Altri arresti ma lo stadio non è coinvolto

Ci risiamo. Altri arresti, altre manette, altro terremoto politico per colpa dell’incolpevole, perdonateci il gioco di parole, progetto del nuovo stadio della Roma a Tor di Valle. All’alba di ieri, i carabinieri arrestano Marcello De Vito, presidente del Consiglio comunale di Roma, pentastellato della primissima ora. (…)

Finisce in carcere alla stessa ora il suo sodale, l’avvocato Camillo Mezzacapo. Secondo l’ordinanza della gip Maria Paola Tomaselli, che ha risposto alle richieste della Procura della repubblica di Roma, il sistema era basato sull’«asservimento» della funzione pubblica di De Vito agli «interessi di natura privatistica facenti capo al gruppo Parnasi». Lo stadio, però, è solo un piccolo pezzo di un format corruttivo, che s’allarga come una macchia verso il centro della città e tocca l’area della stazione Trastevere e dell’ex Fiera di Roma. (…) E per i progetti su un’altra area, quella degli ex Mercati Generali, finiscono indagati anche Pier Luigi e Claudio Toti, quest’ultimo presidente della Virtus Roma di basket: i due sono stati ascoltati dal gip che ha emesso nei loro confronti un provvedimento di interdizione.

(…) Ma lo stadio della Roma cosa c’entra, quanto c’entra, dove c’entra? La risposta di James Pallotta da Boston è categorica: «Niente, questa storia non ha nulla a che fare con la Roma. Non sono né arrabbiato né preoccupato da quanto è successo. Mi auguro che i tempi di realizzazione del progetto non si allunghino». Mauro Baldissoni, il vicepresidente, intervistato da Sky, chiarisce che «non si parla di aspettative, ma del diritto a veder realizzato lo stadio nei tempi più rapidi possibili. L’approvazione della Conferenza dei servizi risale a 15 mesi fa, sullo stadio della Roma non ci possono e non ci debbono essere dubbi, è un diritto acquisito della Roma».

Il procuratore Ielo conferma un’altra volta che la «Roma non c’entra niente». Ma che cosa associa allora i reati contestati a De Vito e lo stadio? Il problema resta quello della «funzione pubblica mercificata e messa al servizio del privato al fine direalizzare il proprio arricchimento personale». Cioè: De Vito ha votato sì allo stadio perché ne aveva un interesse. Il che, spiega ancora Ielo, è una circostanza che prescinde dalla bontà del progetto e dalla sua legittimità e dalla correttezza dei vari passaggi amministrativi. Dunque, l’iter amministrativo non è sporcato dall’inchiesta a meno che non sopraggiungano altre circostanze e altri soggetti chiamati a indagare. (…)

(Gazzetta dello Sport)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.