Mexes, si muove il Siviglia

Rassegna Stampa – Corsport – Si ricomincia. Giusto il tempo di tirare il fiato, prima di ripartire con le voci di mercato. Sarà un crescendo da qui alla riapertura della finesta di gennaio. Con la Roma che, inevitabilmen­te, sarà coinvolta. Perché Ranieri non ha esterni (Behrami). Perché la questione del portiere nella sua totalità non è stata risolta (Doni in uscita, Given in entrata). Perché ci sarà la necessità, anche per una questione di monte ingaggi, di provare a trovare una si stemazione ad alcuni brasiliani con uno stipendio da top player ( Cicinho, Julio Baptista). Il tutto in una situazione in cui i contratti da rinnovare sono stati con­gelati, complice un inizio di stagione ai confini della realtà.

MEXES – Lasciando da parte quello di Claudio Ranieri, del resto tutti hanno garantito che è sufficiente una stretta di mano, il contratto più urgente da affrontare è quello di Philippe Mexes, in scadenza il prossimo trenta giugno, quindi, tra poco più di tre mesi, il giocatore potrebbe essere nella possibilità di trattare e firmare con qualsiasi altro club al mondo. Sul futuro del biondo francese, reduce da una prestazione perlomeno deludente contro il Bologna, c’è una novità. Si chiama Siviglia. Il club spagnolo lo vuole, se possibile e senza pagare troppo, sin dal prossimo gennaio. Di sicuro nella giornata di ieri al telefonino del procuratore del giocatore, è arrivata più di una chiamata dal capoluogo andaluso. Telefonate che avevano l’obiettivo di capire che margine ci fosse per un’eventua le trattativa. Il margine, di fatto, è molto ristretto, non solo perché la Roma a più riprese ha ribadito la volontà di prolungare il contratto di Mexes ( ma vale anco­ra?), ma pure perché il giocatore nel caso decidesse di ritenere conclusa la sua avventura in giallorosso, se non altro perché in questo momento, a rosa completa, non è un titolare, allora probabilmente punterebbe, con tutto il rispetto per il club spagnolo, un po’ più in alto del Siviglia. Milan e Juventus da anni sono sulle sue trac ce e prima di prendere in considerazione l’idea di andare a giocare in un altro paese, Mexes e il suo procuratore percorrerebbero strade più conosciute e prestigiose.

Condividi l'articolo:

7 commenti su “Mexes, si muove il Siviglia”

  1. Quante storie, secondo me sono pure i media e noi stessi che creiamo i casi. Mexes sta dimostrando di essere un campione? è un giocatore da Roma? E’ il fenomeno che tutti dite? Mi sembra che stia confermando sul campo che non vale una ceppa e allora? Adesso la società deve difenderlo non ci sono alternative. Ma alla prima occasione se ne doveva liberare il prima possibile senza diventare ostaggio dei suoi voleri. Nel trattare con sti mercenari devi essere più furbo di loro, sennò non hai speranze.

    Rispondi
  2. Bisogna far giocare Mexes titolare e mandare via a gennaio Burdisso. Ma ci vuole tanto a capirlo mister Ranieri. Ridareci Spalletti.

    Rispondi
    • Scusa Fausto ma, se Burdisso va via allora mi speighi a che è servito prenderlo? tutto sto casino, un estate intera dietro a lui e poi lo vendi a gennaio? mah

      Rispondi
  3. ma se va via mexes il 3 centrale è burdisso jr?
    andamo bene allora!!!ma xkè ranieri nn gli da fiducia e riconquistiamo un signor giocatore ??

    Rispondi
  4. bhe carinoe pure lui! dopo quello che avemo passato co i casini pe pijallo e tutta la pazienza, almeno rinnovasse Rugantino tanto amante della maggica. Io nun ce credo che fa nà cattiveria simile

    Rispondi
    • Io quest’estate ero uno di quelli che voleva mexes via, poi però mi sono lasciato trasportare dal cuore, era attaccato alla maglia e voleva rimettersi in gioco, allora ho pensato va bene magari si riprende è giusto dargli ancora una possibilità, ma poi prestazioni a parte, c’è questa sua titubanza sul rinnovo, quindi ecco siamo tornati alle solite….l’abbiamo perso, ma buona colpa è della nostra società che non è capace a gestire certe situazioni, vedi anche Julio Baptista, vedi i capricci di Ranieri; fatto sta che ora Mexes si ritrova in una scomoda situazione, lì bisognava essere chiari, dirgli ” sì giochi, no non giochi” Mexes non va preso in giro così.

      Rispondi

Lascia un commento