La Roma interessata a Tomic del Partizan


La Roma cerca Nemanja Tomic del Partizan Belgrado. Secondo il sito Calciomercatonews.comsia la Roma che la Lazio sono sulle tracce del trequartista serbo. Il calciatore, nato il 21 gennaio del 1988, ha 76 presenze e 14 reti con il club di Belgrado. Il 20 gennaio del 2009 ha firmato un contratto di 5 anni con i bianconeri ed è valutato 8 milioni di euro.

L’ostacolo per il suo arrivo in giallorosso è rappresentato dal passaporto extracomunitario del calciatore. Per poterlo acquistare la Roma si dovrebbe liberare di alcuni posti giocatori extracomunitari.


LEGGI ANCHE  Mourinho pensa ancora a Lindelof per il mercato di gennaio

13 commenti su “La Roma interessata a Tomic del Partizan”

  1. Spero sia solo una voce…. In un momento catastrofico come questo… con una difesa che già al completo era da migliorare e svecchiare… continuiamo a parlare di attaccanti o trequartisti… materialmente non abbiamo terzini… Rosi non sarà mai un fenomeno, ma una buona riserva… Josè angel non sa difendere… non conosce cosa è una diagonale.. Juan tra problemi fisici, affronta un’evidente calo… Heinze per età ha i suoi limiti… Kjear tante doti, ma ancora limiti da limare… il migliore Burdisso si è rotto.. e vedere taddei e perrotta difendere da terzini… lasciando puntualmente solo i due centrali a difendere non è il massimo…(ovviamente ometto cassetti e cicnho che suppongo tra 20/30 giorni andranno via). Però a parte i nomi dei singoli, e le rispettive difficoltà…è proprio la fase difensiva di squadra che è assurda…Credo che i commenti e le considerazioni a seguito siano superflue…a gennaio bisogna intervenire in maniera mirata alzando il livello della retroguardia… e non insistere con nomi esotici…

    Rispondi
  2. Perdonatemi ma sentire che sarebbe in arrivo un altro Tomic dal Partizan mi fa correre i brividi lungo la schiena. Ivan Tomic è uno dei giocatori più scarsi che si è visto a Roma negli ultimi vent’anni. E non è poco!

    Rispondi
  3. NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOo n’altro tomic nun ce lo vojo…me basta quello che c’era anni fa…

    e poi basta cò stì attaccanti giovani da progetto…comprassero ferdinand e lugano e poi vedi come cambia la musica…le grandi squadre si fanno con i grandi campioni affermati e non con le tattiche ed il talento… puntare sulla tattica ed il talento lo fanno solo le squadrette… ma per essere una grande squadra bisogna solo comprare campioni affermati ogni anno… dunque se questo è il progetto della Roma dico solo una cosa:

    AMERICANI GO HOME !!!!!!! 👿

    Rispondi
    • “e poi basta cò stì attaccanti giovani da progetto… le grandi squadre si fanno con i grandi campioni affermati e non con le tattiche ed il talento… puntare sulla tattica ed il talento lo fanno solo le squadrette…”

      hai ragione, vedi l’Udinese, seconda in classifica con campionissimi strapagati in ogni reparto.. stop agli investimenti, la politica del progetto giovani non paga, in italia si deve solo spendere, spendere, spendere.. AMERICANI GO HOME, ROSELLA COME BACK 😯 😯 😯

      Rispondi
      • Lioe, ti do ragione anch’io, asroma1975 esagera, gli americani ci hanno salvato le [email protected] ed è bene ricordarlo, e i giovani di belle speranze e l’aspetto tattico sono importantissimi in un progetto serio, però è anche vero che… tu porti come esempio l’udinese. Ragazzi, giocherà anche bene, ma che [email protected] ha vinto l’Udinese? E soprattutto cosa potrà mai vincere l’Udinese? L’Udinese è una squadra costruita per far fare soldi ai Pozzo. Stop. Valorizzano i giocatori e li vendono. Così non si va da nessuna parte. Anche i campioni sono BASILARI, NECESSARI. La Roma va fatta crescere ora con i talenti per essere completata dai campioni magari la prossima stagione, o quella dopo (dipenderà anche da un’eventuale qualificazione in Champions, ma per quest’anno la vedo male…) . Ora però, vanno bene i giovani talenti ma basta imbottire la squadra di trequartisti e mezze punte. Sono altri i ruoli da coprire!

      • io discorsi in merito agli acquisti non ne farei adesso, solo per il motivo che sono usciti già una decina di nomi di giovani promettenti e tutti gli articoli erano sullo stampo “la Roma vicinissima a” “Sabatini ha le mani su” etc.. quindi aspetto la fine della prossima sessione di calciomercato, non per giudicare, ma per godere di alcuni piccoli gioielli che porterà a Roma il buon Sabatini. Chiaramente mi auguro ci sia qualche difensore, ma non sono io a doverlo dire al buon Walter, è troppo più competente di me in materia, saprà vederlo da solo 😉

        Per quanto riguarda il progetto, l’Udinese secondo me è un buon esempio da cui partire, poi è chiaro che Roma è un’altra cosa, sia come città, sia come numero di appassionati che seguono il calcio e supportano la squadra. Non sono d’accordo sul completare la squadra con campioni “da stipendi alti” per intenderci, perchè (e questa è una convinzione che ho da molti anni) credo fortemente nel concetto di team e poco nelle manie di protagonismo dei singoli.

        Naturalmente mi aspetto da Sabatini, che quelli che oggi sono talenti o giovani promettenti (che hanno firmato per 5 anni), esplodano tra un paio d’anni e le altre squadre saranno costrette ad invidiarci i nostri futuri Campioni

      • Infatti lo vedo l’Udinese è una grande squadra
        ogni anno vince scudetto e champions,
        oltretutto la Roma quando ha vinto il suo
        ultimo scudetto ha preso quella giovane
        promessa di Batistuta pagato due soldi e
        nessuno si aspettava che era così forte, poi
        samuel nessuno lo conosceva, cafù prima giocava in parrocchia, montella lo abbiamo preso dalla serie c in regalo, poi quando abbiamo speso un sacco di soldi per cassano che era veramente una promessa ed aveva talento si è visto come ci è convenuto..
        (non abbiamo vinto più niente e se ne andò
        per due soldi), per quanto riguarda Rossella Sensi fa schifo come gli americani, bastava che faceva qualche grande acquisto e poteva vincere come il padre ma nun c’aveva i
        soldi per farlo, invece qui mi sembra che gli
        americani e la banca vogliono fare i soldi con il pecorino e basta!!!!!

        poi spendere spendere spendere in italia significherebbe riqualificare il calcio, i campioni non ci sono più e lo spettacolo delle partite è indecente, i grandi giocatori
        vanno a giocare all’estero ed il campionato
        italiano fa schifo, gli stadi sono vuoti e le società sono in rosso… il problema è che nel calcio come in tutto in italia si vuole spellare la gente spendendo poco e dando servizi mediocri e spettacoli indecenti…
        ma i nodi purtroppo vengono al pettine!!!

  4. Lo prendono solo per rubarlo alla Lazzie e fare sì che i suoi tifosi frustrati se diano foco… :mrgreen:
    MA CHE CA**O CE NE FACCIAMO DI UN ALTRO TREQUARTISTA,DI 23 ANNI E CHE NON SAPPIAMO NEANCHE COME GIOCA???

    Rispondi

Lascia un commento