Tre gare in sette giorni. Turnover indispensabile.


Luis Enrique lo ha detto chiaramente durante la conferenza stampa di ieri, vigilia della gara con il Palermo e prima di un trittico di gare completate dalle sfide con Genoa e Milan. Il tutto in sette giorni. Tre gare sicuramente non facile, sette giorni di fuoco dai quali per uscirne indenni serviranno le energie di tutti, in poche parole Turnover.
La formazione che oggi pomeriggio alle 15.00 scenderanno in campo per affrontare il Palermo rimane quindi un rebus.
I pochi punti fermi sono un ritrovato Stekelenburg, De Rossi, Pjanic (anche se non al 100%) e Osvaldo.
Ballottaggio per tutti gli altri ruoli del campo.
Centrali di difesa Juan e Burdisso, provati ieri nella rifinitura in vantaggio su Heinze, a destra il favorito è Cassetti e per la fascia sinistra per mancanza di alternative Jose Angel.

In mezzo Gago, Pizarro, Perrotta e Simplicio si giocano due maglie se Pjanic sarà il trequartista. Se invece esordirà dal primo minuto Lamela, Pjanic farà l’intermedio.

In attacco Borini recupera posizioni su Bojan per un posto al fianco di Osvaldo.


LEGGI ANCHE  La Roma è ancora fortemente interessata a Chalobah per gennaio

5 commenti su “Tre gare in sette giorni. Turnover indispensabile.”

Lascia un commento