commento