Salgono le quotazioni di Bordalas


Gasperini resta all’Atalanta. La notizia era ormai nota, ma da ieri é ufficiale. Cosa come ufficiale é la sorpresa provata a Trigoria per il no del tecnico piemontese che fino a 48 ore fa sembrava sulla strada per la capitale. La dirigenza ieri si é riunita alla sede amministrativa dell’Eur, presente anche Totti che quindi avrà  voce in capitolo sul prossimo allenatore.

A dire il vero Gasperini era pi๠propenso ad andare alla Roma, ma il muro (con rilancio) di Percassi ha avuto la meglio. Cosa mentre il tanto sognato Conte già  programma la stagione con l’Inter, la Roma – che la stagione la inizierà  il 25 luglio – é ancora alla ricerca dell’ottavo tecnico dell’era americana.

Baldini ha riaperto l’agenda per passare al piano C. I primi tre nomi della lista erano nell’ordine: Giampaolo, De Zerbi e Fonseca. Ma nelle ultime ore é salita con forza la candidatura di José Bordalas, il tecnico che ha portato il Getafe dalla serie B spagnola alle soglie della Champions. Tutto questo ottenendo un fatturato da 58 milioni e con un tetto ingaggi da appena 39. L’ideale per i programmi giallorossi.

Il tecnico della Samp, invece, sembra essere il prescelto del Milan per il dopo Gattuso e darebbe la priorità  ai rossoneri che non l’hanno parcheggiato in terza fila come ha fatto la Roma. C’é il rischio quindi di un quarto rifiuto dopo quelli di Conte, Sarri e Gasperini. Un tentativo Baldini vuole farlo comunque prima di ripiegare sul ballottaggio De Zerbi-Fonseca.

Il tecnico del Sassuolo (9 vittorie in 38 partite quest’anno e due retrocessioni sul curriculum) ieri ha dichiarato: “Non mi ha ancora chiamato nessuno, ma mi piacerebbe restare al Sassuolo. Quando alleno lo faccio con l’idea di restare dieci anni in un posto”. Parole di circostanza. Di fronte a una chiamata da Roma non resterebbe indifferente.

Ancora pi๠propenso a sbarcare nella capitale é Paulo Fonseca, il tecnico dello Shakhtar che in Ucraina ha valorizzato giocatori come Taison, Fred e Marlos. La Roma? Sa, mi piacerebbe allenare in Italia, ha detto recentemente. Tutti nomi graditi a Baldini.

Totti, invece, spinge per Gattuso. Nella riunione di ieri si é parlato pure del suo ruolo che dovrebbe essere quello di direttore tecnico. Si sono offerti, invece, Mihajlovic, Benitez e Blanc. Il primo non convince per motivi ambientali, il secondo avrebbe il profilo ideale (curriculum ed esperienza italiana) ma il cambio di proprietà  al Newcastle dovrebbe convincerlo a restare in Premier. Il terzo non allena dal 2016.

(Leggo, F. Balzani)


Lascia un commento