L’Italia degli orrori


Non sono mai stato accanito per l’Italia, ma vedendo la partita  in Kuwait, dove mi trovo per lavoro, un pò mi sono sentito rappresentato dalla Nazionale Italiana, sarà stata la nostalgia del nostro "Bel Paese" oppure perchè c’era mezza Roma in campo, mi sono alzato in piedi durante l’inno di Mameli. Purtroppo è andata così con un ottimo DE ROSSI ma messo sul banco degli imputati per un rigore parato (bravissimo Cassilas) un AQUILANI ed un PERROTTA spenti, ed un PANUCCI e Camoranesi che si sono meritati appena la  sufficienza ma con tutti gli altri che meritano un bel 4 in pagella, l’Italia Campione del Mondo esce di scena senza mai convincere, senza gioco, senza anima, senza allenatore e senza idee. Comunque la notte è passata beatamente al contrario di quando perde la ROMA che non riesco a dormire, segno che sinceramente me ne frega molto poco, anzi si riposassero bene i 4 cavalieri dell’apocalisse (DE ROSSI, PANUCCI, AQUILANI E PERROTTA n.d.r) perchè li vogliamo in forma per una stagione ancor più bella di quella passata. D’altronde IO AMO l’AS ROMA ed il primo amore è come il primo bacio NON SI SCORDA MAI. 


8 commenti su “L’Italia degli orrori”

  1. sono d’accordo con te,la roma è la roma,ed è l’unico grande amore anche per me..poi vengono la squadra della mia città(taranto) e la nazionale,ma come la magica non c’è nessuno..tant’è vero che + che per l’eliminazione dagli europei,mi dispiace che de rossi abbia sbagliato il rigore,non se lo meritava proprio,spero non stia troppo male per questo,lui è un ragazzo speciale e merita solo cose belle

    Rispondi
  2. Io sono daccordo con “ivan” anche perchè c’è stato Chiellini Superstar che davvero ha fatto un ottimo lavoro, ma anche Cassano è stato veramente fenomenale anche se smarcato da minimo 3 spagnoli… Colui che non si merita nulla è Toni.

    Rispondi
  3. francamente anche io ho dormito bene, a parte il caldo…il concetto è che il primo pensiero va alla ROMA, però in effetti vedere giocare così penosamente una squadra all’europeo non fa proprio piacere. Da un punto di vista di qualità di gioco mi sembra che Spagna, Olanda e Russia abbiano offerto qualcosa di meglio e più interessante di tutte le altre. l’italia giocando con mentalità trapattoniana è davvero indigesta: se lo schema (ma ce n’era uno?) è cross a toni e poco più (e zambrotta ha reso meno che nei mondiali) allora non si può sperare di andare molto lontano. comunque, tutto sommato, ma che ce frega…

    Rispondi
  4. anche io amo l’as roma…più di qualsiasi cosa, ma quando vedo certe cose me se rigira il sangue…me diventa nero…erano delle pecore smarrite in campo..sta a mette i rigoristi e fa uscì aquilani..magari se svejava…ma non è solo colpa de donadoni…il ct deve prende delle scelte, anzi le ha pure cambiate per le pressioni dei media, ma non ci sono i giocatori, sono pecore smarrite in campo…senza Totti non c’è Italia

    Rispondi

Lascia un commento