Baptista resta a Roma, rifiutato il Galatasaray


Non c’è niente da fare, Julio Baptista di partire da Trigoria, non ne vuole sapere. Ogni tentativo, l’ultimo nella giornata di ieri, di convincere il brasiliano ad accettare la proposta del Galatasaray è fallito. Il brasiliano non vuole giocare in un campionato, quello turco, che considera “minore”, convinto che prima o poi arriverà un’offerta dalla Premier o dalla Liga, unici due campionati per cui cambierebbe volentieri aria. I dirigenti del club turco hanno fatto il possibile per far cambiare idea al giocatore, mettendo sul piatto un’offerta di 3 milioni netti più eventuali bonus (circa 3,3 milioni, oggi ne percepisce 2,8) per 4 anni. Per la Roma è un brutto colpo, tutti speravano nella nuova linfa che i quasi 6 milioni della vendita avrebbero portato nelle casse giallorosse per sbloccare finalmente il mercato in entrata.


LEGGI ANCHE  In stato avanzato la trattativa che può portare Odriozola alla Roma

16 commenti su “Baptista resta a Roma, rifiutato il Galatasaray”

  1. Come è stato ripetuto un contratto è un contratto. Colpa della società se ha comprato un paracarro. Ora ne paga le conseguenze.
    Baptista non l’abbiamo scoperto noi, si vedeva che non sapeva giocare a pallone.

    Rispondi
  2. E chiaro che ha mercato,magari se lo prendono a zero euro.Perche tutte queste pretententi non le vedo.Sempre forza Roma… 😎

    Rispondi
    • Templare, ti assicuro che l’offerte le ha…il problema è l’ingaggio, altrimenti sarebbe già in una squadra spagnola…

      Rispondi
    • salve dott.Vitale,valutando la peggiore delle ipotesi(Baptista resta)e dato il lungo contratto di Julio come vedrebbe lei una trattativa segreta per un nuovo prestito annuale di Okaka in extremis, dare quindi ancora chances alla bestia?io stravedo per Stefano ma vista la situazione e la sua tenerà età..(cerco soluzioni prima delle polemiche)..del restro il mercato è quasi ok e ci sono anche altri giocatori per far cassa.

      Rispondi
      • Baldo, grazie del “dottore”…mi lusinga. 😳
        Allora…principalmente per Baptista non c’è più posto nel progetto tecnico di Ranieri…anche rimanesse, lo farebbe per giocare molto poco. La Roma ha già parlato con lui e gli ha chiesto di cercarsi un’altra squadra, per il suo bene.
        Per quanto riguarda la sua ricostruzione, sinceramente non vedo possibile uno stravolgimento del genere. Perchè se Ranieri ha intenzione di utilizzare il 4-4-2 ha bisogno di almeno 4 punte…
        Non è impossibile quel che dice, ma se dovessi dare una percentuale: 15%.
        Okaka piace molto a Ranieri…però, come ben saprà, il mercato e i suoi intrecci mutano ogni ora. 😉

  3. Qui secondo me si sta esagerando. E’ assolutamente normale che un giocatore in partenza voglia scegliere la destinazione che più gli piace. Sa di avere mercato, prende tempo. NON e’ bello, ma è normale. Non piace neanche a me, ma lo fanno tutti ormai. Secondo voi dovrebbe accettare qualsiasi offerta arrivi, per far fare mercato alla Roma? 🙂

    Rispondi
  4. Non è ancora finita la campagna acquisti ed io non dispererei! Magari ci potrebbe tornare utile lottando su tre fronti chissà…………..

    Rispondi
  5. Che gente da 4 soldi,se resta mandiamolo ogni partita in tribuna.Cosi gli diamo una mano x farlo dimenticare ancora di piu,si ricorda di lui solo il Galatasaray e lo rifiuta pure,il barista è finito.Sempre forza Roma… 😎

    Rispondi
  6. allora se tanto devo tenermi la bambola xke UNA BESTIA no ncade ad ogni contrasto, do okaka in prestito al west ham e prendo il prestito berhami e lo svizzero lo compro il prossimo anno a titolo definitivo.
    però sta gente che nn vuole andare via tipo andreolli, baptista cerci hanno rotto le scatole.
    cerci poi, romano si dice che ha gia l’accordo con la fiorentina. io a sta gente la fischierei xke non merita di vestire la maglia giallorossa

    Rispondi
  7. MA GUARDA STO IDIOTA… STA A ROMA CN LE SPESSE NOSTRE SENZA FARE UN CAZZO. MOR TACCI TUA E DE QUANNO SEI VENUTO…. VATTTENEEEE!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi
  8. magari potrebbe risultare utile! Poi se si sbagliano acquisti non è colpa dei giocatori ma di direttori sportivi non all’altezza!

    Rispondi

Lascia un commento